corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


DON VIRGINIO COLMEGNA UOMO DELL’ANNO

Il riconoscimento dall’Associazione Amici Italiani del Museo d’Arte di Tel Aviv

Achille Colombo Clerici e don Virginio Colmegna

Il presidente della Casa della carità don Virginio Colmegna verrà insignito del premio Uomo dell’anno 2016 dall’Associazione Amici Italiani del Museo d’Arte di Tel Aviv presieduta da Anna Sikos martedì prossimo 2 febbraio 2016, ore 18,30, nella Sala Alessi di Palazzo Marino a Milano. Alla conferenza, coordinata da Ruggero Gabbai, consigliere comunale di Milano, intervengono, oltre al premiato, il sindaco di Milano Giuliano Pisapia e il vicesindaco di Tel Aviv Mehereta Baruch Ron.

Questo riconoscimento va in particolare all’attività della Casa della carità, volta all’inclusione sociale di giovani migranti anche attraverso i laboratori di arte-terapia.

Per questo motivo il giorno seguente, mercoledì 3 febbraio alle ore 18 verrà inaugurata una mostra di opere di alcuni ospiti della Casa e del Centro Bialik-Rogozin Campus di Tel Aviv presso la Fondazione Arnaldo Pomodoro, via Vigevano 9, Milano. L’esposizione, curata da Jean Blanchaert, si intitola Excellence has no color.

La Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani" nasce nel 2002 per iniziativa dell’allora Arcivescovo di Milano, il cardinale Carlo Maria Martini, che ha voluto destinare l’importante somma ricevuta come lascito dall’imprenditore Angelo Abriani all’apertura di una struttura d’accoglienza per le persone più bisognose.

Grazie all’immobile messo a disposizione dal Comune di Milano e adeguatamente ristrutturato, il 24 novembre 2004, alla presenza di Martini, dell’Arcivescovo Dionigi Tettamanzi  del sindaco Gabriele Albertini e del presidente della Fondazione don Virginio Colmegna, viene inaugurata la sede della Casa della carità in via Francesco Brambilla nel quartiere di Crescenzago, periferia nord-est di Milano.

Garanti della Fondazione sono il Sindaco e l'Arcivescovo di Milano, la gestione è affidata al presidente che presiede un consiglio d'amministrazione composto da cinque persone e un collegio dei revisori di altre tre. Oggi assiste 150 ospiti al giorno.

 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano