ESTATE 2011 LE MOSTRE APERTE PER FERIE

L'arte non va in ferie. Un variegato programma di mostre attende gli appassionati d’arte, durante le vacanze estive 2011.

 

Milano.

Prosegue fino all’11 settembre, a Palazzo Reale, la mostra Nag Arnoldi. Sculture 1980-2010, che ripercorre gli ultimi trent’anni di carriera dello scultore svizzero vivente (Locarno, 1928) di maggior prestigio internazionale, attraverso 50 opere, alcune monumentali. Curata da Rudy Chiappini, l’esposizione, che si avvale dell’allestimento progettato da Mario Botta, dedica particolare attenzione al ciclo degli Astati e dei Guerrieri che occupano un ruolo privilegiato nell’immaginario figurativo di Nag Arnoldi, così come a quello dei Cavalli e dei Tori, testimonianza della sua predilezione per il mondo animale, e dei Minotauri, alcuni dei quali, di grandi dimensioni (3 metri di altezza), sono ospitati in Piazzetta Reale. Non manca un excursus sul tema del sacro, attraverso una serie di opere d’ispirazione religiosa.

APERTA FERRAGOSTO (14.30-19.30)

 

Fino all’8 settembre lo Spazio Oberdan della Provincia di Milano propone un suggestivo e inedito progetto espositivo dal titolo “Astrattismi Paralleli”. La mostra raccoglie le fotografie di Carlo D’Orta e Danilo Susi, frutto di percorsi distinti ma convergenti di due artisti entrambi impegnati nella ricerca, con lavori che si basano sui riflessi, dell’elemento astratto visto come passaggio tra realtà e fantasia. L’esposizione è arricchita dalla sezione dei lavori di Albano Paolinelli dal titolo “La città parallela”, che documenta la ricerca e le riflessioni dell’artista su “città” e “paesaggio”.

APERTA FERRAGOSTO (10.00-19.00)

 

Per tutta l’estate, il Museo Diocesano di Milano chiude di giorno per animarsi, dal martedì al sabato, dalle 19 alle 24. Nell’ambito di MuDi contemporanea, fino al 3 settembre, si terranno 5 mostre dedicate ad altrettanti artisti del nostro tempo che esplorano differenti linguaggi espressivi. Per l’occasione, l’ingresso al museo sarà gratuito, per consentire agli appassionati di poter fruire più volte delle esposizioni temporanee e delle collezioni di arte antica.

Paola Marzoli, nella personale dal titolo Bètfage, presenta 14 dipinti che rappresentano una sorta di diario di bordo, nel quale l’artista milanese raccoglie le riflessioni compiute durante i suoi pellegrinaggi in Terra Santa.

Nazzareno Guglielmi propone la installazione Sei ore per la mia testa. Il progetto dell’artista marchigiano rientra nel tema essenziale della sua ricerca, ovvero la riflessione sul rapporto tra le tre dimensioni dello spazio e la quarta dimensione rappresentata dal tempo.  Le fotografie di Giorgio Majno indagano con attenzione meticolosa l’universo delle tipologie umane e vegetali. Particolarmente attratto dalle sensazioni che l’immagine trasmette, Majno presenta una selezione di scatti dal repertorio dei Ritratti, umani e non solo. Franco Marrocco, titolare della cattedra di Pittura all’Accademia di Brera di Milano, espone per la prima volta, il monumentale trittico che s’impone al visitatore, per le sue dimensioni e per l’uso intenso del colore, che da sempre caratterizza la produzione pittorica dell’artista casertano. Giovanni Frangi (Milano 1959), uno dei maggiori esponenti della figurazione italiana odierna, nella mostra La règle du jeu. Atto secondo. Dieci giardini, curata da Paolo Biscottini, approfondisce i temi fondamentali della ricerca pittorica e poetica dell’artista. Al Diocesano viene presentata la serie di opere Dieci giardini, sei delle quali recentemente esposte al Teatro India di Roma e quattro inedite.

CHIUSA FERRAGOSTO

 

 

Modena.

