Mibac 280x120banner fiere 345x120

MILANO. 10 ottobre 2011: AL TEATRO SAN BABILA IL 3° International Social Commitments Award


LA CULTURA PER LA SOLIDARIETÀ

Si sa, il mondo è duro e difficile per tutti e per starci bene o, almeno, per sopravvivere, bisogna crearsi la corazza. La solidarietà è un bene che non ha prezzo, oggi custodito in un fortino assai ben presidiato e sorvegliato da innumerevoli custodi che sono spesso anche gli zelanti gestori delle sue fortune. Dare un premio simbolico a tutti i suoi custodi, è questo l’intento del presidente dell’Associazione no-profit Cultura& Solidarietà – il dott. Francesco Vivacqua - che anche quest’anno ha voluto assegnare un riconoscimento ad una rappresentanza di coloro che si sono particolarmente distinti per l’impegno sociale. L’evento, dopo le passate edizioni di Venezia, si è svolto la sera del 10 ottobre a Milano, nella gremitissima sala del teatro San Babila (oltre 50 persone hanno assistito allo spettacolo in piedi mentre altre 200 non sono riuscite a entrare nel teatro perché al completo).

 

GRAZIE MAESTRO AVATI

Dopo Marco Pontecorvo ed Ezio Greggio, l’edizione 2011 dell'International Social Commitments Award ha premiato il regista Pupi Avati. É stato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, a consegnare il riconoscimento al maestro originario di Bologna. Il premio gli è stato assegnato per il film “Una sconfinata giovinezza", da lui diretto e prodotto nel 2010, dedicato ai temi della vita e del valore della dignità della persona: Un film dalla forte carica emozionale, capace di trasmettere il prevalere dell'affettività e dell'amore sconfinato tra i coniugi su una malattia devastante. Un film che esalta i valori familiari”. Formigoni ha premiato Avati con una scultura dal titolo "Sostegno" realizzata da Elena Crosio.

«Premiare Pupi Avati -  ha commentato Formigoni - dopo aver ascoltato le parole e la sua storia non necessita di alcun ulteriore commento: mi sento di dire un grande grazie al maestro per quello che ha fatto e che continuerà a fare per noi. A Pupi Avati siamo grati per aver trattato con coraggio e delicatezza il tema della malattia all'interno della coppia. Senza eccedere nei sentimentalismi ed entrando con pudore nella vita dei personaggi, Avati ha affrontato il tema dell'amore e quello della fragilità umana».

 
 

 

Tra gli altri riconoscimenti:

·    Maria Grazia Cucinotta (attrice e regista) per la regia nel film “Il Maestro”

·    Marco Pontecorvo (Direttore della fotografia e regista ),

per la realizzazione della fotografia nel film “Passione”

·    Enrico Beruschi  (attore comico),

per l’innata passione nel trasferire ai giovani l’amore per il teatro e la musica

·    Daniela Javarone  (Presidente dell’Ass. Amici della Lirica e madrina dei City Angels),

per il suo grande impegno sociale  e la costante attenzione ai più deboli

·    Enzo delle Cave (Segretario Provinciale del Sindacato Italiano Polizia)

·    Faustino Boioli (Presidente dell’Associazione Medici volontari italiani)

·    CarloVittorio Giovannelli (Presidente dell’Osservatorio giornalistico Mediawatch),

per l'attività di comunicazione svolta nel sociale   

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Altro