corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


FERRAGOSTO 2016, MAI CITTA’ COSI’ AFFOLLATE DA RESIDENTI E VISITATORI

Presenze nelle Citta' Italiane - CESCAT-Centro studi casa ambiente e territorio di Assoedilizia  

 

Il Cescat-Centro Studi Casa Ambiente e Territorio di Assoedilizia prevede quanti abitanti ci saranno nelle grandi città durante i giorni di Ferragosto. Dato cui vanno aggiunti i turisti.

La previsione si basa sui dati raccolti annualmente a partire dal 1996, relativi allo stesso periodo; e sul trend in atto che, ad eccezione di quanto avviene in presenza di eventi di particolare rilevanza, non fa registrare brusche variazioni. Nel resto del mese  le presenze fanno registrare valori nettamente superiori.  
In tutte le citta' valori in crescita, rispetto allo scorso anno, tranne che a Milano, per il venir meno dell' effetto Expo.

  • Milano  680.000  
  • Torino  525.000  
  • Genova*  375.000  
  • Conurbazione VR-VI-PD  310.000  
  • Bologna  205.000  
  • Firenze  215.000  
  • Roma*  1.750.000  
  • Napoli*  855.000  
  • Bari*  205.000  
  • Palermo*  590.000

Il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici tra il Ministro Graziano Delrio ed il Sindaco di Milano Giuseppe SalaNelle città segnate con asterisco, marittime o prossime al mare, si registra un forte pendolarismo giornaliero: per cui, ad esempio, ad una Roma deserta durante la giornata si contrapporrà una città più popolata alla sera. Il fenomeno si riscontra anche nelle altre città, ma in misura minore. Al numero dei residenti va aggiunto quello dei turisti, soprattutto stranieri, in costante aumento.
In Italia il 2016 fa registrare il record di presenza in città dagli anni ’60, inizio delle vacanze di massa. L’esodo si concentrava nel mese di agosto per la chiusura contemporanea delle grandi fabbriche. Nel corso dei decenni si è assistito – e la tendenza continua – a una diluizione delle vacanze in altri mesi (il periodo interessato va da metà giugno a metà settembre), così come avviene, e in misura più accentuata,  nei Paesi economicamente più avanzati. Quindi, distribuzione delle vacanze estive nel tempo, frazionamento delle stesse (diversi periodi “brevi” rispetto alle ferie “lunghe”),  con il vantaggio di servizi migliori a costi più contenuti.
A fare da battistrada sono state le grandi città elencate, cui il CESCAT ha aggiunto la conurbazione Verona-Vicenza-Padova.  Il mese di agosto resta comunque il periodo “delle vacanze” per eccellenza, come confermano gli ingorghi sulle autostrade e gli assalti a stazioni ferroviarie e aeroporti.  
La notevole presenza nelle città di residenti e l’afflusso di turisti ha indotto le amministrazioni comunali ad organizzare una serie di intrattenimenti che, assieme a numerosi esercizi pubblici aperti soprattutto in centro, rende quasi normale vivere in città anche a metà agosto. Ancora penalizzate le periferie.

 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano