DIEGO MARCON VINCITORE DEL MENABREA ART PRIZE 2013

menabrea art prizeUntitled Association e Birra Menabrea S.p.A. hanno il piacere di annunciare la vittoria di Diego Marcon (Busto Arsizio, 1985) al Menabrea Art Prize 2013, premio finalizzato alla promozione di artisti italiani emergenti non ancora rappresentati da gallerie. La giuria, presieduta quest’anno da Stefano Raimondi e composta da Giuseppe Alleruzzo, Benedetta Lucherini, Paola Maina, Danilo Ruggiero ed Andrea Sala, è stata chiamata a designare il vincitore della terza edizione del Premio. Il tema dell’edizione 2013 del Premio, proposto dal team curatoriale di Cura. è: ISTRUZIONI PER L'USO IN 8 MOSSE. La giuria ha così espresso la motivazione sulla scelta dell’etichetta proposta da Diego Marcon: "Il progetto di Diego Marcon ha convinto la giuria per la sua coerenza e originalità, sia a livello artistico che concettuale. […] Invece di creare un’etichetta immediata e facilmente riconoscibile l’artista invita le persone a servirsi della birra come luogo di incontro, curiosità, scoperta e condivisione. Il cruciverba che per sua natura è allo stesso tempo immagine e testo, diventa così interprete originale e convincente della Birra Menabrea”. L’etichetta di Diego Marcon è stata selezionata fra le proposte di Giorgia Accorsi (Latina,1977), Luca De Leva (Milano, 1986) e Daniele Milvio (Genova, 1988).

Per ulteriori informazioni è possibile scrivere a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Untitled Association and Birra Menabrea S.p.A. are pleased to announce that Diego Marcon (Busto Arsizio (VA), 1985) has won the Menabrea Art Prize 2013, the aim of which is to promote emerging Italian artists who are not yet represented by art galleries. T
his year the jury was chaired by Stefano Raimondi, and composed by Giuseppe Alleruzzo, Benedetta Lucherini, Paola Maina, Danilo Ruggiero and Andrea Sala. The theme of the Prize for the edition 2013, proposed by the curatorial team of Cura. is: INSTRUCTIONS FOR USE IN 8 MOVES. The jury expressed as the motivation on the choice of the label proposed by Diego Marcon: "The project presented by Diego Marcon convinced the jury for its consistency and creativity, both artistically and conceptually. [...] Instead of a straight informative label, the artist investigates the beer as a drink to enjoy and relax with friends, and the locus of curiosity, discovery and sharing. Hence crossword, which by its nature is both image and text, becomes the genuine and persuasive interpreter of Birra Menabrea values.” The label by Diego Marcon has been selected among those proposed by Giorgia Accorsi (Latina, 1977), Luca De Leva (Milan, 1986), and Daniele Milvio (Genova, 1988).

Additional information on the website
www.untitled-association.org or by emailing at Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

birra menabrea cruciverbaDiego Marcon

L’etichetta pensata per il Premio Menabrea è composta da uno schema di parole crociate all’interno del quale sono inseriti 13 termini che fanno riferimento alla Birra. Nello specifico, lo schema è di tipo “crucipuzzle”, una griglia in cui si sussegue una serie di lettere senza alcun ordine apparente – ma che invece contiene in sé diverse parole di senso. Queste parole, scritte in orizzontale, verticale, obliquo, da destra verso sinistra, dall’alto verso il basso e viceversa, andranno dedotte dai suggerimenti posti in calce allo schema e individuate all’interno della griglia. Nello schema posto sull’etichetta, come suggerimento al gioco, è in rilievo e cerchiata la parola Menabrea; le altre 13 sono disseminate all’interno della griglia. La bottiglia Menabrea diventa così un luogo fisico di incrocio – di incontro, condivisione e gioco.


The label designed for the Menabrea Prize is made up of a crossword puzzle within which thirteen words referring to the beer have to be identified by solving the clues. In particular, the schema is much more similar to a Word Search game, in which letters of a word in the grid are horizontally, vertically or diagonally, from left to right, and from top to bottom and vice versa; and containing several words with meaning. Clues are placed at the bottom of the grid. As a hint to the game, the diagram on the label has the word Menabrea circled and in relief, whereas the other thirteen terms are scattered throughout the grid. Thus, the Menabrea bottle becomes the physical place to meet, share, play.


