corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


Po, ancora scoperte: nasce il Centro di Ricerca e Documentazione sul Delta

Delta fiume Po

fiume-poDal Po possibili altri rinvenimenti storici: nasce il Centro di Ricerca e Documentazione sul Delta. Chiereghin – ricercatore: “ Dal Po potrebbero arrivare ben presto altre scoperte storiche importanti. Dopo il rinvenimento delle fortificazioni militari della Grande Guerra, ma anche di quelle austriache e napoleoniche e addirittura dopo aver rintracciato una linea del telegrafo ottico “Chappe” installata per volere di Napoleone da Ancona a Venezia lungo il litorale adriatico, sto continuando le ricerche e forse arriveranno altri risultati importanti e scoperte sensazionali. Per la prima volta immagini dei ritrovamenti e documenti inediti saranno in Mostra in Italia, il 10 Dicembre presso il Museo di Taglio di Po”. Finotti: “Questa è l’Italia raccontata dalle guide AIGAE a ben 3 milioni e 400.000 turisti l’anno. L’Italia da Nord al Sud e viceversa, di catene montuose, laghi, coste, borghi, foreste, boschi e campagne. Noi narriamo l’Italia”. “Il Delta del Po, terra giovane, si sta rivelando ricco di storia. Nell’immaginario collettivo si sente dire spesso che il Delta è una terra giovane senza un passato. Io sto cercando di dimostrare il contrario. Non mi fermo. Dopo aver scoperto sul Delta del Po, le Fortificazioni militari della Grande Guerra ma anche quelle Austriache e Napoleoniche dopo aver rintracciato una linea del telegrafo ottico “Chappe” che per volere di Napoleone era stata installata da Ancona a Venezia lungo il litorale adriatico, vado avanti e con ogni probabilità la mia ricerca porterà ad altri risultati importanti e scoperte sensazionali ”. Lo ha dichiarato Luciano Chiereghin, ricercatore che da più di 15 anni sta conducendo intense attività di ricerche storiche sul Delta del Po.
Fino ad oggi i risultati sono stati straordinari con il ritrovamento delle Fortificazioni Militari risalenti alla Grande Guerra ma anche quelle austriache, napoleoniche e addirittura “sono riuscito a rintracciare – ha proseguito Luciano Chiereghin – una linea del telegrafo ottico “Chappe” che Napoleone fece installare da Ancona a Venezia lungo il litorale Adriatico”. E la novità c’è. “Ho scoperto anche i fortini militari delle guerre tra la repubblica di Venezia e lo Stato Pontificio. Immagini e documenti in mostra il 10 Dicembre per la prima volta. Mi sono concentrato sulle tante guerre avvenute tra il 1600 ed il 1700 tra la repubblica di Venezia e lo Stato Pontificio, allora confinanti – ha proseguito Luciano Chiereghin – che si contendevano i nuovi territori che il Po formava davanti alla sua foce. Ecco che con le nuove tecnologie, come immagini satellitari e la georeferenziazione e quant’altro, un po’ alla volta ho ritrovato le tracce di alcune delle fortificazioni militari usate in queste guerre. Il più interessante ritrovamento è stata la scoperta sul terreno dei due forti del 1632, “Bocchetta”, papalino, e “Donzella”, veneziano, che coincidono esattamente con la pianta di questi e, dopo aver ritrovato in loco reperti di fittili compatibili con quella data, è stato possibile stabilire con assoluta certezza da parte di alcuni esperti che le tracce da me ritrovate erano proprio esatte. Ora sto scrivendo un libro su tutto quanto ho sinteticamente descritto. La mia ricerca continua, le sorprese non mancheranno”.

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano