Mibac 280x120banner fiere 345x120

BRESCIA. ACQUE E TERRE FESTIVAL 2011 - dal 21 giugno al 17 luglio


Provincia di Brescia

Assessorato alle Attività e Beni culturali

e alla Valorizzazione delle Identità,

Culture e Lingue locali

Comunità Montana di Valle Sabbia

 

Comuni di Calcinato, Calvagese della Riviera, Gavardo, Nuvolento, Nuvolera, Odolo, Paitone, Sabbio Chiese, Serle, Soiano del Lago, Vallio Terme, Villanuova sul Clisi, Vobarno e Associazione Amici della Fondazione Ugo Da Como di Lonato del Garda

Acque e Terre

Festival 2011

Concerti, spettacoli, itinerari tra fiume, colline e lago

ACQUE E TERRE FESTIVAL 2011

Concerti, spettacoli, itinerari tra fiume, colline e lago

 

Torna anche nel 2011 un appuntamento ormai atteso dal pubblico bresciano, quello con Acque e Terre Festival, una rassegna che dal 2005 ad oggi si è radicata profondamente nel territorio, creando delle forti sinergie con istituzioni pubbliche, associazioni, e realtà private realizzando un fitto calendario di appuntamenti molto spesso unici per contenuto e inseriti in contesti e paesaggi particolari, a volte sconosciuti al pubblico.

In sette anni Acque e Terre ha programmato circa 300 appuntamenti che hanno avuto enorme successo di pubblico: più di 70.000 le presenze nella storia del festival, con picchi di oltre 1000 spettatori in alcuni spettacoli. 13 il numero dei comuni coinvolti nell’edizione 2011 oltre all’Associazione Amici della Fondazione Ugo Da Como di Lonato del Garda. Una scommessa vinta da quanti hanno creduto sin dall’inizio alla validità di questo progetto: Amministratori Comunali, ideatori, Provincia di Brescia, Comunità Montana di Valle Sabbia e sostenitori privati.

Acque e Terre Festival nasce nel 2005 con l’intento di creare un legame significativo e stimolante fra l’ambiente, il territorio, la musica e il teatro. Un progetto che racconta la vita e le cultura delle nostre genti e di altri popoli che come noi sentono la necessità di mantenere viva la memoria delle proprie radici. Due le linee guida che hanno caratterizzato il progetto fin dalla sua nascita: da un lato la proposta di concerti di musica etnico popolare che non ha avuto eguali in Provincia con contaminazioni tra sonorità mediterranee ed europee (musica celtica, occitana, gitana, flamenco...) e dall’altro lato il teatro, principalmente di narrazione, attraverso il quale Acque e Terre si è fatto anche produttore di cultura realizzando diversi Progetti Speciali: i progetti di Teatro di Comunità che a Calcinato e Bedizzole hanno creato un ponte tra le generazioni; le produzioni (Zanzanù e altre storie de póra e quest’anno I Tajacantù) che hanno riportato in vita leggendari personaggi bresciani; gli spettacoli dedicati ad antichi lavori legati al nostro territorio e ormai persi (Regine e Lavandaie e Legate a un filo), il progetto che negli ultimi anni ha portato giovani attori bresciani a confrontarsi con le tradizioni e i riti contadini dedicati alle Notti di San Giovanni e infine la trilogia della Signora Maria (prodotta dal Teatro Poetico di Gavardo) che ha divertito ma anche reso testimonianza dei passaggi generazionali che solcano la storia delle nostre comunità. Un percorso, quest’ultimo, che è una sorta di fotografia degli abitanti del nostro territorio caratterizzato da un attento studio dei modi di fare e dei modi dire che permeano la lingua utilizzata: il dialetto vivo, il dialetto parlato quotidianamente nei nostri paesi. Nell’edizione 2010 il Festival ha ideato una Notte Letteraria itinerante attraverso l’Altopiano di Cariadeghe a Serle che ha suscitato grande curiosità ed interesse nel pubblico. Visto il successo riscontrato lo scorso anno quest’iniziativa verrà ripresa anche nel 2011 con due progetti creati ad hoc per i luoghi ospitanti: nella suggestiva cornice di Serle prenderanno vita le leggende e i racconti popolari locali, mentre negli angoli meno noti di Nuvolento il pubblico potrà accostarsi ai racconti di Beppe Fenoglio in NuvolentoNotte. Altro importantissimo tratto distintivo di Acque e Terre Festival, che anche quest’anno non viene meno, è l’interesse per i luoghi che con gli amministratori e gli abitanti ha reso insospettabili spazi di spettacolo restituendoli, anche solo per una sera, alla vita delle comunità; antiche cascine e palazzi padronali, boschi e prati, angoli e piazzette anche di piccole frazioni, rive dei fiumi e aziende agricole. Questi sono e saranno gli scenari di Acque e Terre che non relega i suoi appuntamenti nei luoghi deputati ma si tuffa nelle pieghe del territorio; negli anni alcuni di questi spazi sono diventati dei veri e propri “luoghi simbolo” del festival come il Parco dell’Isolo di Villanuova sul Clisi. Di fondamentale importanza anche le collaborazioni che, nel corso degli anni sono state instaurate con numerose associazioni della nostra Provincia. Acque e Terre non si è limitato a proporre spettacoli e concerti ma ha completato la propria programmazione con una serie di itinerari collaterali che hanno permesso al pubblico di vivere e riscoprire il territorio e i suoi prodotti: le escursioni risalendo le vie dell’acqua o la scoperta delle grotte nel sottosuolo, l’esperienza del volo in parapendio o i percorsi ciclabili, i corsi di cucina con le erbe e le verdure dell’orto o i menu biologici con i prodotti della nostra terra. Tutto questo in un’offerta a 360° per valorizzare la nostra cultura, il nostro passato e le nostre tradizioni.

