Mibac 280x120banner fiere 345x120

VALLE D'AOSTA. IN VISITA L'O.I.E.

OIE
Visita in Valle d'Aosta di una delegazione dell'OIE
- Organizzazione mondiale della sanità animale
C'è l'interconnessione la salute degli animali e quella dell'ambiente al centro della visita dell'Office International des Epizooties, l'Organizzazione mondiale della sanità animale che vede una sua delegazione in Valle d'Aosta nella giornata di venerdì 21 febbraio 2020. 
La visita è organizzata dall'Istituto sperimentale zooprofilattico di Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta con il patrocinio del Consiglio regionale e dell'Università della Valle d'Aosta. Dopo la scoperta del Forte di Bard, il percorso ha il suo momento centrale in un incontro di lavoro che prende vita alle 15.00 nella sede di UniVdA in via dei Cappuccini ad Aosta: il tema è "Prospettive metodologico-gestionali in sanità animale, tra remote-sensing e modellistica: One Health nell'era dei cambiamenti climatici".  
Diversi contributi affrontano il tema della salute degli animali tra ricerca e gestione, sottolineando la forte relazione tra la vita degli esseri umani, degli animali e dell'ambiente che li ospita, con un riferimento specifico agli effetti dei cambiamenti climatici: rilevante è la presenza di Jean Philippe Dop e Romano Marabelli, rispettivamente Vicedirettore generale e responsabile Affari regionali dell'OIE.   A intervenire sono Maria Grazia Monaci, Rettrice dell'Università della Valle d'Aosta, Angelo Ferrari, Direttore generale facente funzione dell'Istituto Zooprofilattico, Antonella Cugini, docente all'Università della Valle d'Aosta, Enrico Borgogno Mondino e Claudio Cassardo,
docenti all'Università di Torino, Tommaso Orusa, borsista di ricerca all'Università di Torino, Alessandro Bagnato, docente all'Università di Milano, RICCARDO ORUSARiccardo Orusa, Direttore scientifico del Centro di Referenza nazionale per le Malattie degli Animali Selvatici dell'Istituto Zooprofilattico.

Altro