Mibac 280x120banner fiere 345x120

MILANO - CASTELLAZZO. VILLA ARCONATI-FAR RIAPERTURA PRIMAVERILE

Facciat sud 30 aprile 2017

MILANO - CASTELLAZZO

PRIMAVERA 2019  RIAPRE VILLA ARCONATI-FAR

TUTTE LE NOVITADEF.Abiti dEpoca FAR 2019 3

Castellazzo in via Madonna Fametta,1 in provincia di Milano,  dopo una sempre più breve chiusura invernale, Villa Arconati-FAR è pronta per riaprire con alcuni tra gli appuntamenti irrinunciabili per il pubblico e grandi novità. Fondazione Augusto Rancilio ha in serbo un ricco calendario di eventi per tutti i gusti, per riportare la Villa al centro del panorama artistico e culturale milanese, nazionale e internazionale. Domenica 24 marzo dalle ore 11.00 sarà la giornata di inaugurazione di Stagione, con alcuni tra gli appuntamenti ormai imperdibili per il Pubblico: - Villa Arconati-FAR torna nel Settecento: Grazie alla collaborazione con i rievocatori della Compagnia Carlo De’ Cristoforis, la Villa si re-immergerà nelle atmosfere barocche del Settecento, il secolo d’oro della “piccola Versailles”, alla corte di Giuseppe Antonio Arconati. Grande appassionato di tutte le arti, fu mecenate del commediografo Carlo Goldoni, che gli dedicò la sua pièce “La putta onorata”, e per lui fu realizzato lo splendido affresco della Sala di Fetonte, dipinto con squisita maestria dai Fratelli Galliari, gli scenografi della Scala. Per tutta la giornata personaggi in abiti d’epoca faranno rivivere al Pubblico le atmosfere dei salotti settecenteschi con la cerimonia del tè e della cioccolata. - Per immergersi totalmente nell’atmosfera che si viveva in Villa nel Settecento alle ore 16.00 ci sarà una esclusiva visita guidata in abito d’epoca: la Padrona di casa accompagnerà gli ospiti alla scoperta dei segreti della sua aristocratica dimora, alla “corte” di Giuseppe Antonio Arconati.

- Torna a zampillare la fontana dei Tritoni: uno dei capolavori scultorei del giardino, la fontana dei Tritoni, costruita su disegno di Camillo Procaccini, torna a zampillare per la prima volta dopo più di un secolo. L’intervento di restauro (durato ben 6 mesi nel 2018) ha riportato alla luce i giochi d’acqua originali e ha fatto tornare al loro antico splendore le meravigliose sculture in pietra arenaria e in marmo di Candoglia, oltre al bellissimo motivo ornamentale del fondo in ciottoli di fiume serpentino e bianchi.

prestito Dodo Carrozze 2019 1

- Carrozze d’Epoca: nuovi spazi saranno aperti al pubblico nel corso del 2019, tra questi già dal 24 marzo tre ex-magazzini nel cortile accanto alle Scuderie Nobili, all’interno delle quali verrà aperta una mostra permanente di carrozze originali d’epoca, adibite a trasporto pubblico e privato di fine Ottocento e inizio Novecento. L’esposizione è realizzata grazie al prestito di Dodo Carrozze.

- Prosegue anche nel 2019 l’esposizione delle opere di Kiron Espace: sei sale del piano nobile prendono nuova vita grazie all’opera di sei tra gli esponenti più rappresentativi della ricca collezione d’arte contemporanea della galleria parigina. A queste sei sale se ne aggiunge una con un protagonista d’assoluta eccezione: Egidio Costantini, il “maestro del vetro” che collaborò tra gli altri con Oskar Kokoschka, Marc Chagall, Pablo Picasso, Jean Arp, Max Ernest e Peggy Guggenheim.

Fondazione Augusto Rancilio si conferma, dunque, punto di riferimento per la valorizzazione dell’arte contemporanea italiana.

