LOGO ITALIADAGUSTARE mozzarellabufala125x60 parmigiano115x60 barcampari 115x60

A Cavaglià (Biella) la prima tappa del Campionato mondiale di panissa

RASPELLI GONZALES cuochi 1419

raspelli edoardoTre squadre in gara nel realizzare uno dei piatti più tradizionali del mondo contadino piemontese ed italiano


PRIMA TAPPA A CAVAGLIA' (BIELLA) DEL CAMPIONATO MONDIALE DELLA PANISSA


Madrina la giovane attrice boliviana Maria Laurita Gonzales, la giuria tecnica (14 componenti) era presieduta da Edoardo Raspelli.
Per secoli è stato l'unico, povero piatto di milioni di contadini piemontesi; per secoli ha sfamato gli abitanti delle campagne tra Biella Vercelli e Novara con quello che loro stessi coltivavano e producevano. Si vedeva crescere il riso  e lo si mangiava, in un risotto morbido, accompagnato da fagioli, pezzi di carni di maiale, salsiccia e bagnato,a discrezione, con il vino: un rosso insaporiva (leggermente e non sempre )la panissa nel Biellese e nel Vercellese; sempre e molto presente, al contrario, nella paniscia della zona di Novara... nomi simili e ricette con qualche differenziazione secondo la latitudine e le tradizioni di famiglia.
A Cavaglià (cittadina di 7mila abitanti in provincia di Biella) si è svolta una ampia variegata manifestazione che ha portato nel suo centro polivalente migliaia di persone. L'occasione è stata la seconda edizione del festival dei menhir che contraddistinguono un sito megalitico scoperto una quindicina di anni fa.
A questa parte "colta"  gli organizzatori (la Pro loco di Cavaglià, con il supporto dell'associazione culturale Forza Vitale e di Luca Lenzi Ciglia ti)hanno aggiunto tra l'altro i cori delle mondine, gli stand gastronomici e,appunto,la prima tappa dell'ottava edizione del campionato mondiale della panissa con la collaborazione delle Città del riso.
Hanno partecipato tre squadre:il comune di Roasio (Pro Loco), Cavaglià stessa (il pool della storica 'Festa dei giovani') e la squadra di Santhià 2 (Amici delle Città del riso) le cui panisse (rese anonime e contraddistinte solo da tre lettere, A B C)sono state assaggiate da una giuria tecnica. Madrina la giovane attrice boliviana Maria Laurita Gonzales, il presidente della giuria era il"cronista della gastronomia" e "poeta del gusto" (come lo definiscono gli spot di Mediaset), il giornalista Edoardo Raspelli.
La colorata (di giallo)squadra di Roasio ha vinto con una panissa ricca di ingredienti, di sapore e di forza.
Tra le centinaia di appassionati e golosi che sono arrivati al centro polivalente di Cavaglià per questa gara singolare, c'era anche il papà del riso artigianale più famoso d'Italia, l'Acquerello, Piero Rondolino, patron della Riseria la Colombara di Livorno Ferraris (Vercelli).

Le foto sono a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  di Omar & Daniela C.

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Gusto