Mibac 280x120banner fiere 345x120

ROMA. VITTORIANO, APPUNTAMENTI D’ARTE E MUSICA fino al 30 settembre

Note, parole e colori nell’estate romana 2016

Nuovo appuntamento con le Conversazioni d’Arte al Vittoriano

L’artista turca Hera Büyüktaşçiyan e la ricercatrice Silvia Pedone

"Culto e divieto delle immagini"

AL VITTORIANO RIPRENDONO GLI INCONTRI D'ARTE CON HERA BÜYÜKTAŞÇIYAN E SILVIA PEDONE -  DEL VITTORIANO

roma vittoriano 2016 

Mercoledì 14 Settembre ore 20.00 – Terrazza del Vittoriano

INGRESSO GRATUITO

Dopo il grande successo dei concerti di musica Jazz, che hanno visto il Vittoriano protagonista dell’estate romana, proseguono sulla Terrazza Panoramica gli appuntamenti d’arte e musica con il ciclo di conversazioni d’arte curate da Maria Giuseppina Di Monte che ripartono mercoledì 14 settembre alle 20.00 e che coinvolgeranno nelle prossime settimanealcuni dei più importanti artisti e intellettuali italiani e stranieri chiamati a dibattere intorno ai rapporti tra arte, società, politica e religione. Mercoledì 14 sarà la volta dell’artista turca di origine armena, Hera  Büyüktaşçiyan  a dibattito con  la storica dell’arte Silvia Pedone (Koç University di Istanbul) sul tema “Culto e divieto delle immagini”, argomento che mai come in questi giorni è tornato alla ribalta nella controversia sul tema dell’estetica della donna nel mondo arabo e in quello occidentale. Ancora spazio alle donne con i concerti per la rassegna “Sotto le stelle di Roma” che vedrà protagonista, venerdì 16 settembre, la giovane cantante e musicista Joan Thiele, ma anche la mostra fotografica “Lucio Dalla, immagini e suoni” aperta fino al 2 ottobre.

Il dibattito tra l’artista Hera Büyüktaşçiyan e la ricercatrice Silvia Pedone turca affronterà la delicata questione delle immagini tra tradizione e modernità, toccando il problema del divieto delle immagini (iconoclastia vs idolatria) a cui fanno capo tradizioni culturali da sempre contrapposte, ma anche un dialogo sull’identità storica delle tradizioni visive e sul tema della memoria. Tematiche riportate all’attenzione globale a seguito dei drammatici eventi di attualità, in cui chi opera come artista è chiamato a rispondere con un rinnovato impegno al recupero del passato.

Hera Büyüktaşçiyan, una delle giovani artiste turche più attive a livello internazionale, nelle sue opere esplora i tempi della migrazione, della giustizia e della riconciliazione, dando vita – in un gioco in cui si intrecciano il poetico e il prosaico - ad installazioni in cui il passato si fonde con il presente e l’attualità. 

Silvia Pedone, ricercatrice presso la Koç University di Istanbul, già assegnasta presso l’Università del Salento di Lecce, si occupa di tematiche legate all’arte e alla cultura di Bisanzio. Membro di diversi progetti internazionali in Turchia, con approfondimenti sul tema della produzione scultorea di età tardo-antica e medio-bizantina; è esperta dello statuto delle immagini nella cultura visiva bizantina.

Gli appuntamenti d’arte proseguiranno per tutto il mese di settembre con le conversazioni fra l’artista Matteo Montani e Gabriele Simongini (21 settembre), l’artista Pietro Ruffo e Paolo Fabbri (27 settembre) e l’artista svizzero Zimoun e Guido Comis (29 settembre).

Le “conversazioni d’arte al Vittoriano” fanno parte della rassegna estiva gratuita "Vittoriano, appuntamenti d’arte e musica”, organizzata dal Polo Museale del Lazio, che si svolge dal 1 luglio al 30 settembre presso la Terrazza Panoramica del Vittoriano e comprende concerti Jazz e incontri con i protagonisti dell’arte contemporanea e la mostra fotografica “Lucio Dalla, immagini e suoni” inaugurata lo scorso 22 luglio e aperta fino al 2 ottobre presso la sala Zanardelli del Vittoriano.

La mostra e gli eventi sono tutti ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

I PROTAGONISTI

Hera Büyüktaşçiyan è nata nel 1984 ad Istanbul dove vive e lavora. Nel 2015 ha partecipato alla   56th Biennale di Venezia ed è stata premiata con il leone d'oro per la migliore partecipazione nazionale nella Repubblica Armena.

Nel 2008  ha esposto alla  Internationale Sommerakademie für Bildende Kunst di Salisburgo, e nel 2006 alla  Marmara University di  Istanbul dove ha ottenuto  il Fine Arts  Faculty Awards. Nel 2001, ha ricevuto l’Armenian Patriarchate Painting Award della Calouste Gulbenkian Foundation di Lisbona. Ha esposto in numerose mostre personali ed è fra le artiste turche più giovani e attive a livello internazionale.

Silvia Pedone è ricercatrice alla Koç University di Istanbul, già assegnista di ricerca all’Università di Lecce, è membro dell’Associazione Italiana di Studi Bizantini, dell'Associazione Orientalisti e dell' Association des étudiants du monde byzantine. Si occupa di arte bizantina, orientalismo, scultura decorativa e teoria dell'ornamento. Fra le pubblicazioni più recenti: “Vedere Bisanzio da nessun luogo. I limiti di una “visione” estetica condizionata”, in V. Cantone, S. Pedone (eds.), Phantazontes. Visioni dell’arte bizantina, Cleup, Padova (2013); “When gold is not old-age”, in Bill Claps, Catalogue of Exhibition, Rome, Primamusa, 2014; “La fontana di Kirkçesme a Istanbul: un caso di reimpiego bizantino in età ottomana, in Rivista dell’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte, anno XXXIV (2014); “La passione aurea. Il colore dell’oro a Bisanzio”. Atti del Convegno, Sapienza Università di Roma, Campisano Editore (2015).

Organizzazione

Polo Museale del Lazio

Edith Gabrielli

Monumento a Vittorio Emanuele II (Vittoriano)

Gabriella Musto

Coordinamento organizzativo

Maria Antonietta Curione

Programmazione musicale a cura di Ernesto Assante

Conversazioni d’arte a cura di Maria Giuseppina Di Monte

Mostra fotografica su Lucio Dalla a cura di Ernesto Assante

Gli eventi musicali e le conversazioni d’arte della rassegna “Vittoriano, appuntamenti d’arte e musica” sono gratuiti, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti.

http://www.polomusealelazio.beniculturali.it

Hera Büyüktaşçiyan, una delle giovani artiste turche più attive a livello internazionale, nelle sue opere esplora i tempi della migrazione, della giustizia e della riconciliazione, dando vita – in un gioco in cui si intrecciano il poetico e il prosaico - ad installazioni in cui il passato si fonde con il presente e l’attualità. 
Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Altro