 

Anche la settima edizione si articola in due momenti: Viaggi di Acqua (dal 21 giugno al 17 luglio) e Memorie di Terra (provvisoriamente dal 26 agosto al 10 settembre).

Sedici gli appuntamenti spettacolari che caratterizzano i Viaggi di Acqua, la prima sezione del Festival, che vedrà un continuo susseguirsi di interessanti appuntamenti teatrali e musicali.

La sezione teatrale lascia grande spazio ai progetti speciali prodotti da Acque e Terre che seguono anche quest’anno gli obiettivi che il festival si è posto fin dalla sua nascita e che ha sviluppato durante queste sette edizioni. Con lo spettacolo I Tajacantù, che verrà presentato in prima assoluta a Soiano del Lago il 26 giugno, il Festival riporterà in vita alcuni leggendari personaggi bresciani, quegli schietti e sbrigativi “tagliacantoni”, interpretati da Giorgio Zanetti e Piergiorgio Cinelli, che resero la nostra città la Leonessa d’Italia.

Dopo il successo dell’edizione 2010, ritorna la Notte Letteraria di Serle, Santi demoni e briganti, una serata che vede protagonisti, nel palcoscenico naturale dell’Altopiano di Cariadeghe, i racconti più conosciuti del paese raccolti e trascritti da Bernardo Zanola. E in quest’edizione 2011 anche Nuvolento proporrà la sua Notte Letteraria con NuvolentoNotte: un percorso alla scoperta di alcuni angoli del paese, poco frequentati ma suggestivi e importanti. Guidato da quattro giovani attrici, il pubblico si immergerà in alcuni racconti di uno scrittore che ha sempre mostrato un rapporto intensissimo con le sue terre. Beppe Fenoglio, scrittore gentiluomo che visse e descrisse in simbiosi indissolubile l’amore/odio per le sue Langhe, ci mostrerà con spirito tutt’altro che provinciale come si possa conoscere il mondo anche guardandolo da una piccola parte di terra.

Un viaggio alla scoperta del dialetto vivo parlato nei nostri paesi è quello che accompagnerà gli spettatori di Non sono una signora, un altro progetto speciale, che vede in scena la signora Maria, interpretata da una straordinaria Paola Rizzi, ormai diventata una presenza immancabile e tradizionale del festival. Infine, tra gli ospiti d’eccezione della sezione narrativa de I Viaggi di Acqua, vedremo il ritorno di Ascanio Celestini che, dopo la straordinaria interpretazione di Fabbrica nel 2009, presenterà al pubblico di Acque e Terre il suo ultimo spettacolo teatrale La fila indiana.

Il programma del Festival è completato da un’ampia ed eterogenea proposta musicale che vede sul palcoscenico sonorità delle nostre terre e quelle di altre culture, in un continuo e vitale confronto. L’inaugurazione, in concomitanza con la Festa Europea della Musica, è quest’anno affidata ai Lou Tapage (il 21 giugno a Calcinato) che presentano un concerto pieno di energia e di forti emozioni, alternando ritmi trascinanti e scanzonati a sonorità più malinconiche come quelle delle ballate. Il loro stile personalissimo ha dato origine ad un nuovo genere di musica popolare in continua evoluzione, il NuFolk – Rock d’Oc: brani ispirati a diverse tradizioni occidentali rivisitati in chiave moderna e coinvolgente.

