Mibac 280x120banner fiere 345x120

BUON COMPLEANNO MERITALIA! INTERVISTA A ITALO ROTA

Incontriamo l’architetto Italo Rota

Milano 24orenews ha incontrato l’architetto Italo Rota a Milano - in via Durini - il 18 aprile 2012, durante i festeggiamenti per il 25° compleanno di Meritalia, azienda leader del Design Made in Italy, con cui Rota collabora da qualche anno.

Italo Rota con Dario Bordet (a sx) Davide Rampello e Giulio Iachetti (a dx)In una frase, chi è Italo Rota?

Sono uno che si diverte prima di tutto, ad esempio quest’anno abbiamo fatto il grande padiglione della Sansung sul futuro, per cui faccio le cose che mi piacciono spero, divertendomi, di divertire anche gli altri.

Siamo seduti sul suo divano, è comodo… c’è qualche messaggio simbolico?

È un divano molto semplice, non ha nessun sovraccarico simbolico, è anche serio sotto certo aspetti.

Che effetto fa avere il proprio nome su un divano?

Sono un tipo riservato ma ovviamente ne sono felice e ne vado fiero, è piacevole vedere in giro per il mondo il proprio nome.

Come nascono i vostri design?

Il design che facciamo con Alessandro Pedretti deriva sempre dai progetti di architettura, all’interno di tutto ciò che disegniamo perché noi facciamo degli edifici facciamo anche gli interni, ecc. ci sono degli oggetti che nascono da soli o che partono da un contesto e poi vivono di vita propria. Noi siamo Designer puri.

MeritaliaChe rapporti con la famiglia Meroni?

Con la famiglia Meroni c’è un rapporto straordinario. Con loro noi facciamo anche grandi progetti di architettura, quindi, cose spesso non si vedono nei loro showroom. Meritaliaa è un’azienda altamente innovativa, che sa cogliere grandi sfide, una grande impresa italiana, perché tutto è fatto in casa, sanno usare le nuove tecnologie, sanno usare la rete e lavorare in team anche per risolvere al meglio le sfide più importanti.

Quali sono i suoi progetti futuri?

I miei progetti futuri girano intorno all’energia, come si può ammirare nella mostra alla Triennale, Repower: vi sono dighe, centrali etc.

Cosa direbbe ai giovani che si avvicinano a questa arte?

Mai e poi mai chiamarla arte, perché quello vuol dire che è la fine di questa storia, quindi la chiamerei design. E poi penso che ci si deve impegnare sempre in prima persona.

Meritalia - Pillowcase Divano dell'arch. Italo Rota

Italo Rota

Italo Rota nasce nel 1953 a Milano. Si laurea al Politecnico di Milano. Dopo aver vinto il concorso per gli spazi interni del Musèe d'Orsay, alla fine degli anni Ottanta, si trasferisce a Parigi, dove firma la ristrutturazione del Museo d'Arte Moderna al Centre Pompidou (con Gae Aulenti), le nuove sale della Scuola francese alla Cour Carrèe del Louvre e la ristrutturazione del centro di Nantes. Dal 1996 vive e lavora a Milano. Nel 1998 apre lo Studio Italo Rota & Partners. I lavori dello studio variano per soggetto, scala e tipologia dal museo alla chiesa, dal casinò all'auditorio e l'intervento urban, rilevando sempre un approccio globale che deriva dall'esperienza degli allestimenti, degli eventi e delle strutture temporanee. Studio Rota è una ricchezza delle forme, dei colori e dei materiali. E' un'accumulazione delle risorse - tra cui particolare l?uso della luce e delle linee audaci che, dando l'impressione di un progetto multidimensionale, di una penetrazione di spazio e del movimento, creano gli interni e gli oggetti estremamente artistici e vivaci. Tra i principali progetti in corso: a Milano è il futuro Milano City Center - un luogo di reciproco ascolto della città milanese e dei suoi cittadini; a Palermo è il riassetto di Palazzo Forcella De Seta e la ristrutturazione della Stazione Marittima. A Dubai, dopo l'inaugurazione del Cavalli Club, lo studio sta portando a termine la costruzione del Chameleon Club al Byblos Hotel, interni intriganti dove la luce si trasforma in materiale di costruzione. Lo Studio ha seguito la progettazione e la costruzione di alberghi di lusso a Roma e a Milano, per la catena Boscolo Group, mentre ? in progress la progettazione di alberghi a Firenze, Lione e Bari. Tra le principali realizzazioni del 2010 si trova uno dei luoghi simbolo della città di Milano è il Museo del Novecento nel Palazzo dell'Arengario. Dal 2010 Italo Rota è il direttore del dipartimento Scuola di Design alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, affiancando una prolifica attività professionale ad una intensa attività teorica, che si sviluppa con la pubblicazione di libri, articoli per riviste e quotidiani, convegni e lezioni universitarie. Per il sul lavoro è stato insignito di vari premi, tra cui la Medaglia d'Oro all'Architettura Italiana per gli spazi pubblici, la Medaglia d'Oro all'Architettura Italiana per la cultura e il tempo libero, il Landmark Conservancy Prize, New York e il Grand Prix de l'Urbanisme, Paris.

 

Meritalia 25 anni d'Amore

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Altro