Banner Mostre Milano 115x60 Banner Mostre Bologna 115x60 Banner Mostre Firenze 115x60 Banner Mostre Roma 115x60 Banner Mostre Napoli 115x60

MILANO IN MOSTRE: DA VEDERE A APRILE 2019

Milano mostre aprile 2019 r

ROY LICHTENSTEIN. MULTIPLE VISIONS

Mudec / Via Tortona 56

Dal 1° maggio all’8 settembre 2019

Orari: lun 14.00-19.30; mar/me/ven/dom 09.30-19.30; gio/sab 09.30-22.30

Circa 100 opere fra opere tra stampe, sculture, arazzi per presentare una delle figure più importanti nell’arte del 20° secolo, Roy Lichtenstein. La sua arte sofisticata, riconoscibile al primo sguardo e apparentemente facile da comprendere, ha affascinato fin dai primi anni eroici della pop art generazioni di creativi, dalla pittura alla pubblicità, dalla fotografia al design e alla moda e il potere seduttivo che essa esercita sulla cultura visiva contemporanea è ancora molto forte. Curata da Gianni Mercurio, la mostra evidenzia come gli elementi di diverse culture abbiano confluito nel lavoro di decostruzione e ricostruzione dell’immagine fatto da Lichtenstein, per poi essere elaborate in chiave pop con un linguaggio unico nel suo genere.

 

INGRES E LA VITA ARTISTICA AL TEMPO DI NAPOLEONE

Palazzo Reale / Piazza del Duomo 12

Sino al 29 giugno 2019

Orari: lun 14.30-19.30; mar/me/ven/dom 9.30-19.30, gio/sab 09.30-22.30

Oltre 150 opere, di cui più di 60 fra dipinti e disegni, per presentare al pubblico italiano l’artista che più di ogni altro si è ispirato a Raffaello, e mettere in luce la capacità ritrattistica dell’artista delle odalische, realista e manierista al tempo stesso, affascinante tanto per le sue esagerazioni espressive quanto per il suo gusto del vero. Pittore straordinario e innovativo con una innata propensione al disegno, figura fondamentale della vita artistica prima, durante e dopo l’Impero, Jean Auguste Dominique Ingres è stato uno dei massimi maestri dell’Ottocento europeo e creò opere di estrema raffinatezza ed eleganza coniugando la morbidezza del tratto con le armonie cromatiche più dolci. La mostra è curata da Florence Viguier-Dutheil.

 

DREAM BEASTS. LE SPETTACOLARI CREATURE DI THEO JANSEN

Museo Leonardo da Vinci / Via San Vittore 21

Sino al 19 maggio 2019

Orari: mar/me/ven/dom 09.30-17.00; sabato e festivi 09.30-18.30

Definito dalla critica internazionale “un moderno Leonardo da Vinci”, l’artista olandese presenta per la prima volta in Italia le sue gigantesche installazioni cinetiche “Strandbeest (animali da spiaggia), creature ibride dall’aspetto zoomorfo che si muovono sfruttando la spinta del vento. Realizzate con materiali di epoca industriale come tubi flessibili in plastica, nylon e nastro adesivo, esse nascono come algoritmi e non richiedono motori, sensori o tecnologie avanzate per spostarsi: si muovono grazie alla forza del vento. L’esposizione, ospitata nel padiglione Aeronavale del Museo, ha l’intento di portare il pubblico a confrontarsi con i valori di innovazione e sostenibilità comunicati dalla ricerca dell’artista. Jansen ama coniugare il sapere scientifico a suggestioni di carattere umanistico, spaziando da sperimentazioni sulla cinetica e la meccanica all’esaltazione della natura e della bellezza.

 

SHEELA GOWDA. REMAINS

Pirelli HangarBicocca / Via Chiese 2

Dal 4 aprile al 15 settembre 2019

Orari: gio-ven-sab-dom 10.00-22.00

Èprima grande mostra personale in Italia dell’artista indiana Sheela Gowda. Il progetto espositivo, a cura di Nuria Enguita e Lucia Aspesi, rappresenta un’opportunità unica per scoprire vent’anni di lavoro di questa straordinaria donna che ha saputo fondere tecniche, forme, cromie e materiali sconfinando in un’espressività sia astratta che figurativa in linea con gli esiti e le ricerche internazionali. Un’ampia selezione di opere realizzate dal 1996 a oggi, tra cui installazioni e sculture site-specific oltre a stampe e acquerelli, sarà esposta accanto a una nuova produzione realizzata appositamente per la mostra. Remains sottolinea la poetica e il significato politico dell’opera di Gowda, la cui pratica scaturisce da uno sguardo ricettivo e approfondito sul mondo, e dalla consapevolezza del valore simbolico e comunicativo dei materiali, degli oggetti e degli scarti.

tratto da Milano 24orenews Aprile 2019

Cover MI24 Aprile 2019

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Mostre