 

 

 

            Daniele Milvio                 Giorgia Accorsi                 Luca De Leva

Menabrea

Untitled Association e Birra Menabrea S.p.A. hanno il piacere di annunciare la vittoria di Diego Marcon (Busto Arsizio, 1985) al Menabrea Art Prize 2013, premio finalizzato alla promozione di artisti italiani emergenti non ancora rappresentati da gallerie.


La giuria, presieduta quest’anno da Stefano Raimondi e composta da Giuseppe Alleruzzo, Benedetta Lucherini, Paola Maina, Danilo Ruggiero ed Andrea Sala, è stata chiamata a designare il vincitore della terza edizione del Premio.

Il tema dell’edizione 2013 del Premio, proposto dal team curatoriale di Cura. è: ISTRUZIONI PER L'USO IN 8 MOSSE.

La giuria ha così espresso la motivazione sulla scelta dell’etichetta proposta da Diego Marcon:

 

"Il progetto di Diego Marcon ha convinto la giuria per la sua coerenza e originalità, sia a livello artistico che concettuale. […] Invece di creare un’etichetta immediata e facilmente riconoscibile l’artista invita le persone a servirsi della birra come luogo di incontro, curiosità, scoperta e condivisione. Il cruciverba che per sua natura è allo stesso tempo immagine e testo, diventa così interprete originale e convincente della Birra Menabrea

 

L’etichetta di Diego Marcon è stata selezionata fra le proposte di Giorgia Accorsi (Latina,1977), Luca De Leva (Milano, 1986) e Daniele Milvio (Genova, 1988).

 

Per ulteriori informazioni è possibile scrivere a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Untitled Association and Birra Menabrea S.p.A. are pleased to announce that Diego Marcon (Busto Arsizio (VA), 1985) has won the Menabrea Art Prize 2013, the aim of which is to promote emerging Italian artists who are not yet represented by art galleries.


This year the jury was chaired by Stefano Raimondi, and composed by Giuseppe Alleruzzo, Benedetta Lucherini, Paola Maina, Danilo Ruggiero and Andrea Sala.
The theme of the Prize for the edition 2013, proposed by the curatorial team of
Cura. is: INSTRUCTIONS FOR USE IN 8 MOVES.

The jury expressed as the motivation on the choice of the label proposed by Diego Marcon:
 
"The project presented by Diego Marcon convinced the jury for its consistency and creativity, both artistically and conceptually. [...] Instead of a straight informative label, the artist investigates the beer as a drink to enjoy and relax with friends, and the locus of curiosity, discovery and sharing. Hence crossword, which by its nature is both image and text, becomes the genuine and persuasive interpreter of Birra Menabrea values.”

The label by Diego Marcon has been selected among those proposed by Giorgia Accorsi (Latina, 1977), Luca De Leva (Milan, 1986), and Daniele Milvio (Genova, 1988).

Additional information on the website
www.untitled-association.org or by emailing at Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .
 

 

 

Diego Marcon

L’etichetta pensata per il Premio Menabrea è composta da uno schema di parole crociate all’interno del quale sono inseriti 13 termini che fanno riferimento alla Birra. Nello specifico, lo schema è di tipo “crucipuzzle”, una griglia in cui si sussegue una serie di lettere senza alcun ordine apparente – ma che invece contiene in sé diverse parole di senso. Queste parole, scritte in orizzontale, verticale, obliquo, da destra verso sinistra, dall’alto verso il basso e viceversa, andranno dedotte dai suggerimenti posti in calce allo schema e individuate all’interno della griglia. Nello schema posto sull’etichetta, come suggerimento al gioco, è in rilievo e cerchiata la parola Menabrea; le altre 13 sono disseminate all’interno della griglia. La bottiglia Menabrea diventa così un luogo fisico di incrocio – di incontro, condivisione e gioco.


The label designed for the Menabrea Prize is made up of a crossword puzzle within which thirteen words referring to the beer have to be identified by solving the clues.
In particular, the schema is much more similar to a Word Search game, in which letters of a word in the grid are horizontally, vertically or diagonally, from left to right, and from top to bottom and vice versa; and containing several words with meaning. Clues are placed at the bottom of the grid. As a hint to the game, the diagram on the label has the word Menabrea circled and in relief, whereas the other thirteen terms are scattered throughout the grid. Thus, the Menabrea bottle becomes the physical place to meet, share, play.

 


Daniele Milvio
 


Giorgia Accorsi
 


Luca De Leva
 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Eventi