Giorgia Wurth da Le tre Rose di Eva alla cover di Max:

GIORGIA WURTH A MAX: «SONO L’ETERNA SECONDA, AI PROVINI COME NEL CUORE DEGLI UOMINI». «ANDREI A CENA CON DI PIETRO E ADESSO SONO FAN DI MONTI». SESSO E HANDICAP AL CENTRO DEL SUO NUOVO LIBRO.

MAX - Giorgia WurthSplendida madrina del Giro d’Italia, regina degli ascolti in tv con la serie Le tre Rose di Eva, Giorgia Wurth conquista la cover di MAX, dagiovedì 7 giugno in edicola, su iPad e online su max.gazzetta.it, il nuovo canale di Gazzetta.it “Altre passioni”: «Adoro i gregari, nella vita la maggior parte di noi lo è. Io sono l’eterna seconda: ai provini, come nel cuore degli uomini. Nei film sono sempre l’altra: l’amante, la prostituta… A questo punto meglio arrivare terza!».

Figlia di padre svizzero ma ligure d’adozione, ha le idee chiare anche sulla politica: «Per un periodo ho pensato di mettermi in politica. Ma era prima che saltassero fuori tutte quelle candidate di Silvio: le ho viste e ho lasciato perdere, rischiavo di finire nel calderone. Mi piace Di Pietro, ci andrei a cena. Adesso sono una fan di Monti».

Il lavoro: «Sul set sono nelle mani del regista. E mi è utile: se non avessi qualcuno a darmi i tempi, nella vita non combinerei niente. Però ogni tanto mi piace essere libera, e allora scrivo. Dopo “Tutta da rifare” sto scrivendo un nuovo libro, che parla di sesso e handicap: un bel tabù, e io adoro i tabù. In Italia parlare di assistenza sessuale ai disabili è impossibile. Ma la sessualità è un diritto, un’esigenza, come la fame e la sete!».

Il matrimonio: «Sono pronta a fare il focolare. Mi sposerò, ma dopo i 50 anni. Non vorrei divorziare. La monogamia è socialmente comoda, ma per natura siamo poligami… sono una traditrice. Una volta a Las Vegas mi sono sposata con un sosia di Bob Dylan… quello si, lo rifarei ancora».

La passione segreta: «Sono una maniaca delle pantofole: ne ho un armadio pieno e ho la fobia che finiscano. Le devono indossare tutti i miei ospiti, anche l’idraulico».

 

MONGINI COMUNICAZIONE

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Edicola