PORSCHE 911 TUTTA NUOVA, MA SEMPRE UGUALE!

Posche 911 2019

PORSCHE 911

TUTTA NUOVA, MA SEMPRE UGUALE!

A cura di Luca Medici

Tratto da:  

Milano 24orenews                   Roma 24orenews

Cover MI24 LugAgo 2019  Cover RM24 LugAgo 2019

Da cinque decenni la 911 è sempre se stessa, resiste alle mode, si migliora continuamente, ma resta fedele al progetto originale. Dal lontano 1963, anno di presentazione della prima serie, è cambiata sette volte, restando però sempre lei, la mitica, unica e iconica Porsche 911. Quest’ultima versione, a differenza di altre, non sembra (apparentemente) presentare grosse novità, ma se la guardi con un occhio attento al dettaglio le cose si fanno più interessanti. La serie 992 cambia soprattutto dentro e “sotto pelle”, lasciando la sua linea scolpita nella pietra così, proprio come piace ai suoi fan.

La prima serie, denominata 901, era lunga 4,14 metri e larga 1,61… questa nuova serie misura 4,52 metri per 1,84 di larghezza. Un’auto ben piantata a terra, la carreggiata infatti è più larga di ben 4,6 cm rispetto al modello precedente (la 991 che è stata presentata nel 2011). Il sei cilindri boxer è sempre posizionato a sbalzo dietro le ruote posteriori, ha una cilindrata di 2.981 cm3 e una potenza di ben 450 CV. Il prezzo per mettere in garage la Carrera S è di 126.520€, optional esclusi… la lista è molto lunga e costosa tanto da far lievitare il prezzo anche di 50.000€, avete capito bene, ben cinquantamila euro di optional! Soldi bene spesi, si intende, che comprendono optional da vera auto di lusso, qualche esempio? Se volete i freni carboceramici dovrete staccare un assegno di 9.162€, se invece volete spendere meno vi consiglio le barre antirollio attive (3.294€) oppure gli interni in materiale pregiato (4.075€), ma se volete essere tignosi non vi resta che spendere 116€ per avere la fascia scura sul parabrezza oppure il serbatoio maggiorato (90 litri per 195€).

A proposito di consumi, questo bolide percorre circa 10 km con un litro di carburante ed emette ben 235 g/Km di CO2, molta purtroppo, infatti c’è da mettere in conto un’eco tassa pari a 2.000€. Tre cose mi hanno colpito: una vera chicca sono le nuove maniglie a scomparsa che donano alle fiancate una pulizia ancora più marcata. Poi troviamo la nuova terza luce stop posteriore, diventata ora un vero oggetto di design, ma è lo spoiler posteriore che mi piace molto. Oltre ad avere un bellissimo design pensate che è regolabile (insieme alle prese dell’aria) in funzione della velocità e altri parametri, tra cui la modalità di guida selezionata oppure dall’apertura o meno del tetto apribile (optional a 1.732€). Se gli esterni sono cambiati poco, sono gli interni ad aver subito un vero e proprio maquillage. La pulizia generale è percepibile appena metti le mani sul volante. Molti pulsanti sono stati virtualizzati, grazie soprattutto al bellissimo schermo da 10,9 pollici che di fatto è diventato il vero punto focale del cruscotto. Sono stati sostituiti i classici cinque elementi rotondi del quadro strumenti con un più moderno e impattante modello virtuale. La leggibilità non è perfetta, ma l’effetto wow è garantito. L’ergonomia generale però è molto buona, tutto si trova al posto giusto! Le finiture sono degne di una super car, il livello è decisamente alto, difficile trovare difetti. Ultime note, il motore ha due turbine che lo rendono fantastico in tutte le situazioni, fedele alla tradizione Porsche. La ripresa è bruciante e il cambio, un Pdk completamente nuovo a 8 marce, è a dir poco divertente. Insomma, questa nuova 911 saprà regalare ai fortunati driver molte emozioni, nel pieno rispetto della tradizione. Un’icona che ancora oggi stupisce, come 53 anni fa!

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Eventi