RISPARMIO OGGI: COME FUNZIONA UN CODICE SCONTO?

Risparmiodi Elena Ridolfi

Si stima che ormai quasi metà della popolazione italiana in vita sua abbia fatto almeno un acquisto online. Un dato di per se già importante che però rappresenta solo la prima tappa di un lungo cammino che ci vedrà di qui a 20 anni acquistare quasi esclusivamente online, non solo le scarpe nuove, l’elettronica o i biglietti aerei come avviene oggi, ma anche il detersivo per i piatti di casa o l’acqua minerale.

E bisogna ammettere che in questo progressivo cammino verso la digitalizzazione degli acquisti che di solito viene genericamente annoverato sotto il termine di e-commerce, sono proprio i merchandiser quelli che più di tutti si stanno spendendo per fare in modo che l’acquisto elettronico prenda sempre più piede.

Offerte, promozioni e quant’altro sono all’ordine del giorno su internet, e gli specialisti del web marketing sono costantemente a lavoro nell’immaginare nuove soluzioni che possano ulteriormente incentivare le vendite.

L’ultimo ritrovato in ordine cronologico di tempo sono i codici di sconto. Forse vi sarà già capitato di sentirne parlare o addirittura di usarli, ma vediamo più in dettaglio di cosa si tratta.

I codici sconto o buoni di acquisto, altro non sono che dei codici veri e propri che possono essere utilizzati per ottenere sconti particolari quando si acquista online. Come funzionano? Esistono dei marchi che per incentivare le proprie vendite emettono questi codici. Essi altro non sono che delle stringe alfanumeriche pubblicate su internet; ogni codice di sconto è legato al marchio che l’ha emesso e spesso anche alla sola offerta a cui viene associato in fase di creazione.

Supponiamo ad esempio di aver trovato quindi su internet il codice di sconto relativo ad un pacchetto di viaggio, volo più hotel; tale codice ci darà diritto o a uno sconto fisso (ad esempio 10, 20 o 30 euro) o percentuale (ad esempio il 50% del prezzo nominale).

Nell’esempio in questione supponiamo di aver trovato un codice di sconto emesso da un tour operator online che prevede uno sconto del 50%; quello che dovremo non sarà altro che andare ad acquistare, sempre online, una delle offerte proposte dal tour operator che ha emesso il nostro codice di sconto.

L’utilizzo del codice si concretizza nell’incollare il codice alfanumerico copiato nel campo indicato tra i vari campi che si vanno a compilare di prima di completare un acquisto online.

Una volta inserito il codice sarà lo stesso sito di e-commerce a ricalcolare il prezzo finale che andremo a spendere decurtando da quello nominale lo sconto promesso. A quel punto altro non bisogna fare se non inserire le proprie credenziali di carta di credito o prepagata, e concludere così l’acquisto; ed il gioco è fatto.

Un limite dei codici di sconto è la loro reperibilità. Sono tanti i brand che li usano ma ogni brand propone ed ovviamente anche accetta solo i propri codici, e non quelli emessi da altri. Per fortuna è possibile facilitarsi il compito da questo punto di vista, andando ad utilizzare siti come questo specializzati nella raccolta di codici di sconto. Su questi portali sono infatti proposti i codici emessi da decine e decine di diversi marchi di ogni settore merceologico ed è quindi facile riuscire a trovare quello che fa al proprio caso.

Ci sono particolari precazioni da considerare quando si usano codici di sconto? Non più di tante; quella principale è sicuramente quella di verificare la sua data di scadenza. Ad ogni codice è infatti associata una data entro la quale è possibile utilizzarlo; in altri casi il brand che ha emesso il codice potrebbe invece imporre un limite di spesa minimo prima di permettere all’acquirente di utilizzarlo per ottenere lo sconto promesso.

Attualità