Mibac 280x120banner fiere 345x120

SASSARI. ALLA FRUMENTARIA SI SCOPRONO I CELESTI NOTTURNI

Sassari. Taglio del nastro, giovedì 5 dicembre 2013 alle 18, per “Celesti notturni, antichità in luce”, la singolare mostra fotografica promossa alla Frumentaria dal Circolo  culturale Aristeo in collaborazione con la Società astronomica turritana. Mostra celesti notturni - locandina

 

“Celesti notturni, antichità in luce” è il titolo accattivante della mostra fotografica allestita dal Circolo culturale Aristeo, in collaborazione con la Società astronomica turritana, nel Palazzo della Frumentaria – Museo della Città.

 

L’esposizione, che sarà inaugurata il prossimo giovedì 5 dicembre, alle 18, si snoda lungo un percorso fotografico ed emozionale che illustra scenari artistici e archeologici nella suggestiva luce notturna. Si tratta di una ventina pannelli, realizzati dal fotografo sassarese Tore Serra, che ha ritratto monumenti di siti archeologici importanti, ripresi in notturna, sullo sfondo del cielo stellato. Il risultato è una miscela emozionale stimolata dalla visione dell’arte e dalla rara suggestione regalata da uno straordinario paesaggio notturno.

 

Durante la mostra, a ulteriore arricchimento delle immagini esposte, saranno proiettate alcune riprese relative ai sopralluoghi effettuati durante le indagini del progetto La misura del tempo, da cui la mostra trae  ispirazione, e che idealmente  raccontano, in un filmato, le tappe di un progetto di archeoastronomia dedicato allo studio dei fenomeni del cielo e alla loro relazione con le testimonianze delle culture preistoriche e protostoriche sarde.

 

Sembra ormai certo, infatti, che i prenuragici avessero una certa confidenza con i fenomeni del cielo e possedessero nozioni funzionali alla conoscenza di un elementare calendario utile alle comunità di agricoltori e allevatori sparse nell’isola, ipotesi che i risultati del recente censimento, di circa 800 domus de janas, sembrano dimostrare. 

 

In questo contesto, la mostra acquista una particolare valenza documentale e diventa una sorta  di diario per immagini delle ricerche condotte in tre anni di attività sul progetto di cui proprio nei giorni scorsi si è svolto il III Convegno internazionale.

 

 

  

 

“Il percorso _ spiega infatti Simonetta Castia, responsabile del Circolo culturale Aristeo _  si dispiega lungo un phylum che lega indissolubilmente natura e storia, proponendo una visione inedita dei loro passati, una serie di scenari notturni nei quali il cielo stellato fa da cornice e carica di magica potenza le visioni delle architetture antiche”. 

 

All’inaugurazione, interverranno il sindaco Gianfranco Ganau e Dolores Lai, assessore alle Culture del Comune.  A partire dal giorno dell’inaugurazione, la mostra resterà aperta fino al 16 gennaio,  e potrà essere visitata dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.

 

La mostra gode del patrocinio della Regione Sardegna, del Comune di Sassari e della gentile concessione della Soprintendenza archeologica per le province di Sassari e Nuoro.

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Altro