Prosegue fino al 18 settembre la mostra “Kindergarten”, a cura di Giorgio de Mitri, collettiva che inaugura la nuova stagione espositiva della Palazzina Vigarani, presentando opere di 6 artisti internazionali, Futura, Mode2, Os Gêmeos, Tom Sachs, Kostas Seremetis, Boris Tellegen (aka Delta). L’esposizione che è intitolata letteralmente "giardino d'infanzia" e fa spazio all'arte intesa come gioco e libertà da ogni vincolo, sarà aperta tutta l’estate e fino 15 settembre dal giovedì alla domenica dalle 19.00 alle 23.00. Nei giorni del festivalfilosofia 2011, la Palazzina osserverà i seguenti orari di apertura: venerdì 16 settembre 9.00 - 23.00, sabato 17 settembre 9.00 - 1.00, domenica 18 settembre 9.00 - 20.00.

CHIUSA FERRAGOSTO

 

 

 

Lugano.

Fino al 3 settembre, Villa Ciani ospita la mostra fotografica dal titolo Film Stills & Backstage, Fotografie di Wim e Donata Wenders, che raccoglie una serie di scatti realizzati dal grande cineasta tedesco e dalla moglie. Curata da Massimiliano Di Liberto, l’esposizione presenta una selezione di 286 immagini che ricostruiscono una personale cronaca delle riprese di alcune delle opere più rappresentative della filmografia di Wenders, come Al di là delle nuvole con Michelangelo Antonioni, Lisbon Story, ambientato nella nostalgica Barcellona, Buena Vista Social Club, film documentario del 1999 sull’omonimo gruppo cubano e Million Dollar Hotel, l’insolito giallo interpretato da Mel Gibson e Milla Jovovich.

APERTA FERRAGOSTO (10.00 – 18.00)

 

Nei rinnovati ambienti dell’ex Macello pubblico di Lugano (viale Cassarate) si tiene, fino al 23 ottobre, la mostra di 30 automi di Leonardo da Vinci perfettamente funzionanti, riprodotti dall’Associazione Leo’s Lab nel pieno rispetto dei codici leonardeschi. L’iniziativa, ideata, curata e prodotta dall’Associazione culturale Leo’s Lab e dal Dicastero giovani ed eventi della Città di Lugano nell’ambito del LongLake Festival, propone un’ampia selezione di macchine ideate dal Genio del Rinascimento, realizzate grazie a tecnologie innovative e proposte, in alcuni casi, per la prima volta in assoluto. Tra le novità si possono annoverare strumenti musicali e orologi e, soprattutto, il Robot Tamburellatore, i Tamburi automatici e il Leone meccanico.

APERTA FERRAGOSTO (10.00 – 18.00)

 

 

Chieti.

Fino al 2 ottobre, le sale di Palazzo de' Mayo, recentemente restaurato e sede del nuovo Museo della Fondazione Carichieti, si aprono per un'antologica dedicata al lavoro del fotografo Pepi Merisio (Caravaggio, 1931), dal titolo L'Abruzzo nell’Italia di ieri. L'esposizione, curata da Giovanni Gazzaneo, ideata da Crocevia - Fondazione Alfredo e Teresita Paglione e promossa dalla Fondazione Carichieti, presenta in 100 immagini un itinerario nello spazio, nel tempo e nella memoria del nostro Paese dagli anni '50 a oggi, con uno speciale omaggio alla terra e alle genti d'Abruzzo.

CHIUSA FERRAGOSTO

 

I suggestivi spazi del Museo Archeologico Nazionale d'Abruzzo - La Civitella di Chieti accolgono dal 30 luglio 2011 al 19 febbraio 2012 una delle più significative tra le opere pubbliche di Keith Haring: il murale di Milwaukee. L’iniziativa è promossa dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Abruzzo, dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Abruzzo, dalla Regione Abruzzo e dal Comune di Chieti, organizzata da Alef - cultural project management di Milano, in collaborazione con il Patrick and Beatrice Haggerty Museum of Art, Marquette University, Milwaukee, WI.

CHIUSA FERRAGOSTO

 

 

Venezia.