- Visite guidate esclusive. Tanti sono i modi per conoscere e vivere Villa Arconati-FAR: una passeggiata nel meraviglioso giardino, un gustoso brunch o uno sfizioso happy hour preparati dal Caffè Goldoni, una visita alle mostre storiche e contemporanee. Ma per chi vuole scoprire proprio tutti i segreti della Villa e immergersi nella sua storia secolare, FAR propone esclusive visite guidate per conoscere la storia che ha reso unico questo luogo ed avere la possibilità di visitare alcuni tra gli ambienti più intimi (e non accessibili altrimenti) tra i quali la splendida Ala delle Signore: ore 11.30 – 14-30 e 17.30 (€ 3,00) | ore 16.00 visita guidata in abito d’epoca (€ 5,00)

DELIZIE PER TUTTI I GUSTI AL CAFFE’ GOLDONI

Il Caffè Goldoni, il cui nome rende omaggio al celebre commediografo ospite in villa alla corte di Giuseppe Antonio Arconati nelle estati di metà Settecento, offre ai visitatori una ricca selezione di cibi, bevande, merende dolci e salate. Organizza, inoltre, tutte le domeniche l’elegante brunch nella Sala Rossa dalle ore 12.00 alle 15.00 (25 euro comprensivi di acqua, vino e caffè) e dalle 17.30 l’happy hour (10 euro).

Villa Arconati-FAR riapre al pubblico tutte le domeniche dal 24 marzo dalle 11.00 alle 19.00. (L’accesso al parco è consentito fino alle ore 18.30)

Ingresso € 7,00 Ridotto € 5,00

Visita guidata a turno fisso (prenotazione in loco) ore 11.30 – 14.30 – 17.30 | € 3,00   Visita guidata in abito d’epoca (prenotazione in loco) ore 16.00 | € 5,00

Per conoscere tutti gli eventi in programma consultate il nostro sito internet www.villaarconati-far.it e seguite le nostre pagine Facebook e Instagram.

Prossimi appuntamenti:

- da venerdì 5 al domenica 7 aprile | ARROSTICINI vs BOMBETTE FESTIVAL: la primavera di Villa Arconati-FAR prende il via all’insegna del buon cibo, dell’allegria e del divertimento. Riapre il Teatro delle Ortaglie con una tre-giorni dedicata ad una simpatica “sfida” golosa e gustosa: la Puglia e l’Abruzzo si sfidano a colpi di gusto nella prima edizione di un nuovo appuntamento dedicato alle eccellenze dell’enogastronomia. 40 metri lineari di griglie, tanti tipi di carne, le birre artigianali del Birrificio Follia Pura, giochi per tutte le età, un’area bimbi con animazione e tanto altro!

- Domenica 14 aprile | IN VILLA CON GLI ASBURGO: nel 160° anniversario della Seconda campagna d’indipendenza d’Italia, e per ricordare gli Arconati al servizio di S.M. Maria Teresa d’Austria, i rievocatori della Compagnia Carlo De’ Cristoforis faranno rivivere una giornata nell’Ottocento, con militari in uniforme austriaca, dame e gentiluomini in abiti d’epoca.

- Manca ormai pochissimo e Fioritura in Villa vedrà sbocciare la primavera a Villa Arconati-FAR: lo scorso novembre sono stati piantumati 11.500 bulbi di tulipano e 8.160 bulbi di narciso su una superficie di 370 mq per il progetto Fioritura in Villa, che consentirà al pubblico di godere dello spettacolo della primavera grazie alla valorizzazione di una nuova area verde della Villa. I visitatori potranno immergersi nei colori della primavera e portarsi a casa un delizioso bouquet.

L’accesso al “giardino dei fiori” sarà consentito a fioritura iniziata (la data di apertura del campo sarà comunicata a breve).

€ 3,00 con 2 bulbi inclusi – ad ogni bulbo aggiunto € 1,50

L’iniziativa è promossa da Fondazione Augusto Rancilio con Flower your Place e Cooperativa Sociale Onlus Demetra, con il sostegno della Pro Loco di Bollate.

LEONARDO TORNA A CASA

A partire da Maggio, in concomitanza con l’inizio delle celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo, Fondazione Augusto Rancilio ospita a Villa Arconati-FAR due mostre dedicate al Genio. E come potrebbe essere altrimenti? Villa Arconati fu, infatti, nel Seicento la “casa” del Codice Atlantico!

Quando il Codice Atlantico era a Villa Arconati: è universalmente noto che il Codice Atlantico sia conservato presso la prestigiosa istituzione della Biblioteca Ambrosiana di Milano. Ma come arrivò lì questo testo unico di Leonardo? Di chi era prima che fu ceduto all’Ambrosiana quale dono alla città di Milano? A inizio Seicento il Codice Atlantico fu acquistato dal Conte Galeazzo Arconati Visconti, nipote per parte materna del Cardinale Federico Borromeo, dagli eredi di Pompeo Leoni, insieme ad altri 11 codici leonardeschi. L’Arconati, che aveva acquistato il Castellazzo nel 1610, studiò i progetti contenuti nel Codice per la costruzione dei giochi d’acqua del giardino di Villa Arconati. L’Arconati, che comprese prima di tutti l’unicità di questo importantissimo testo, decise di donarlo nel 1637 alla Biblioteca Ambrosiana, quale suo regalo alla città di Milano. Da allora, per una clausola contenuta nel lascito, gli eredi maschi della Famiglia Arconati ebbero diritto di studiare il Codice per la propria formazione personale.

