Mibac 280x120banner fiere 345x120

SCIENCE FOR PEACE 2013

Un territorio chiamato Europa

tratto da Milano 24orenews dicembre 2013

Paolo Veronesi Presidente della Fondazione Veronesi, Alberto Martinelli Vice Presidente di Science for Peace e Umberto Veronesi Presidente di Science for PeaceDi Europa si è occupata questa 5a Conferenza Mondiale Science for Peace, organizzata e promossa dalla Fondazione Veronesi. Una due giorni di convegni e dibattiti presso l'Aula Magna dell'Università Bocconi di Milano, per parlare di integrazione, di ricerca, di progresso, e del contributo che la Scienza può dare al raggiungimento e alla formazione di una cultura di pace. Confini, frontiere, linee che delimitano territori, spazi, luoghi, ma anche appartenenze, parametri, visioni, ostacoli, gabbie, utopie. Perché all'Europa delle banche, di Bruxelles e degli interessi economici si vogliono allargare i confini, per fare l’Europa delle persone, dei territori, delle contaminazioni culturali, dei diritti civili condivisi. Tanti gli studiosi, esponenti del mondo scientifico e istituzionale intervenuti, da Jody Williams, premio Nobel per la Pace nel 1997 a Giancarlo Aragona, Alberto Martinelli, Kathleen Kennedy Towsend - Vice Presidenti di Science for Peace - a John Breully, professore alla London School of London. E naturalmente Umberto Veronesi. Si è voluto dare a tutti i presenti, moltissimi come sempre i giovani, l’idea che stiamo camminando su confini tracciati da sempre, ma che nel territorio Europa si sono mischiati, confusi, unificati, purtroppo non sempre in termini etici. Nelle sei tavole rotonde molti i temi affrontati. “Europa tra Federalismo e Nazionalismi”; i tanti scontri ideologici attualmente in corso in tutta la Comunità. “Verso il Federalismo Europeo”, da tempo un auspicio molto sentito che la crisi finanziaria mondiale obbliga a prendere in seria considerazione. “Strategie e sfide per la Politica Agricola Comune”, agricoltura storicamente forte nel continente europeo alla quale conferire mezzi adeguati per il futuro. “Scienza e Fede in Europa”, indagine fra l’essere scienziato e avere una propria fede religiosa. “Difesa: mercato senza crisi”, sono ancora troppi e mal distribuiti gli stanziamenti per le armi in tutta Europa. “Sistemi giudiziari e carcerari in Europa”, l’Italia è da tempo sotto accusa, il confronto con gli altri Stati Europei è scoraggiante. L’Unione Europea, Premio Nobel per la Pace, è diventata così l’ospite assoluto di questa quinta edizione.

ART FOR PEACE AWARD

Anche quest’anno è stato assegnato un importante riconoscimento a chi promuove una cultura di pace. Ha ricevuto il premio 2013 la cantante del Mali, Fatoumata Diawara, in arte Fatou, per il forte impegno a favore dei diritti delle donne. Fatou denuncia con la sua musica le violenze e i pregiudizi culturali di cui sono vittime le donne africane, esprimendo comunque la forza di un necessario rinnovamento culturale e sociale. Nel 2009 vinse il premio il Maestro Daniel Barenboim per aver creato una orchestra che riunisce musicisti palestinesi e israeliani. Nel 2010 toccò al regista Xavier Beauvois, per il suo straordinario film “Uomini di Dio”. Nel 2011 il premio andò al fotoreporter Joao Silva per i suoi “scatti” sempre tesi a cogliere la volontà di raggiungere un cambiamento. Il 2012 fu l’anno dello scrittore e saggista David Grossman per la sua continua testimonianza a favore del dialogo contro la violenza.

L’appuntamento è per la sesta edizione, nel 2014.

Dario Bordet

Photo Gallery © Nick Zonna

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Altro