MIELE, E IL SUO FORNO TECNOLOGICO "DIALOGO"

miele-logo-2017 rgb-400

MIELE  IL NUOVO   FORNO DIALOGO  

LA TECNOLOGIA CHE AVANZA ANCHE IN CUCINA

SISTEMI COTTURA MIELE

Piatti dalla realizzazione complessa o che richiedono tempi di cottura importanti, grazie al Forno Dialogo diventano molto più veloci e semplici da realizzare. Con il Forno Dialogo si possono realizzare cotture inimmaginabili fino ad ora, come cuocere alla perfezione un pesce in un blocco di ghiaccio senza che questo si sciolga.

Tecnicamente, cosa succede all’interno di un Forno Dialogo?   Per la prima volta questo nuovo elettrodomestico usa onde elettromagnetiche a frequenza variabile che rispondono in modo intelligente alla struttura degli alimenti (M Chef). La tecnologia a onde elettromagnetiche è sempre usata in combinazione con modalità di cottura convenzionali, cioè calore superiore e inferiore o calore ventilato.

CUCINE MIELEPer cosa si distingue dalle microonde?  Mentre le microonde si utilizzano soprattutto per scongelare e riscaldare, il Forno Dialogo è uno strumento sofisticato che risponde alle sfide più impegnative nella cottura. In entrambi i casi si riscaldano le pietanze per mezzo delle onde elettromagnetiche. Il Forno Dialogo tuttavia agisce con una potenza molto ridotta sugli alimenti, sfrutta una gamma di frequenze invece che una frequenza unica e calcola costantemente quanta energia ceduta viene effettivamente assorbita dagli alimenti. Il processo di cottura si regola di conseguenza. Inoltre, nel Forno Dialogo le onde penetrano più in profondità rispetto a quanto accade con le microonde. E anche questo contribuisce a cuocere in modo particolarmente uniforme (“volumentrico”, ovvero in tutto il volume dell’alimento).

LAMPADARIO MIELE

Quali frequenze sfrutta il Forno Dialogo?  

Il Forno Dialogo opera nell’area di frequenza dei 915 MHz. In Europa anche le reti radiomobili,sfruttano, quest’area. Per questo motivo, lo sportello del Forno Dialogo è progettato appositamente per prevenire interferenze.

 

      “Gourmet Units” e “Intensità”: occorre reimparare a cucinare?

Questi due parametri in effetti sono nuovi: le Gourmet Units rappresentano la quantità di energia che deve essere convogliata agli alimenti (1 Gourmet Unit = 1 Kilojoule) e l’Intensità definisce quanto velocemente gli alimenti devono assorbire questa energia.  L’esperienza e le ricette riferite a un forno convenzionale possono essere facilmente adattate applicando la seguente regola generale: combinare la modalità di funzionamento di una ricetta convenzionale con M Chef e, a metà cottura, controllare il grado di cottura. Spesso già a metà cottura i risultati sono eccellenti senza necessità di preoccuparsi di unità gourmet.

Quanto più rapido è il Forno Dialogo?

Alcuni esempi: una torta marmorizzata richiede 37 minuti nel Forno Dialogo e 55 in forno tradizionale; un gratin di patate è pronto in 35 minuti contro i 60; gli sfilacci di maiale possono essere preparati in 2 ore e 20 minuti mentre nel forno il metodo di preparazione richiederebbe da 8 a 16 ore. Il Forno Dialogo è almeno il 70% più veloce. È anche possibile scongelare delicatamente alimenti e cuocerli automaticamente alla perfezione.

Qual è il target e quanto costa il Forno Dialogo?

Il Forno Dialogo è destinato a tutti coloro che amano sperimentare in cucina e ha sorpreso anche cuochi professionisti durante le prime presentazioni. In Italia il lancio sul mercato è previsto per settembre 2018. Il prezzo è di circa 7.990 euro (indicativo).

 

Miele
Miele è leader mondiale nel settore degli elettrodomestici altamente innovativi e di qualità. L’azienda, fondata nel 1899, è guidata dalla filosofia "Immer Besser", sempre meglio. Grazie alla costante ricerca in campo tecnologico ed innovativo, Miele offre una gamma di prodotti completi, dalla cottura tradizionale al vapore, dalla conservazione degli alimenti al lavaggio delle stoviglie, dalle lavatrici alle asciugatrici. Soluzioni intelligenti, che consentono di ottenere risultati sempre perfetti, senza sprechi, nel pieno rispetto dell’ambiente e delle sue risorse.

www.miele.it.

Condividi
comments

Curiosità