Mibac 280x120banner fiere 345x120

PAOLO D'ARPINI: ''Energia veramente pulita... non una scusa per incentivare il sistema consumista...''



"Energia veramente pulita...

non una scusa per incentivare il sistema consumista.."

a cura di Paolo D’Arpini…

Produzione energetica da fonti pulite e rinnovabili..? Va bene... ma non con metodi che incentivano il meccanismo consumista ed industriale...

Ancora una volta debbo ritornare sul tema della produzione energetica pulita. Mi spiace doverlo fare perché stavolta debbo partire lancia in resta contro “le finte produzioni energetiche pulite”. In questo momento d'attesa sclerotica del picco del petrolio l'opzione nucleare viene spacciata come una soluzione praticabile ed intanto il sistema industriale e tecnologico spinge contemporaneamente verso processi “alternativi” che soddisfano invece l'esigenza della continua “crescita”...

Ad esempio negli ultimi giorni son tornato spesso sull'argomento dell'impianto a colza di Monterosi (Viterbo) su cui ho ricevuto vari commenti. Sergio Baffoni, di Ecologia Peacelink, dice: “Bruciatore ad olio di colza di Monterosi...? Il problema aggiuntivo è che dato che l'olio di colza non ha una resa altissima, a meno di non  alimentare la centrale con forti sovvenzioni per sostenere qualche lobby agricola, sarà necessario passare all'olio di palma. Con tutte le conseguenze per la deforestazione, le violazioni dei diritti delle comunità locali e soprattutto il danno al clima (conversione delle torbiere in piantagioni e rilascio di massicce quantità di CO2 in atmosfera)”

Insomma la centrale ad olio di colza di Monterosi è un fulgido esempio di come l'industria pesante e la finanza continuino ad occupare ogni ambito di produzione energetica, anche quello delle rinnovabili. Vedasi il fiorire di mega torri eoliche nelle nostre campagne o la copertura di migliaia di ettari coltivabili con neri pannelli solari.

Infatti bisogna smetterla -afferma il prof. Benito Castorina-  di identificare le rinnovabili col fotovoltaico che sta invadendo le campagne con milioni di mc. di cemento armato, acciaio, silicio, per la produzione dei quali bisogna bruciare quantità enormi di petrolio, scavare gli inerti dalle montagne, inquinare l’aria e surriscaldarla per un beneficio illusorio se consideriamo che su un metro quadro di superficie il sole scarica più di un kw di energia che viene totalmente utilizzata dalle piante, cosa che i pannelli solari si sognano...”

 “Poi va considerato il costo dello smaltimento successivo di questi impianti solari a terra... - conclude Castorina- domani sarà un problema demolire e buttare in discarica questi pannelli per ripristinare i campi di grano e le vigne e gli aranceti che oggi sono fatti abbandonare perché non rendono al contadino quanto un impianto  fotovoltaico (grazie agli sproporzionati incentivi)”

L'Italia paga milioni di euro per l’inquinamento da gas serra ed è importante riuscire a spostare l'attenzione sulle fonti rinnovabili veramente pulite ed accessibili, come potrebbe essere la produzione energetica da biomassa.. ma non quella con combustibili liquidi, come la colza o l'olio di palma, che richiedono una lavorazione industriale e una  produzione agricola intensiva e inquinante.  La biomassa è preferibile da colture dedicate che abbiano anche usi collaterali e non il solo scopo di produrre combustibile.

Una biomassa che produca energia, etanolo biodiesel, biogas, syngas, carta, polimeri, mobili, medicine e chi più ne ha più ne metta, compreso l’eliminazione dei rifiuti, riciclaggio e tutte le cose che hanno senso per una fase transitoria nell'era del dopo petrolio.

Anche European Consumers è tornata sull'argomento della centrale termoelettrica di Monterosi: “Il 7 aprile 2011  è stata inviata , una raccomandata RR. - Interrogazione - indirizzata al sindaco di Monterosi ed al presidente della Provincia di Viterbo - Afferma l'avv. Vittorio Marinelli, presidente dell'associazione - Questo passo a favore dei consumatori ed a tutela dell'ambiente non deve essere interpretato come una negazione a produrre energia elettrica da fonti alternative.. Anzi è proprio negli intendimenti di European Consumers dedicare la massima attenzione alle fonti rinnovabili (vedi le diverse azioni sulla Free Energy: http://www.google.com/search?client=gmail&rls=gm&q=european%20consumers%20free%20energy). 

E' perciò assolutamente necessario che la produzione energetica non sia una scusa per continuare ad utilizzare metodi che vanno a nocumento dell'ambiente e della salute. Decrescere, decrescere e prendere coscienza della comune appartenenza all'evento vita... E per concludere.. una domanda: “Dove andranno a finire quei milioni di ettolitri di acqua super radioattiva riversati in mare a Fukushima...?”

Altri articoli:

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Altro