LOGO ITALIADAGUSTARE mozzarellabufala125x60 parmigiano115x60 Bar Campari

PARMIGIANO REGGIANO: LA STRATEGIA DI CRISI DEL CONSORZIO

CONSORZIO PARMIGIANO REGGIANO
LE STRATEGIE DEL CONSORZIO PER SALVAGUARDARE

LA FILIERA E PROTEGGERE I LAVORATORI

PARMIGIANO REGGIANO

 

Il Consorzio mette a disposizione una banca dati di casari in pensione ed ex addetti alla produzione che possono essere richiamati dai caseifici in difficoltà. Al Mipaaf si chiede una deroga al disciplinare per salvaguardare la produzione. Bertinelli: “Ci sono oltre 50 mila persone impegnate nella filiera e ovviamente la loro salute è la  nostra priorità assoluta”.  In un momento di grave emergenza sanitaria il  Consorzio del Parmigiano Reggiano vuole rassicurare i consumatori sulla salubrità della  DOP e sul fatto che, come ribadito dall’Autority Europea per la Sicurezza Alimentare  (EFSA), attualmente non ci sono prove che il cibo sia fonte o via di trasmissione probabile del virus.  Il presidente del Consorzio, Nicola Bertinelli, ha dichiarato al riguardo: “È inaccettabile che paesi dell’Unione Europea, come anche paesi fuori dall’Unione, utilizzino questa crisi
sanitaria per arrogarsi il vantaggio competitivo. È un fatto aberrante dal punto di vista etico e dal punto di vista legale è concorrenza sleale”. I mercati esteri sono di primaria importanza per il Parmigiano Reggiano. Il giro d’affari al consumo della DOP si attesta infatti a 2,4 miliardi di euro e viene realizzato per il 60% sul
mercato italiano e per il 40% su quelli esteri: Francia e Stati Uniti in testa, seguiti da  Germania, Regno Unito e Canada. 
“Il Parmigiano Reggiano è prodotto oggi come mille anni fa – ha affermato Bertinelli – solo con latte, sale e caglio e senza l’uso di additivi e conservanti. La produzione è regolata da  un rigido disciplinare che non consente ai produttori di pastorizzare, centrifugare o  refrigerare il latte. Per questi motivi il Parmigiano Reggiano deve essere prodotto ogni  singolo giorno dell’anno. Fermare la produzione avrebbe conseguenze disastrose per la nostra filiera”.  “Allo stesso tempo – ha sottolineato il presidente del Conosrzio - la quasi totalità dei  nostri 330 caseifici si trova in province fortemente colpite da Covid-19 come ReggioEmilia, Parma, Modena, Mantova e quindi è impensabile sperare di restare immuni”.  Per far fronte alla potenziale carenza di organico dovuta ai contagi, il Consorzio ha creato  una rete di coordinamento per mettere a disposizione delle aziende una banca dati di  casari in pensione ed ex addetti alla produzione che possono essere richiamati dai  caseifici in difficoltà.

“Dal punto vista operativo – ha aggiunto Bertinelli - non abbiamo problemi perché il  trasporto del latte dalle stalle ai caseifici è consentito così come la produzione del  formaggio che è considerata ‘comprovata necessità lavorativa’ dal Dpcm del 9 marzo”.  Una potenziale criticità riguarderebbe però la disponibilità di organico, motivo per cui  Bertinelli si appella al Governo italiano e all’Unione Europea: “Chiediamo al Ministero delle politiche agricole e all'UE una deroga al disciplinare, come previsto da legge 1151/2012  che regola le DOP in caso di emergenze sanitarie, per consentire maggiore flessibilità ai tempi e vincoli di lavorazione al fine di evitare la chiusura di caseifici e allevamenti”.  Ricordiamo che sono 2.820 i produttori che conferiscono il latte ai caseifici del Parmigiano  Reggiano e che sia i primi che i secondi devono essere situati all’interno della Zona  d’origine. Nel 2018 la produzione di Parmigiano Reggiano ha impiegato 1,92 milioni di  tonnellate di latte pari al 15,9% dell’intera produzione italiana. “Il Parmigiano Reggiano è la prima DOP per valore alla produzione con 1,4 miliardi di  euro. Ci sono oltre 50 mila persone impegnate nella filiera e ovviamente la loro  salute è la nostra priorità assoluta. Tutti i caseifici hanno adottato le misure del Governo  per limitare il contagio, a partire dalla distanza di sicurezza di un metro tra una persona e  l’altra”, ha concluso Bertinelli.

Gusto