Ricarica cellulari: CODICI contro i servizi “svuota credito”

cellulari

CODICI continua a portare avanti la propria campagna di “ricarica” nei confronti dei tantissimi clienti che si sono ritrovati con il credito letteralmente “svuotato”. Purtroppo moltissimi consumatori si trovano col credito a zero a causa di comportamenti quanto meno dubbi da parte degli operatori: questi ultimi infatti spesso si dicono impotenti dinnanzi a servizi esterni che si “agganciano” ai telefoni (e questo è tutto da verificare), oltre a rendere praticamente impossibile l’accesso al dettaglio del proprio traffico, delle operazioni, degli abbonamenti ecc. Oggi riportiamo la testimonianza di una consumatrice esasperata: Maria, che negli ultimi mesi si è mossa suo malgrado da un operatore all’altro, riscontrando esattamente gli stessi disservizi. La sua “odissea” inizia dopo ben 17 anni di fedeltà clientelare verso un operatore mobile. Anni durante i quali, purtroppo, si erano già verificati alcuni disguidi: “In un periodo mi sono resa conto che il mio credito veniva scalato appena ricaricato della cifra tonda di 2,50 euro”. Dopo settimane di richieste, il servizio clienti si trovava “costretto” a confessare che era attiva l’offerta “Premium”. Ma le sorprese per Maria, certa di non avere accettato alcunché e di non avere ricevuto alcuna comunicazione a riguardo, non erano finite: “In seguito infatti avrei scoperto che la stessa identica offerta, con lo stesso identico costo, era stata attivata anche sulle utenze di mia madre e del mio fidanzato, senza che nessuno di questi ricordasse di averla richiesta e/o accettata”.

A modern smartphone and a old classic cell phone side by side.

Per questo e per altri motivi Maria successivamente ha scelto di passare ad altro operatore, salvo però ritrovarsi nello stesso pantano da cui sperava di essere fuggita: “Appena 48 ore dopo l’attivazione della nuova scheda ho iniziato a ricevere strani sms provenienti da un numero +44, proveniente quindi dall’Inghilterra”. Sms particolarmente costosi che portano il suo credito ad azzerarsi rapidamente.

In Italia esiste un oligopolio davvero ristretto se si parla di telefonia, con Tim, Vodafone e Wind/Tre che si spartiscono il mercato. Un consumatore che abbia problemi non può fare altro che girare come una trottola e finire per accettare nuovi compromessi con le stesse ditte che lo hanno già deluso.Ma è davvero possibile accettare che gli operatori rinneghino totalmente ogni responsabilità quando si parla di servizi svuota credito? E, soprattutto, è possibile accettare di non avere accesso semplice ed immediato al proprio profilo telefonico, in modo da avere tutte le informazioni necessarie a prendere le decisioni che riteniamo più corrette? Noi di CODICI non vogliamo e non possiamo accettare questa situazione ed è per questo che portiamo avanti la nostra campagna “Ricaricati con Codici”, per aiutare tutti i consumatori che ritengono di avere subìto un comportamento scorretto da parte di un operatore telefonico ad ottenere un giusto rimborso.

Condividi
comments

Curiosità