Mibac 280x120banner fiere 345x120

CEREALI: IL TERREMOTO IN GIAPPONE SI RIPERCUOTE ANCHE SUI PREZZI DEI CEREALI

 

 

MERCATO ITALIANO - Grano Tenero

Influenzata dall’andamento dei mercati esteri, la settimana è stata all’insegna di forti ribassi. 
Soprattutto in Piemonte – che subisce le conseguenze del vicino mercato Francese – il frumento tenero è passato da offerte di 285 euro/t «arrivo» della scorsa settimana a 260 euro/t  venerdì 11 marzo. 

Queste quotazioni hanno ovviamente influenzato tutta Italia anche se non con la stessa intensità del Piemonte. In questa atmosfera i compratori si sono astenuti completamente in attesa di prezzi ancora più bassi e, ovviamente, anche il nuovo raccolto è stato ignorato.

Il grano foraggero ha avuto lo stesso comportamento del molitorio e sono state segnalate offerte – già da martedì 8 marzo – a 260 euro/t arrivo Lombardia di grano tedesco per finire, venerdì 11 marzo, a 10 euro in meno.

 

MERCATO ITALIANO - Grano Duro

Il mercato italiano ha seguito l’andamento ribassista del mercato tenero e pertanto ha perso 4-5 euro a inizio settimana e altri 4-5  alla fine: quello che si è verificato con i listini di Milano prima e Bologna poi. 

La settimana comunque è passata senza segnare affari: niente di strano dal momento che i mercati sono così cedenti. Sul mercato del prodotto zootecnico si sono viste offerte anche a 245 euro/t arrivo senza compratori.





MERCATO ITALIANO - Mais

 
Anche il mais ha seguito il ribasso del grano tenero, ma non con la stessa intensità: i venditori sono sulla difensiva e il «pronto», da 240 euro/t partenza della scorsa settimana, è finito a 235. 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Altro