corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


CASEBIO. COME COSTRUIRE IN PERFETTA AFFIDABILITA E SICUREZZA

COSTRUIRE IN LEGNO PERFETTA AFFIDABILITA’ E SICUREZZA

 

CASEBIO CASA CON PISCINA

Ormai non è più una novità  le case di legno stiano acquistando sempre più popolarità nel nostro Paese,anche se  molte persone sono scettiche sull’utilizzo di questo materiale prezioso per la realizzazione della loro casa. In realtà, non esiste al mondo un sostituto più affidabile del legno. Il legno è una materia prima ecologica, rinnovabile e con sostenibilità garantita. Da alcuni test e indagini la maggior parte delle persone i ritengono che una casa di legno sia molto pericolosa in caso d’incendio, ma si tratta di un’errata credenza tutta  solo popolare e senza alcune considerazione e conoscenze del settore: le abitazioni di legno sono più sicure di un edificio tradizionale. Il legno, infatti, brucia molto lentamente e solamente nella parte superficiale: questa, carbonizzandosi, crea una sorta di film protettivo che ostacola moltissimo il diffondersi delle fiamme verso l’interno. Ciò significa che, in caso d’incendio, un’abitazione di legno ha un tempo di collasso molto più lungo rispetto ad una casa in muratura o in acciaio e i suoi occupanti hanno un tempo maggiore per mettersi al sicuro. Altro cardine di preoccupazione  che impedisce alle persone di abbandonare le tecniche costruttive tradizionali a favore del legno, è la questione della durata degli edifici. Eppure basta dare uno sguardo alle grandi chiese del passato di epoca romanica o rinascimentale, per fugare ogni dubbio: lo scheletro di queste maestose architetture religiose è realizzato in legno e nonostante questo, o forse sarebbe il caso di dire, proprio grazie a questo materiale, esse sono sopravvissute a incendi, guerre e calamità naturali. Per loro natura le case prefabbricate in struttura di legno vengono associate al concetto di “CASE ECOLOGICHE”,  “CASE ECOSOSTENIBILI” o “BIOARCHITETTURA”. Utilizzare il legno come materiale naturale costruttivo edilizio, non è sufficiente per definire il binomio “case in legno  = case ecologiche”. Questa naturale associazione in termini assoluti non è corretta, in quanto i parametri da valutare per definire una casa come tale sono molteplici. Proviamo a mettere un po’ d’ordine per consentire a tutti di valutare in autonomia quanto a partire dal loro progetto rientra nei parametri della BIOARCHITETTURA.  L’approccio corretto al progetto è quello di valutare come la nostra nuova casa prefabbricata in legno si integra con le preesistenze ambientali e i fenomeni naturali. In quest’ottica dovremmo analizzare i seguenti ambiti del nostro progetto: Rapporto edificio-ambiente –  da  considerare il contesto in cui si trova; Le preesistenze naturali – sono un enorme vantaggio al progetto perché si usano i materiali presenti in loco. Altro fattore l’’orientamento và studiato con cura la disposizione della casa; altro fattore la disposizione degli ambienti  con orientamento nord/sud in base alla loro destinazione d’uso; i materiali ovvio sono da usare materiali solo  naturali, riciclati e riciclabili; importante gli schermi solari saranno da predisporre sistemi per la protezione dal sole, anche naturali come gli alberi; Tecnologie per il risparmio energetico  oltre alla climatizzazione passiva utilizzare se necessario fonti naturali come ad esempio il sole o il vento questi solo alcuni elementi. Le Case in legno, per merito della solida ma flessibile  struttura in legno portante, garantiscono elevatissime prestazioni antisismiche grazie alle caratteristiche di elasticità  e leggerezza  tipiche del legno. Il terremoto in Emilia e in Abruzzo ha evidenziato come la  sicurezza  sia tra le principali caratteristiche che i clienti ricercano nella loro casa e quanto sia importante che il Costruttore lo certifichi attraverso l’approccio al progetto. A questo proposito l’esperienza gli attestati e le certificazioni del costruttore sono determinanti per garantire che la casa prefabbricata risponda a tutte le caratteristiche che la rendono di fatto una casa antisismica. Nel contesto del cantiere uno dei ruoli più importanti è quello del direttore dei lavori strutturale  il quale, a tutela del proprio cliente, deve verificare e sovraintendere a tutte le fasi di costruzione della casa controllando e pretendendo che il costruttore metta in opera quanto stabilito e accettato nel   progetto in fase esecutiva strutturale delle opere lignee.  Il risultato finale dell’opera è sempre una diretta conseguenza di un operato attento, serio, affidabile e professionale del costruttore dei progettisti ma anche del committente stesso delle opere. Lo sanno perfettamente in molte regioni dell’Europa dell’Est e del Nord, dove il legno viene spesso scelto per costruire opere monumentali, al fine di contenerne il peso e garantire così una maggiore flessibilità e capacità sismica all’intera struttura. Un esempio esplicito a Bergen, in Norvegia, è stato edificato “Treet“, il più alto edificio residenziale di legno del mondo che, con i suoi 14 piani per 53 metri d’altezza, sta per essere superato da una torre di 80 piani e 300 metri di altezza in costruzione a Londra.

 

Le Roy

Uff. Stampa   www.casebio.it

 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano