EMILIA ROMAGNA. BOLOGNA. RESTAURATA ISCRIZIONE EBRAICA

 
Bologna

restauro iscrizione ebraica

BOLOGNA. Un'iscrizione in ebraico risalente al Rinascimento, lunga quasi trenta metri, sulla facciata di uno storico edificio bolognese, palazzo Bocchi. Mezzo metro di altezza, la scritta è composta da lettere scolpite in arenaria, materiale delicatissimo, che verrà presto restaurata e valorizzata, in un progetto di conservazione di documenti ebraici di grande significato storico-artistico. Il progetto è stato presentato a Bologna, alla presenza dell'ambasciatore d'Israele alla Santa Sede, Mordechai Levi, del sindaco Virginio Merola e del rettore dell'Università, Ivano Dionigi. Si tratta di un esempio unico al mondo di iscrizione in ebraico concepita da non ebrei per non ebrei durante il Rinascimento, in epoca di Riforma Cattolica e di Inquisizione. Sarà oggetto di un'analisi investigativa, attraverso strumenti diagnostici prototipali, per procedere ad una conservazione programmata attraverso rilevazioni nel tempo. Sarà inoltre realizzato un rilievo tridimensionale con tecniche di scansione laser in 3-d che consentiranno di fare un modello in scala uno a uno dell'iscrizione.

~

.