BAFF - BUSTO ARSIZIO FILM FESTIVAL coming soon_115x60 cenadelitto2 115x60 inmondadori KOLOSSAL

"PLANT REVOLUTION Le piante hanno già inventato il nostro futuro", di Stefano Mancuso

di Valerio Consonni...

Plant revolution di Stefano Mancuso“Se vogliamo migliorare la nostra vita non possiamo fare a meno di imparare dalle piante, perché sono la nuova frontiera dell'innovazione tecnologica”

Le piante, ‘queste nostre sorelle silenziose’, da lungo tempo sottovalutate eppure mai come ora così moderne, venivano definite da Primo Levi: “Sembrano stupide, ma rubano l’energia al sole, il carbonio all’aria, i sali alla terra, e crescono per mille anni senza filare né tessere né scannarsi a vicenda come noi”. Il Prof. Stefano Mancuso, una tra le massime autorità mondiali nel campo della neurobiologia vegetale, ci spiega come per migliorare la nostra vita non possiamo fare a meno di ispirarci alle piante, organismi sociali sofisticati ed evoluti che offrono la soluzione a molti problemi tecnologici. Descrive un vicino e prossimo futuro bio-sostenibile in cui le tecnologie vegetali potranno aiutarci in settori molteplici come quello dell’energia, delle scienze dei materiali, della sicurezza alimentare, delle ricerche spaziali… Da 475 milioni di anni le piante sperimentano strategie evolutive per difendersi, nuove e straordinarie capacità di adattamento in ambienti estremi, mimetizzarsi, comunicare, proteggersi dallo stress, scambiarsi segnali di pericolo per sfuggire ai predatori, bassi consumi di energia e produrre molecole chimiche con cui manipolare il comportamento degli animali (e degli umani). Vere e proprie reti viventi, l’intelligenza della piante (intesa come capacità di interagire con l’ambiente, di comunicare e risolvere problemi) è decentrata e distribuita in tutto ‘il loro corpo’ e, lungi dall’essere organismi passivi, esse sono al centro di intricate relazioni fra tutti i composti chimici fondamentali. Per migliorare la nostra vita sulla Terra dobbiamo quindi replicare le reti vegetali sotterranee, immaginare società modulari (le piante possiedono una struttura modulare fatta di colonie di unità replicate).

In un racconto in cui le piante diventano personaggi veri, scaltri e geniali, Mancuso svela i segreti di un mondo dotato di straordinarie capacità di sopravvivenza: per affrontare le sfide del futuro dobbiamo quindi prendere esempio dalla fotosintesi (risparmio energetico), riprodurre la duttilità del modello vegetale, affidarci agli impulsi elettrici con cui le piante segnalano l'inquinamento, ispirarci al modo in cui si scambiano informazioni... L'organizzazione gerarchica del mondo umano-animale è al tramonto. Organismi sociali sofisticati ed evoluti che offrono la soluzione a molti problemi tecnologici, le piante fanno parte a pieno titolo della comunità dei viventi. Nel 1848 Theodor Fechner, fisico e filosofo, scriveva: “Perché non ci dovrebbero essere, oltre le anime che camminano, gridano, mangiano, anche le anime che silenziosamente fioriscono espandono odori?”.

tratto da Milano 24orenews maggio 2017

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Libri