SCARLETT JOHANSSON A VANITY FAIR: «CHI L'HA DETTO CHE NON MI POSSO RIFARE?»


 

SCARLETT JOHANSSON A VANITY FAIR:

«CHI L'HA DETTO CHE NON MI POSSO RIFARE?»

Milano, 1 novembre 2011 - «Trovo ipocrita l’atteggiamento della società: prima ti puntano i riflettori addosso, sottolineano le imperfezioni, i tuoi presunti difetti, e poi ti criticano perché hai cercato di sistemarli».

Scarlett Johansson non ha paura di andare controcorrente rispetto alla crociata politicamente corretta di tante sue colleghe – capitanate da Kate Winslet – contro il botox e la chirurgia estetica. E alla vigilia del suo ritorno al cinema con We Bought a Zoo – La mia vita è uno zoo (nei cinema americani prima di Natale, in quelli italiani a marzo) ne parla a Vanity Fair, che le dedica la copertina del numero in edicola da mercoledì 2 novembre.

Altre attrici alla sua età hanno già fatto il botox. È una possibilità che ha preso in considerazione?«Non ho paura di invecchiare: per il momento lo considero un processo naturale. A parte questo non so, non credo che mi verrà mai voglia di farmi stirare, però non giudico e non discrimino chi lo fa. Non ci trovo niente di male. La considero una scelta personale. Francamente non capisco perché i media siano così ossessionati dai ritocchi. Se una persona ha un bell’aspetto, io non le vado a chiedere perché. A chi importa che cosa ti sei fatto?».

Nell'intervista a Vanity Fair l'attrice – recente protagonista di uno scandalo causato dal furto e dalla diffusione online dei suoi autoscatti «hot» - se la prende anche con l'ipocrisia riguardo al sesso, soprattutto dopo le critiche per aver fatto da testimonial a Planned Parenthood, un'organizzazione che offre assistenza per il controllo delle nascite, l’aborto e le malattie veneree. «Un servizio mirato a garantire il diritto di scelta su ciò che ogni donna vuole fare del proprio corpo.

Molte mie amiche in passato sono ricorse a Planned Parenthood. Io stessa ho avuto un’esperienza diretta. Quando ero alle superiori, tutte andavamo là per le visite di controllo, la prevenzione». Qualche anno fa disse di essersi sottoposta al test per l’Hiv. «È evidente che in 27 anni mi sia capitato di farlo. Sarebbe strano il contrario. E se una persona nota non è in grado di parlarne, chi altri lo farà? Non è un argomento piacevole sul quale fare conversazione, ma è necessario affrontarlo perché molti non hanno ricevuto abbastanza informazioni e hanno idee confuse. Quando ero alle superiori non si studiava educazione sessuale. E ancora oggi in molti Stati non è previsto che le scuole la inseriscano nei loro programmi. La mia opinione è che dovrebbe essere obbligatoria ovunque».

Scarlett, che ha da poco chiuso le pratiche di divorzio dall'attore Ryan Reynolds, parla infine a Vanity Fair della difficoltà di vivere un momento privato così delicato «e al tempo stesso sentirsi criticato da gente che non sa niente di te e della tua vita». Continua a frequentare il suo ex marito e, dalle foto che vi fanno, si direbbe che i rapporti tra voi siano rimasti ottimi. «Quando hai amato qualcuno, mantenere un rapporto di amicizia arricchisce la tua vita».


 
Laura Piva
Edizioni Condé Nast s.p.a
Communications Director

UFFICIO STAMPA: 
Simonetta Radice
-------------------------
MARA VITALI COMUNICAZIONE

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Edicola