Mibac 280x120banner fiere 345x120

Roma. Teatro: “I Masnadieri” di Giuseppe Verdi

teatro dellopera di Roma

Masnadieri

Domenica 21 gennaio 2018 ore 20.00 torna per la seconda volta, dopo 46 anni, al Teatro dell’Opera di Roma “I Masnadieri” di Giuseppe Verdi. La regia di Massimo Popolizio e la direzione di Roberto Abbado e nel ruolo del protagonista, Carlo, Stefano Secco tenore italiano che vanta una carriera consolidata e riconosciuta dalla critica.“I Masnadieri” opera lirica di Giuseppe Verdi tratta dalla tragedia omonima Die Räuber di Friedrich Schiller vide una prima rappresentazione a Londra, presso l’Her Majesty’s Theatre, 22 luglio 1847.
L´interpretazione del tenore Stefano Secco farà rivivere il personaggio del capo dei Masnadieri, attraverso un canto ricercato, ricco di intensità e corposità. Il tenore, di fama internazionale, che ha già interpretato il ruolo al San Carlo di Napoli quest’anno ritornerà a essere il capo dei Masnadieri al Teatro Costanzo di Roma per la prima che andrà in scena il 21 gennaio alle ore 20.00 e per le tre repliche successive (23, 31 gennaio e 4 febbraio. Orari e date operaroma.it ).
Nel descrivere il personaggio, Stefano Secco, ne fa emergere le peculiarità: «Carlo presenta molte sfaccettature caratteriali, diventa masnadiere suo malgrado e per tutta l’opera non è mai convinto delle sue azioni anche se inevitabilmente ciò lo porterà a compiere gesti estremi. Da questo punto di vista la regia curata da Massimo Popolizio, al suo debutto in un´opera lirica (ndr), mi ha dato molto». Un allestimento classico «con pochi elementi ma molto efficace dal punto di vista drammaturgico» – ha rivelato il tenore, che continua – «per un’opera, quella dei Masnadieri di Verdi, sempre molto attuale per le tematiche trattate; gli intrecci amorosi, l’invidia, la competizione tra fratelli per essere riconosciuti o preferiti dal proprio padre; il compiere gesti estremi per cercare di lasciare un segno di riconoscimento sono temi vivi anche nella società contemporanea anche se si presentano in forme sociali differenti. Tutto questo è contenuto ne I Masnadieri e molto altro: aderenze politiche, guerre, ma anche la delusione dello stesso protagonista – conclude Secco – che alla fine si sentirà tradito dai suoi stessi ideali».Un ritorno dopo 46 anni atteso da pubblico e critica.Maestro del Coro Roberto Gabbiani, Scene di Sergio Tramonti, Costumi di Silvia Aymonino, Luci di Roberto Venturi, l’elaborazione video sarà affidata a Luca Brinchi e Daniele Spanò. Orchestra e Coro del Teatro dell’Opera di Roma.Principali interpreti:
Massimiliano Riccardo Zanellato, Carlo Stefano Secco / Andeka Gorrotxategi 27 gennaio, 2 febbraio
Francesco Artur Ruciński / Giuseppe Altomare 2 febbraio Amalia Roberta Mantegna / Rachele Stanisci 2 febbraioArminio Saverio Fiore Moser Dario Russo Rolla Pietro Picone.

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Teatro