Legalizzazione della cannabis: il parere di Cantone

 

cannabis spinello

droga cannabis-vicino

“Il parere favorevole del Presidente dell’Autorità Nazionale dell’Anticorruzione, Raffaele Cantone, alla legalizzazione della cannabis ‘perché ridurrebbe i contatti dei nostri giovani con la criminalità organizzata’ lascia quanto meno perplessi, considerando, tra l’altro, che i minorenni, che rappresentano i soggetti più a rischio, continuerebbero ad acquistarla dalle mafie”. E’ quanto afferma Raffaele Calabrò, Capogruppo Ap in Commissione Affari Sociali della Camera dei deputati. “E’ sempre più forte la sensazione che, in assenza di altri argomenti, si tenti di riportare il discorso della legalizzazione delle droghe alla lotta alle mafie, glissando sui pericolosi effetti collaterali della cannabis ribaditi anche oggi dal noto farmacologo Silvio Garattini. La priorità deve essere quella di tenere lontani i nostri giovani dalle droghe e non di legittimarne l’uso, né tanto meno quello di ritenere la legalizzazione il mezzo per limitare i loro rapporti con la criminalità che va contrastata e abbattuta in tutte le forme”, conclude Calabrò. (Fidest)