Prosegue fino al 16 ottobre, durante la 54^ edizione della Biennale d’arte di Venezia, alla Nuova Scuola Grande di Santa Maria della Misericordia (Sestiere Cannaregio 3599) il nuovo evento espositivo di Jan Fabre (Anversa, 1958), dal titolo PIETAS.  Curata da Giacinto Di Pietrantonio e da Katerina Koskina, promossa dalla GAMeC - Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, dal State Museum of Contemporary Art di Salonicco e dal Kunsthistorisches Museum di Vienna, la mostra presenterà cinque grandi sculture in marmo puro e marmo statuario di Carrara dell’artista fiammingo. Tra queste spicca l’inedita rilettura fatta da Fabre della Pietà di Michelangelo, dal titolo Sogno compassionevole (Pietà V) nella quale il Cristo ha il volto dell’artista stesso e la Madonna ha quello di un teschio, simbolo della morte.

CHIUSA FERRAGOSTO

 

 

Trieste.

Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, alle Scuderie del Castello di Miramare si tiene, fino al 28 agosto, una mostra in grado di tracciare un percorso delle principali correnti artistiche che si sono formate nel corso degli ultimi due secoli. L’esposizione, dal titolo Centocinquant’anni d’arte. Da Fattori a Fontana, curata da Roberto Alberton, organizzata da Galatea Arte Associazione Culturale, in collaborazione con la Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici del Friuli Venezia Giulia, presenta un excursus dell’arte italiana del XIX e XX secolo, attraverso 120 opere di maestri quali Boldini, De Nittis, Fattori, Morbelli, Balla, Baj, Campigli, De Pisis, Morandi, Rosai, Sironi, Manzoni, Morlotti, Fontana e molti altri ancora.

APERTA FERRAGOSTO (10.00-19.00)

 

 

Merano.

Fino al 25 settembre, MERANO ARTE dedica un’ampia retrospettiva al fotografo americano ELLIOTT ERWITT (1928), attraverso 40 immagini, scelte tra i suoi lavori più celebri, tutte stampate da Erwitt stesso nel suo studio di New York. La mostra, curata da Valerio Dehò, ospitata dall’edificio Cassa di Risparmio (via Portici 163), organizzata in collaborazione con Sudest57, Milano e Galleria Spazia, Bologna, ripercorre la carriera di reporter e artista di Erwitt, attraverso le serie che hanno ormai conquistato un posto fisso nell’immaginario fotografico.

APERTA FERRAGOSTO (11.00 -18.00)

 

Orta (NO).

Fino al 18 settembre 2011, Orta San Giulio (NO), uno dei “borghi più belli d'Italia”, ospita la mostra CANALETTO E I VEDUTISTI. L'incanto dell'acqua. L’esposizione, curata da Lorenza Tonani, patrocinata e sostenuta da Regione Piemonte, Provincia di Novara, Comune di Orta, ideata e prodotta da Alef - cultural project management di Milano e organizzata in collaborazione con Operaprima, responsabile dell’organizzazione degli eventi di Palazzo Penotti Ubertini, presenta trenta opere di Canaletto e dei maestri della veduta, tra cui Gaspare Van Wittel, Luca Carlevarijs, Francesco Guardi, Francesco Albotto, fino agli epigoni ottocenteschi del genere, quali Luigi Steffani e Giuseppe Borsato.

APERTA FERRAGOSTO (dalle 10.30 alle 19.30)

 

 

Pietrasanta (LU).

La grande arte di Arnaldo Pomodoro è protagonista della mostra a cura di Danilo Eccher in programma a Pietrasanta (Lucca), fino al 30 settembre. Gli spazi di Flora Bigai Arte Contemporanea ospitano diciotto opere che ripercorrono la ricerca creativa dello scultore italiano contemporaneo più conosciuto e apprezzato a livello internazionale.

APERTA FERRAGOSTO (11.00-13.00, 17.30-20.30, 21.30-24.00)

 

 

 

CLP Relazioni Pubbliche

tel. 02.433403 – 02.36571438 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; www.clponline.it

 

Comunicati stampa e immagini su www.clponline.it

 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Good News