Sabato 25 giugno Acque e Terre presenta la sua Notte della Taranta; protagonisti d’eccezione I Tamburellisti di Torre Paduli uno dei gruppi più originali e rinomati del panorama nazionale. Martedì 28 giugno l’incantevole cornice del Parco della Salute Irene Rubini Falk di Vobarno ospiterà una serata molto particolare: a partire dalle ore 19, infatti, gli appassionati potranno partecipare ad un workshop di pizzica organizzato dall’Associazione Alchechengi e in contemporanea l’Associazione Hakusha accompagnerà il pubblico alla scoperta del sé attraverso esperienze di lavoro corporeo individuali e di gruppo grazie agli operatori dell’associazione che saranno presenti per effettuare brevi trattamenti shiatsu dimostrativi. La serata si concluderà con il concerto/saggio Il Tavoliere delle Alpi della Compagnia della Vocata, un vero e proprio viaggio attraverso tradizioni musicali del sud Italia.

Giovedì 30 giugno sarà la volta del gruppo Zambra Mora in Musiche di Sole e di Luna, un concerto ideale per una calda notte d’estate tutto da ascoltare, ballare, vivere e ricordare. Sabato 9 luglio Gavardo ospiterà la travolgente musica degli Inis Fall, una delle più compiute espressioni della scena irlandese made in Italy. Non manca poi un “salto” nel nostro passato con la Piccola Orchestra del Mediterraneo e il suo Mamma mia dammi cento lire che a Serle proporrà canzoni legate ai nostri ricordi che si fanno spazio nella mente inconsciamente, canzoni legate all'infanzia, che ci riportano alle sagre di paese, alle melodie che accompagnavano i canti di lavoro nelle risaie, nelle miniere, durante la mietitura, che narrano sogni di emigranti. Suoni di un'Italia che non c'è più. Chiude la sezione dedicata alla musica un concerto dal sapore antico, quello de La corte di Lunas che, con la trascinante forza sonora degli strumenti a fiato, accompagnerà il tradizionale appuntamento con il pic nic alla località Bernacc di Vallio Terme trasformando quest’appuntamento in una domenica di festa che rimarrà nella memoria di tutti quelli che la vivranno, insieme.

Tutti gli spettacoli sono ad ingresso gratuito tranne:

- Ascanio Celestini      La fila indiana                                     € 13

 

Una serie di iniziative collaterali completano il programma del festival; oltre agli Itinerari di acqua, organizzati in collaborazione con Gardacanyon e l’Associazione Speleologica Bresciana, che da qualche edizione permettono al pubblico di scoprire luoghi affascinanti e caratteristici del territorio, anche quest’anno sarà possibile sperimentare, grazie alla collaborazione con Brixia Flying, il volo in parapendio sopra i luoghi di Acque e Terre. Inoltre grazie alla collaborazione dell’Associazione Enogastronomica Bioheaven di Lonato si potranno degustare menu a base di alimenti biologici e stagionali preparati con diversi stili di cottura, combinazioni, colori.

 

 

ACQUE E TERRE FESTIVAL 2011

ENTI PROMOTORI

Comuni di Calcinato, Calvagese della Riviera, Gavardo, Nuvolento, Nuvolera, Odolo, Paitone, Sabbio Chiese, Serle, Soiano del Lago, Vallio Terme, Villanuova sul Clisi, Vobarno e Associazione Amici della Fondazione Ugo Da Como di Lonato del Garda

 

Il Patrocinio di Provincia di Brescia - Assessorato alle Attività e Beni culturali e alla Valorizzazione delle Identità, Culture e Lingue locali

Comunità Montana di Valle Sabbia - Assessorato alla Cultura

 


Main partners

- Banca di Credito Cooperativo di Bedizzole-Turano Valvestino

- Marmolux Nuvolera

 


Partners

- F.O.M.A. Spa – Bedizzole 

- Gnutti Cirillo Spa – Odolo

- Fondital – Vobarno

- Indal srl - Calcinato

- Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella – Villanuova sul Clisi

- Gandola & C. Spa  Industria Alimentare Dolciaria – Calcinato

- Vittoria Assicurazioni – Agenzia Generale di Gavardo

- Libraccio – Brescia

- Hakusha – Brescia

 

Partners tecnici

- Caffarel

- Ambrosi Formaggi – Castenedolo

- Fonte Solè - Nuvolento

- Azienda Agricola Santa Giulia – Calcinato

- Azienda Agricola La Torre – Calvagese della Riviera

- Azienda Agricola La Guarda - Muscoline

- Mongrafic tipolitografia – Gardone Val Trompia


 

ACQUE E TERRE FESTIVAL 2011

 

ideazione e progetto Vittorio Pedrali IlariaTameni

co-organizzazione Eureteis Brescia

segreteria organizzativa Emanuela Ghidini

con l’aiuto di Valentina Benedetti

comunicazione Eureteis - Barbara Toselli

progetto grafico studionoise.it

stampa Mongrafic - Gardone V.T.

webmaster Marco Pesci Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

CALENDARIO DEL FESTIVAL - Viaggi di Acqua

 

Giorno

Luogo

Titolo concerto

martedì 21 giugno

ore 21.15

Calcinato Piazza della Repubblica

in caso di maltempo

Auditorium Don Bertini P.zza Don Bertini

Lou Tapage

Emozioni in “note d’oc” dalle terre occitane

venerdì 24 giugno

ore 21.30

 

Villanuova sul Clisi Parco dell’Isolo

ingresso  €13

prenotazioni:

• Informagiovani Comune di Villanuova 0365.371544
Biblioteca di Villanuova 0365.371758

in caso di maltempo

Teatro Corallo Piazza Roma

Ascanio Celestini

La fila indiana

sabato 25 giugno

ore 21.15

Gavardo Piazza Marconi

in caso di maltempo

Teatro salone Pio XI via Mangano

I Tamburellisti di Torre Paduli

Taranta Taranta

 

domenica 26 giugno

ore 21.15

Soiano del Lago Castello di Soiano

in caso di maltempo verrà individuata data alternativa

Giorgio Zanetti e Piergiorgio Cinelli

I Tajacantù

Le X Giornate di Brescia

martedì 28 giugno

0re 21.15

Vobarno  Parco della Salute presso

Fondazione Irene Rubini Falck - via I.R.Falck

in caso di maltempo

Teatro Comunale Piazza Migliavacca

Compagnia della Vocata

Il Tavoliere delle Alpi

Concerto/Saggio di pizzica e taranta

*dalle 19 alle 21 stage di pizzica a cura di Alchechengi e dimostrazioni Shiatsu a cura di Hakusha

giovedì 30 giugno

ore 21.15

Odolo Parco La Rinascita

in caso di maltempo

Teatro Parrocchiale via Sant’ Apollonia

Zambra Mora

Musiche di sole e di luna

 

Venerdì 1 luglio

ore 21.30

Nuvolento Cortile della Biblioteca

via S. Giulia 9

in caso di maltempo verrà individuata data alternativa

Nuvolentonotte

La notte letteraria di Nuvolento

Associazione Teatro 19

 

lunedì 4 luglio

ore 21.15

Calcinato

Cortile di Casa Mariani via San Germano 36

In caso di maltempo

Auditorium Don Bertini Piazza Don Bertini

Giorgio Zanetti e Piergiorgio Cinelli

I Tajacantù

Le X Giornate di Brescia

martedì 5 luglio

ore 21.15

Sabbio Chiese

Parco Bertella  Via Parrocchiale

in caso di maltempo

Cinema Teatro la Rocca Via Parrocchiale

Giorgio Zanetti e Piergiorgio Cinelli

I Tajacantù

Le X Giornate di Brescia

giovedì 7 luglio

ore 21.15

Paitone

Piazza del Comune – via Santa Giulia

in caso di maltempo verrà individuata data alternativa

Giorgio Zanetti e Piergiorgio Cinelli

I Tajacantù

Le X Giornate di Brescia

venerdì 8 luglio

ore 21.30

Serle

Altopiano di Cariadeghe

 

Associazione Culturale Elea 

Santi, demoni e briganti

Notte Letteraria


 

sabato 9 luglio

ore 21.15

Gavardo Parco dell’Isolo

ingresso da Largo Ponte 16

in caso di maltempo Teatro Pio XI

Inis Fail

Dal Mediterraneo all’Irlanda

martedì 12 luglio

ore 21.15

Lonato del Garda Rocca di Lonato

in caso di maltempo Cinema Teatro Italia via Antiche Mura

Giorgio Zanetti e Piergiorgio Cinelli

I Tajacantù

Le X Giornate di Brescia

mercoledì 13 luglio

ore 21.15

Serle L’Palas

ingresso gratuito fino ad esaurimento posti
in caso di maltempo

Teatro Parrocchiale Via Roma 3

Piccola Orchestra del Mediterraneo

Mamma mia dammi cento lire

giovedì 14 luglio

ore 21.15 

 

Calvagese della Riviera

Azienda Agricola la Torre

di Attilio Pasini

via Torre 3 Località Mocasina

Teatro Poetico di Gavardo

Non sono una signora

domenica 17 luglio ore 14

 

Vallio Terme Località Bernacc

anche in caso di maltempo presso Bernacc

Corte di Lunas

Facciamo festa!!!

