Mibac 280x120banner fiere 345x120

EMILIA ROMAGNA. PARMA. SETTIMANA DEL MIGRANTE fino al 13 novembre 2011

PARMA- Parte sabato 5 novembre l’edizione 2011 della Settimana del migrante, festival dell’intercultura giunto alla quinta edizione. In programma spettacoli, incontri, degustazioni etniche, mostre, animazione per bambini e ragazzi e molto altro, compreso un torneo di calcio a 5 intitolato a Giacomo Truffelli, per promuovere e valorizzare le associazioni di stranieri della provincia di Parma. L’iniziativa è organizzata dalla Provincia di Parma in collaborazione con Forum Solidarietà – Centro Servizi per il volontariato, ed è realizzata con il contributo della Fondazione Cariparma. Fondamentale come sempre il ruolo delle associazioni di stranieri: gli eventi della Settimana sono infatti interamente realizzati da oltre trenta associazioni di volontariato, attive a Parma e nel Parmense ma non solo.Nella giornata inaugurale, sabato 5 novembre, quattro gli appuntamenti. Tre sono a Parma e uno a Fornovo. A Parma si comincia alle 16 allo spazio donne migranti Hina (viale dei Mille, 54/A) con “I colori della natura”: pittura e libri di Eva Fodor, pittrice e scrittrice ungherese, su miti, tradizioni e religioni. È previsto un dibattito con l’autrice e Asta Vinci di Milleunmondo, associazione promotrice dell’evento; la mostra rimarrà aperta dal 7 al 12 novembre 2011 dalle 15 alle 18. Secondo appuntamento parmigiano alle 18 alla Biblioteca internazionale “Ilaria Alpi” (vicolo delle Asse, 5) con la mostra fotografica “Scatti e simboli di interculturalità”, curata dagli Amici d’Africa in collaborazione con altre associazioni; la mostra resterà aperta dal 5 al 12 novembre 2011 dalle 9 alle 20. Alle 20,30, all’Auditorium Toscanini di via Cuneo, “Gosspel”: coro, sfilata e danza, organizzati sempre dagli Amici d’Africal’appuntamento a Fornovo si terrà alle 10,30 al Cinema Lux (via Battisti) ed è organizzato dall’Associazione Bel-agire: “Razzismo & Bullismo”, con letture tratte dal libro “Il razzismo, spiegato a mia figlia” di Taher Benjalloun e spunti dal film “La Classe” di Laurent Cantet.

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Altro