SICILIA. CATANIA. SICILIARTE 2011, OGGI IL CONCORSO DI ARTISTI EMERGENTI


Oggi a SiciliArte 2011, presso l’Etnaexpo di Belpasso, il futurista Graziano Cecchini

«L’ARTE SICILIANA È EFFERVESCENTE MA INGABBIATA»

In esposizione anche il pezzo inedito di Lucio Fontana “Concetto spaziale”

CATANIA – «C’è effervescenza qui in Sicilia, una tensione artistica che potrebbe esplodere facendo affiorare il genio creativo di questa terra. Oggi, nel piazzale di Etnaexpo ci sono oltre cento giovani che dipingono ed esprimono in forme diverse la “sicilianità”, seppur seguendo l’impostazione didattica che ancora prevale in loro. E qualora tra questi ci fosse il talento libero dagli schemi, il talento vero, verrebbe ostacolato da quei cani latranti, da quella politica cieca, che ingabbiano e non comprendono questa effervescenza». Non è un tono polemico ma lucido quello di Graziano Cecchini, l’artista futurista - noto per le sue stravaganti performance che hanno tinto di rosso l’acqua della Fontana di Trevi e riempito di palline colorate la scalinata di Trinità dei Monti a Roma – che presiede il concorso di giovani artisti emergenti “La sicilianità, arte e folklore”, appuntamento di punta di “SiciliArte 2011”, la mostra internazionale d’Arte Moderna e Contemporanea ospitata al centro fieristico di Etnapolis, a Belpasso, e organizzata da Salvatore Piana, presidente di Etnaexpo, insieme al suo staff.

Cuffie alle orecchie per far danzare la vena creativa, carrelli improvvisati come portacolori e piedistalli per le tele, panchine trasformate in piani d’appoggio per nascenti installazioni. L’atmosfera è quella di un’accademia all’aperto, dove gli artisti, quasi ignari dei passanti e dei visitatori, traggono ispirazione dalla quiete del paesaggio di fronte. I giovani protagonisti del concorso sono una vera e propria attrazione, una manifestazione del mistero che accompagna la gestazione di un’opera. In posizione solitaria invece, quasi a voler custodire dal resto la propria concentrazione, gli scultori protagonisti del “Simposio di Scultura”, in tuta e occhiali protettivi modellano ferro, legno, pietra e argilla.

Girato l’angolo poi la vista si riempie di rosso fiammante, quella delle celebri automobili Ferrari che la Scuderia catanese ha messo in mostra, in omaggio alla presentazione - nel pomeriggio di oggi, sabato 26 marzo - del libro della scrittrice Giovanna D’Urso “Io e la Rossa”, in attesa del primo ciak di una fiction tv tratta dall’opera e ambientata proprio nel territorio della provincia di Catania.

Entrando all’interno di Etnaexpo, nei corridoi espositivi, mentre il curatore della mostra Francesco Gallo dialoga con galleristi ed esperti, i visitatori sostano davanti i quadri per interpretarne il significato, personale o universale che sia. Come quello espresso dall’opera di Lucio Fontana “Concetto spaziale”, esposta da Antique Gallery Life Style di Rosalba Leonardi Indaco. Datato 1965, pochi anni prima della morte del fondatore dello “spazialismo” – noto per i suoi tagli nelle tele – il quadro «è stato donato dal pittore al fratello, e non è mai stato esposto. Il rosa pallido che lo caratterizza conferma l’esecuzione eccezionale e la delicata fattura» spiega la Leonardi.

 

La mostra sarà aperta fino a domani 27 marzo, dalle 10 alle 21. Ingresso libero.

 

26 marzo 2011

uffStampa i-Press





Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Corsi