 

Se non diversamente indicato, l’ingresso agli spettacoli si intende libero e gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili

 

l’organizzazione si riserva variazioni al programma per cause indipendenti dalla propria volontà

un ringraziamento a chiunque ci ha fornito stimoli anche inconsapevoli, a tutte le donne e gli uomini che ci hanno aperto le loro case, a tutti quelli che ci ospitano, a tutti quelli che volontariamente ci hanno offerto preziose energie

 

www.acqueterrefestival.it

info Generali 030.3759792 

informazioni specifiche presso l’Ufficio Cultura dei Comuni del Festival

informazioni stampa Barbara Toselli 338.8389469 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Viaggi di Acqua dal 21 giugno al 17 luglio 2011

 

Martedì 21 giugno ore 21.15 Calcinato

Lou Tapage

Emozioni in “note d’oc” dalle terre occitane

Dario Littera chitarra elettrica, percussioni  - Marco Barbero cornamusa, flauti, mandolino, bouzuki, organetto diatonico

Daniele Caraglio batteria, percussioni - Sergio Pozzi voce, chitarra acustica a 6 e 12 corde -Chiara Cesano violino, organetto diatonico - Nicolò Cavallo basso elettrico

 

In Langue d’Oc, l’antico provenzale, Lou Tapage significa “il frastuono”… è infatti un concerto pieno di energia e di forti emozioni quello che apre Acque e terre Festival 2011. Le canzoni dei Lou Tapage alternano ritmi trascinanti e scanzonati alle sonorità più malinconiche delle ballate. Il loro stile personalissimo ha dato origine ad un nuovo genere di musica popolare in continua evoluzione, il NuFolk – Rock d’Oc: brani ispirati a diverse tradizione occidentali (catalana, provenzale, basca, bretone, tzigana) in chiave moderna e coinvolgentissima.

 

Venerdì 24 giugno ore 21.30 Villanuova sul Clisi

Ascanio Celestini

La fila indiana

Testi Ascanio Celestini

Musiche Matteo D’Agostino - Suono Andrea Pesce

 

Racconti detti a margine di altri spettacoli. Racconti scritti in fretta dopo l’incendio di un campo nomadi, dopo il naufragio di una barca di emigranti. Intorno a questi frammenti Ascanio Celestini ne ha messi altri e ha cucito una serie di storie vecchie e nuove alle quali se ne aggiungono altre, di sera in sera, nel corso della tournée.

 


Sabato 25 giugno ore 21.15 Gavardo

I Tamburellisti di Torre Paduli

Taranta Taranta

Valentina Cariulo violino - Rocco Luca tamburello - Pierpaolo De Giorgi voce e chitarra

Donato Nuzzo tamburello e fisarmonica - Salvatore Crudo tamburello e danza - Serena D’Amato danza

 

La pizzica pizzica è la più antica forma di tarantella, musica e danza che vengono da lontano, dal culto di Dioniso e della Terra madre. E’ insieme rito di rinascita, terapia tradizionale del morso della tarantola, rito coreutico comunitario cadenzato dal suono del tamburello salentino e ora festa popolare di grandissimo richiamo. Anche Acque e Terre Festival ha la sua notte della taranta, protagonisti di assoluta eccezione i Tamburellisti di Torre Paduli, uno dei gruppi più originali e rinomati del panorama nazionale.

 

Domenica 26 giugno ore 21.15 Soiano del Lago

Lunedì 4 luglio ore 21.15 Calcinato

Martedì 5 luglio ore 21.15 Sabbio Chiese

Giovedì 7 luglio ore 21.15 Paitone

Martedì 12 luglio ore 21.15 Lonato del Garda

Piergiorgio Cinelli e Giorgio Zanetti

I Tajacantù - Le X Giornate di Brescia

da un’idea di Vittorio Pedrali

 

Uno spettacolo nel quale Giorgio Zanetti e Piergiorgio Cinelli raccontano la storia delle X Giornate di Brescia attraverso fatti, eventi ed i diari di Tito Speri e Luigi Pancrazio Pasotti. Uno spettacolo costruito pescando dalla memoria storica e condito da un pizzico di fantasia, sia nei testi che nelle musiche. Un progetto che vede per la prima volta i due artisti bresciani fianco a fianco per ricordare gli eventi che hanno reso la nostra città la Leonessa d’Italia.

Ma chi erano i Tajacantù? Tajacantù («tagliacantoni», sbrigativi e schietti - diretti alla conclusione) era l’epiteto dato ai Bresciani, nel tempo passato, per la loro caratteristica di essere molto spicciativi nelle questioni.

