EUROBONDS PARLARNE PER CAPIRNE

 

eurobonds  EUROBONDS  parliamone...

 

Strasburgo, - Molti paesi dell´Eurozona hanno subito un drammatico aumento dei tassi d´interesse sui crediti bancari. Martedì, il Parlamento ha interrogato la Commissione sullo stato della preparazione del Libro verde sugli eurobond. Secondo quanto contenuto nella bozza di risoluzione che sarà adottata mercoledì, gli eurobond potrebbero diventare una fonte di stabilità per l´eurozona nel medio termine, mentre serviranno altri strumenti per risolvere le questioni a breve termine. Un bond non è altro che un contratto di debito secondo il quale un investitore accetta di prestare una somma a un´azienda o a un governo concordando un tasso d´interesse. Se l´investitore ritiene che l´investimento sia rischioso - ovvero che lo stato o l´azienda potrebbero avere delle difficoltà a restituire la somma concordata -, per "coprire" il rischio gli assicuratori alzano i tassi d´interesse. Attualmente i paesi fortemente indebitati dell´Eurozona come la Grecia si confrontano a tassi d´interesse estremamente elevati. Più l´economia s´indebolisce, più il costo del loro debito aumenta entrando in un circolo vizioso estremamente difficile da rompere. L´unione fa la forza - Produrre eurobonds significa emettere delle obbligazioni in comune sui debiti sovrani europei. Così facendo un´obbligazione non dipenderà unicamente dall´economia di un paese, bensì dall´insieme dell´Eurozona. Gli investitori avrebbero maggiori garanzie di ritorno sugli investimenti e i tassi d´interesse diminuirebbero, sollevando le economie degli stati più indebitati. Abbassamento del prezzo medio per i crediti, una maggiore coesione economica e monetaria, rinforzamento della stabilità e della resistenza dell´Eurozona... I vantaggi sarebbero notevoli. Mercoledì, un altro passo avanti - Mercoledì 15 febbraio, i deputati voteranno la posizione del Pe in relazione agli eurobonds. Il Parlamento afferma che il presupposto per l´emissione di bond comuni è una maggiore coordinazione fiscale, che migliori la governance economica e promuova la crescita