Mibac 280x120banner fiere 345x120

ARADEO (LE) LE SUE BELLEZZE E TRADIZIONI

ARADEO  UN CITTADINA SALENTINA CON LE SUE TRADIZIONI

chiesa-annunziata-colonna-aradeo

Nella soleggiata Puglia, iniziamo il nostro tour nel  Salento, o meglio nella penisola Salentina, dalla cartina lo possiamo notare come il "tacco" della nostra Italia. Siamo in  Puglia nella  parte meridionale, compresa tra il mar Ionio ad occidente ed il mar Adriatico ad est. In questo territorio si trovano  le province di Lecce,  Brindisi e di Taranto, sono zone eterogenee per quanto riguarda la storia culturale e linguistica  rispetto al resto della regione. Il Salento ha origini remote, secondo una leggenda deriva dal nome del Re Sale, un mitico re dei Messapi. Il nipote del Re Sale poi, il re messapico Malennio - figlio di Dasumno, avrebbe fondato Sybar (primo nome della località costiera Roca, che significa Città del Sole), nonché Lyppiae (l'attuale Lecce).

SALENTO CARTINA Partiamo da Aradeo, in provincia di Lecce. Diverse le ipotesi diffuse relativamente alle origini del suo nome. Secondo Giacomo Arditi, “Aradeo” deriverebbe dai termini latini “ara – arae” che significa altare, e “Deus – dei” che significa Dio. Il centro storico di Aradeo si caratterizza, soprattutto nella zona denominata Santa Caterina, per le tipiche abitazioni “a corte”, molte delle quali ancora presentano le connotazioni originarie e sono in parte visitabili. Simbolo del potere signorile sono i numerosi palazzi distribuiti all’interno della cittadina: Palazzo Anghelè, edificato tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX; Palazzo Baronale Grassi, antica dimora ricostruita nel XVI secolo sulle fondamenta di una vecchia abitazione risalente alla metà del Seicento; Palazzo Baronale “Tre Masserie”, conosciuto a livello locale come “il castello” per la sua mole imponente, è oggi in parte visitabile e spesso utilizzato come location per manifestazioni culturali. Il monumento più antico del borgo è la colonna di San Giovanni.Cappella di S. Nicola di Myra

Costruita in pietra leccese, fu fatta erigere nel 1658 da Frà Giovanni da Napoli: per un periodo ebbe il potere di concedere il diritto di asilo e la grazia ai malviventi che riuscivano ad aggrapparsi ad essa prima di essere catturati. Al culmine della colonna svetta una statua di San Giovanni Battista, che tiene il Vangelo nella mano sinistra. Caratteristica è anche la masseria “La Corte”, che vede le sue origini tra la metà del XVIII secolo e la metà del XIX, e presenta un aspetto semplice, modesto. Da visitare, in questo complesso, la piccola cappella dalle linee architettoniche armoniose. Tra le architetture religiose, le più importanti sono: la Chiesa della SS Annunziata, edificata nel XVIII secolo sulle fondamenta di un edificio precedente risalente alla prima metà del Quattrocento e situata nel nucleo antico del paese, e la Cappella di S. Nicola di Myra.

Aradeo Palazzo Baronale tre masserieSi narra che questo edificio sia stato costruito tra il XVI e il XVII secolo, per volere di una signora che decise di ringraziare il santo dopo essere stata assolta in un processo che la vedeva ingiustamente accusata. Tra le feste e le manifestazioni che scandiscono il calendario di Aradeo tra le più caratteristiche e suggestive si inseriscono i riti legati al Carnevale e la festa della SS. Annunziata, che si festeggia il 30 marzo.  La seconda domenica di maggio si celebra la festa di San Nicola, protettore di Aradeo, durante la quale si svolge l’importante Fiera del Bestiame. Uno dei momenti più particolari dell’evento è la processione serale su una barca in cartapesta, che ricorda il tragitto del Santo da Myra a Bari.  Durante la festa di San Rocco, che si svolge ogni anno il 16 e 17 agosto, le strade e la piazza del paese vengono addobbate con suggestive luminarie. Le due giornate sono caratterizzate da numerosi spettacoli musicali, in collaborazione con la banda locale e numerosi ospiti.

ROSARIO e EMMA MARRONEPaese dei genitori di Emma Marrone, nata a  Firenze, per poi trasferirsi con la famiglia ad Aradeo, terra d'origine dei genitori. La passione per la musica le è stata trasmessa da suo padre Rosario, che notando la predisposizione della figlia, l'ha inserita all'età di nove anni nel suo gruppo Karadreon e in qualche occasione anche negli H2O, dei quali il padre era chitarrista.

 

 

 

 

Educational Tour  del C.T.S. maggio 2017 grazie a:..

LOGHI PUGLIA

 

 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Altro