 

Martedì 28 giugno ore 21.30 Vobarno

Compagnia della Vocata

Il tavoliere delle Alpi

Enzo Santoro voce, flauti, chitarra e tamburello - Davide Bonetti fisarmonica, organetto e percussioni Stefano Zeni violino e bouzuki

 

Lo spettacolo nasce da una ricerca sulle radici della musica popolare dell’Italia Meridionale, dalle pizziche alle tarantelle, dai canti a stisa alle cantate dei pastori. Il repertorio, particolarmente coinvolgente, viene introdotto da brevi presentazioni del contesto storico-culturale di cui i brani sono espressione. L’impasto sonoro del gruppo è caratterizzato da una forte vena ritmica data dalle percussioni e dalla chitarra e da trascinanti linee melodiche costruite da flauto, violino e fisarmonica. L’improvvisazione è parte fondamentale di questo tipo di musica e lascia esprimere ogni strumento nella propria pienezza.

 

Giovedì 30 giugno ore 21.15  Odolo

Zambra Mora

Musiche di sole e di luna

Luca Cacciatore sax soprano, sax alto, flauto traverso - Paolo Bedini chitarra classica, oud

Andrea Moretti contrabbasso - Lucio Forghieri cajon, darboukka - Mario Sehtl violino

 

Zambra Mora significa letteralmente “camera araba” e al tempo stesso è il nome di un preciso stile del flamenco caratterizzato da una forte influenza orientale. I cinque talentuosi musicisti ci regalano una strepitosa e irripetibile mescolanza di musica araba andalusa, di flamenco, di tradizione klezmer ebraica, di sonorità balcaniche e di swing manouche gitano, il concerto ideale per una calda notte d’estate, tutto da ascoltare, da ballare, da vivere e da ricordare.

 


Venerdì 1 luglio ore 21.30  Nuvolento

Associazione Teatro 19

NuvolentoNotte

La notte letteraria di Nuvolento

con Valeria Battaini, Francesca Mainetti, Roberta Moneta, Anna Teotti

in collaborazione con il Gruppo Alpini di Nuvolento

 

Un percorso alla scoperta di alcuni angoli di Nuvolento, poco frequentati ma suggestivi e importanti. Guidato da quattro giovani attrici, il pubblico si immergerà in alcuni racconti di uno scrittore che ha sempre mostrato un rapporto intensissimo con le sue terre. Beppe Fenoglio, scrittore gentiluomo che visse e descrisse in simbiosi indissolubile l’amore/odio per le sue Langhe, ci mostrerà con spirito tutt’altro che provinciale come si possa conoscere il mondo anche guardandolo da una piccola parte di terra.

 

Con ritrovo e partenza dal Cortile del Municipio (piazza Roma) dalle 21.30, ogni 25 minuti per gruppi di 35 persone. Iscrizioni telefoniche 030.69008224 Biblioteca di Nuvolento oppure in serata rispettando l’ordine di arrivo e a completamento del numero di partecipanti di ogni gruppo.

Il percorso nel paese, seppur semplice (sono presenti 300 mt di sentiero dalla facile percorrenza), non consente la partecipazione di persone con difficoltà motorie (è presente una breve scalinata). È necessaria la dotazione di scarpe comode, di una torcia elettrica e di un abbigliamento adatto ad una escursione cittadina.

 

venerdì 8 luglio dalle ore 21.30 Serle

Associazione Culturale Elea

Santi, demoni e briganti

La notte letteraria di Serle

con Davide Pini Carenzi, Ermanno Nardi, Francesco Angelo Ogliari, Lorenzo Sperzaga

in collaborazione con Pro Loco, i volontari della Protezione Civile e il Gruppo Alpini di Serle

 

Dopo il successo dell’edizione 2010 torna la Notte Letteraria di Serle, una serata (anzi una nottata!) che vede protagonisti i racconti più conosciuti del paese raccolti e trascritti da Bernardo Zanola. Riportare il fascino delle leggende popolari all’orecchio dell’uomo razionale e moderno. Riportare l’uomo “di oggi” a quell’inquietudine, quella trepidazione e quell’inspiegabile che caratterizzano e fondano le leggende.

 

Con ritrovo e partenza dalla Casa degli Alpini a Cariadeghe dalle 21,30 ogni 30 minuti per gruppi di 35 persone.

Iscrizioni telefoniche 030.6910000 Comune di Serle oppure in serata rispettando l’ordine di arrivo e a completamento del numero di partecipanti di ogni gruppo.

Il percorso nei boschi è semplice ma non consente la partecipazione di persone con difficoltà motorie. È necessaria la dotazione di scarpe comode, di una torcia elettrica e di un abbigliamento adatto alla temperature notturne di montagna (Altopiano di Cariadeghe: 1.000 ca sul livello del mare). Vale la responsabilità personale.