Con Leonardo a Villa Arconati-FAR, il Codice Atlantico e l’incontro con la cultura del nostro tempo

La mostra, dopo oltre 400 anni, riporta in Villa Arconati-FAR il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci e, insieme, propone ai visitatori un viaggio nella curiosità e nell’immaginazione. Il Codice, infatti, ritorna in villa grazie alla prima riproduzione integrale in stampa eliotipica, curata dall’Accademia dei Lincei fra il 1894 e il 1904, che oggi viene messa a disposizione dalla casa editrice Anthelios, che detiene una delle poche copie ancora conservate. Una mostra eccezionale che consentirà ai visitatori di ammirare l’intero Codice, esposto in successivi cicli tematici, nel corso del 2019 e 2020. Un’occasione per esporre le tavole del genio toscano ma soprattutto per raccontare come la sua opera sia ancora attuale. La curiosità che spinse Leonardo all’innovazione delle conoscenze tecniche del suo tempo è la stessa che ancora oggi ispira studiosi e scienziati nel loro lavoro. L’esposizione sarà, dunque, anche un’opportunità per incontrare il presente e pensare il futuro. Accanto all’opera di Leonardo sarà possibile, infatti, vedere opere di tecnologia e partecipare agli “Incontri con Leonardo”, appuntamenti con esponenti del mondo della cultura e della scienza.

La mostra è realizzata in collaborazione con Anthelios Edizioni | www.anthelios.it

Gli incontri sono realizzati in collaborazione con Anthelios Edizioni, Comune di Bollate – Assessorato alla Cultura e Pace, Associazione Vivere Castellazzo.

A come Leonardo. Esperienza Fluorescente

Un racconto per immagini che si sviluppa all’interno di ambienti di Villa Arconati-FAR mai aperti prima. Un percorso che pone al centro il visitatore, mettendo in dialogo Leonardo e l’unicità della villa degli Arconati. 3 Stanze buie, illuminate solo da lampade di Wood e accessibili grazie a una nuova tecnologia di stampa a toner fluorescenti. Immagini antiche e oggetti presenti acquistano nuovo significato grazie a una visione emotiva stimolata da colori non convenzionali ed effetti olografici. L’obiettivo è quello di scoprire la storia non più attraverso la realtà dei fatti ma grazie alla percezione personale, ciascuno per proprio conto. Una modalità di visita sperimentata per la prima volta in Italia che favorisce il coinvolgimento di tante tipologie di pubblico accogliendone le diverse esigenze di visita. La mostra è realizzata in collaborazione con Alveare Coop. Sociale Onlus –Bollate che opera dal 2001 creando occasioni di lavoro per persone svantaggiate; obiettivo di Alveare è realizzare un laboratorio per la stampa fluo nel quale possano lavorare persone fragili e svantaggiate, realizzando articoli prevalentemente destinati a percorsi terapeutici riabilitativi (decadimento cognitivo, Alzheimer, ipovisione ecc) | www.alveare.coop

E inoltre

Fondazione Augusto Rancilio in collaborazione con la Compagnia del Tempo Perso intende rendere omaggio a Leonardo e al suo legame con Galeazzo Arconati anche attraverso il teatro: metterà in scena da fine maggio Nobili e Servi, la divertente pièce in italiano e milanese scritta dal Prof. Carlo Dones che narra la vicenda della donazione del Codice Atlantico all’Ambrosiana nell’intreccio delle vite di Galeazzo Arconati e del suo figlio illegittimo, Padre Luigi Maria.

Domenica 5 maggio, in concomitanza con la giornata di apertura delle due mostre dedicate al Genio, Fondazione Augusto Rancilio ospita nella Sala Museo di Villa Arconati-FAR – uno degli ambienti maggiormente caratterizzanti la figura di Galeazzo Arconati – una conferenza patrocinata della Città Metropolitana di Milano dello storico dell’arte e divulgatore Dott. Luca Tomio.

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Altro