 

Sabato 9 luglio ore 21.15  Gavardo

Inis Fail

Dal Mediterraneo all’Irlanda

Luca Crespi uilleann pipes, whistles, flauto irlandese - Lucia Picozzi fisarmonica - Alessia Pasini voce, bodhran Francesco Bettoni chitarra - Enrico Monaco contrabbasso

 

Gli Inis Fail sono una delle più compiute espressioni della scena irlandese made in Italy, merito testimoniato anche dalle importantissime collaborazioni con musicisti dell’isola verde, come Arty McGlinn e Liam O'Connor.  Tradizione che viene da lontano, dal medioevo, dai poemi cantati dai bardi, quella irlandese è una musica piena di freschezza e luminosità, di straordinaria socievolezza e malinconia e gli Inis Fail la reinterpretano aggiungendo caldi accenti mediterranei. Nelle ballads narrative rimane l’alone della leggenda, mentre le canzoni più ritmate trascinano al ballo, elemento fondamentale delle feste d’Irlanda.

 


Mercoledì 13 luglio ore 21.15 Serle

Piccola Orchestra del Mediterraneo

Mamma mia dammi cento lire

Massimo Guerini voce - Simone Tanghetti e Gianluca Martino chitarre acustiche, nylon, dodici corde

Pedro Perini percussioni, batteria, vibrafono, chitarra Sandro Torriani sassofono soprano, tenore

Canzoni legate ai nostri ricordi che si fanno spazio nella mente inconsciamente, canzoni legate all'infanzia, che ci riportano alle sagre di paese, alle melodie che accompagnavano i canti di lavoro nelle risaie, nelle miniere, durante la mietitura, che narrano sogni di emigranti. Suoni di un'Italia che non c'è più. Un salto nel passato per riportare alla memoria melodie e atmosfere impresse nei nostri ricordi. Un progetto che vuole riportare agli ascoltatori motivetti leggeri e nel contempo far riflettere come tali "Canzonette" racchiudano nelle loro melodie e nei loro testi scampoli di storia del nostro Paese. Dal "cafèchantant", in Italia ribattezzato "caffè-concerto", attraverso gli anni riscoprendo il costume musicale, in viaggio con la Piccola Orchestra del Mediterraneo con arrangiamenti e rielaborazioni inedite curate dal M° Sandro Torriani.

 

Giovedì 14 luglio ore 21.15  Calvagese della Riviera 

Teatro Poetico di Gavardo

Non sono una signora

Monologo in lingua dialettale bresciana

con Paola Rizzi scritto e diretto da John Comini - con la collaborazione di Peppino Coscarelli

 

Con Non sono una signora si conclude la trilogia della signora Maria interpretata da Paola Rizzi, protagonista anche dei precedenti monologhi, Paese mio e Non voglio mica la luna La signora Maria partecipa al matrimonio della nipote e le succedono di tutti i colori: dall’invito a nozze all’attesa degli sposi sul sagrato, dalla cerimonia in chiesa al pranzo conviviale in un ristorante di lusso, la nonna si trova nel vortice di equivoci, personaggi umoristici e vecchie fiamme che riaffiorano dal passato. E’ l’occasione per riflettere sull’amore, sui giovani e sul ritmo caotico della modernità. con innata verve comica e piccole dosi di saggezza la signora Maria ricorda i molti anni passati in compagnia del suo Piero e risolve alcune situazioni surreali.

 

Domenica 17 luglio ore 14  Vallio Terme

La Corte di Lunas

Facciamo  festa!

Sandro (Coghy) Cogoi gaita galiziana - Marco Mauri gaita galiziana Manuela Alzetta bombarda - Maria Mauri Bombarda flauto - Riccardo Gobessi percussioni

 

E’ un concerto dal sapore antico quello de La Corte di Lunas, con la trascinante forza sonora degli strumenti a fiato a fare da guida, uno spettacolo tutto da ascoltare ma anche da ammirare nei bellissimi costumi tradizionali dei musicisti. I richiami musicali vengono dal Medioevo, ma l’impatto è decisamente moderno e coinvolgente, l’ideale accompagnamento di un pic-nic a mezza montagna, in una domenica di festa che rimarrà nella memoria di tutti quelli che la vivranno, insieme.

 

 

ITINERARI DI ACQUA

 

Domenica 10 luglio Paitone

Grotte e Risorgenze le vie segrete dell’acqua

in collaborazione con Associazione Speleologica Bresciana con il patrocinio di Società Speleologica Italiana

Percorso facile dal “Fontanone” risalendo il monte Budellone della durata 1h e 30’.

L’Associazione Speleologica Bresciana propone un affascinante itinerario alla scoperta delle vie sotterranee dell’acqua. L’escursione inizia da una delle più suggestive risorgenze carsiche della provincia: il Fontanone di Paitone. L’itinerario prosegue, risalendo il Monte Budellone, fino a raggiungere l’imbocco della grotta che visiteremo anche all’interno.

Abbigliamento consigliato: scarponcini da montagna e k-way. Partenze: ore 9 – 10 – 11 – 12 – 14.30 – 15.30 – 16.30 – 17.30 Prenotazioni 338 7766622          email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Ritrovo al Fontanone di Paitone 10 minuti prima dell’orario prenotato (mappa con l’itinerario sul sito www.speleoasb.it). Quota di partecipazione 10 € (ridotto 5 € per bambini dai 6 ai 12 anni) comprensiva di assicurazione e noleggio del casco protettivo con impianto di illuminazione.

 


Domenica 10 luglio       Sabbio Chiese 

Escursione alla scoperta di Sabbio Chiese

in collaborazione con Gardacanyon

Percorso semplice e panoramico con l’accompagnamento di figure professionali abilitate

Escursione guidata a Sabbio Chiese per conoscer attività,ritmi e sapori legati a tradizioni che vivono nel tempo. Dalla Chiesa della Madonna della Rocca si percorreranno vicoli e strette vie della parte più antica del Comune di Sabbio Chiese fino a raggiungere il parco ai piedi della chiesetta di San Onofrio. L’acqua sarà l’elemento dominante che ci accompagnerà nella prima parte della nostra esplorazione del territorio. Dolcemente risaliremo la Valle delle Pule tra boschi di latifoglie fino a raggiungere la località Monte Magno per poi proseguire lungo un panoramico itinerario che ci consentirà di raggiungere il Monte Ere ed il Monte Corvino.

Info e necessità difficoltà E (percorso escursionistico). Pranzo al sacco oppure su prenotazione, da effettuarsi entro il 6 luglio, possibilità di degustare prodotti tipici in una trattoria a Monte Magno. Equipaggiamento da escursionismo: scarponcini da trekking o scarpe da ginnastica robuste, zaino, felpa, cappello, acqua e generi alimentari. Tempo di percorrenza 4/5 ore Ritrovo ore 8.30 presso parcheggio della Chiesa Madonna della Rocca di Sabbio Chiese Costi e prenotazioni € 10 solo escursione. Per prenotazioni e altre info Ugo Mariani 329.2183443 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o Paola Menegato 338.8328830 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

in volo sopra Acque e Terre

Voli in parapendio in tandem con un istruttore

in collaborazione con Brixia Flying

da domenica 26 giugno a sabato 2 luglio in volo sul Lago di Garda

da domenica 3 luglio a sabato 9 luglio in volo sulla Vallesabbia

Il volo in tandem viene effettuato con un istruttore e non sono necessarie particolari doti fisiche o capacità tecniche. Prerogativa speciale di questa proposta, che è uno sport ma soprattutto un’esperienza indimenticabile, è vedere il mondo da una prospettiva completamente diversa dal consueto, è sentire e seguire il vento e vivere l’emozione della più totale libertà. Info e necessità il volo in tandem può essere praticato da tutti se in buona salute, a partire dai 14 anni; la limitazione principale è data dal peso, minimo 40 kg, massimo 120 kg. La preparazione fisica è minima (una decina di metri di corsa). Servono abbigliamento comodo antivento e scarpe da trekking o ginnastica. Orari da concordare. Ritrovo per il lago di Garda presso l’atterraggio sito dietro il ristorante Colomber a S. Michele di Salò; per Barghe presso l’atterraggio a fianco del campo sportivo. Costi e prenotazioni il prezzo abituale per il noleggio dell’attrezzatura è di 100€ a volo. Sconto del 15% per gli spettatori di Acque e Terre. Per prenotazioni e info: Alberto 335.5218656.

 

 

Gusta la natura con Acque e Terre e Bioheaven www.bioheaven.it

A volte i cibi più naturali possono essere una scoperta da “paradiso in terra”! Bioheaven, un’associazione enogastronomica di Lonato, offre al pubblico del festival gustosi piatti preparati con diversi stili di cottura, combinazioni, colori, utilizzando alimenti biologici e stagionali. Pasta fresca fatta in casa ai sapori dell’orto, fantasia di cereali aromatizzati ai profumi della natura, seitan alla mediterranea, composizione di falafel fritti con contorni di stagione e per concludere in dolcezza una torta della casa al profumo di caffè o una gustosa crostata con i prodotti del frutteto, acqua a volontà. Vieni insieme a noi in questo viaggio nel gusto!

Presentati con il pieghevole di Acque e Terre Festival e per te il menu sarà a 25 €.

Bioheaven - Via Castello 37 - 25017 Esenta di Lonato del Garda (BS)- tel. 030.9105298. Aperto la sera dal venerdì alla domenica e festivi, a pranzo la domenica.



Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Altro