corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


"COMANDARE" CASE E ELETTRODOMESTICI PRESTO SARA POSSIBILE CON LA VOCE

“COMANDARE”

CASA ED ELETTRODOMESTICI

CON LA VOCE SARÀ PRESTO REALTÀ

Casa intelligente 2

Testato con successo il progetto europeo “Listen” per la domotica intelligente, al quale partecipa l’italiana Cedat 85  Nella città greca di Canoro fanno parte anche per la Grecia la Foundation for Research and Technology - Hellas (FORTH) e per la Germania RWTH Aachen e EML European Media Laboratory.

Sensori voce distribuiti nella casa1

La dimostrazione è stata fatta utilizzando un mini microfono contenente al suo interno 8 microfoni e un software in grado di riconoscere 4 lingue europee (Tedesco, Inglese, Italiano e Greco). Alina Suhetzki, funzionaria dell’UE preposta al progetto, ha testato “Listen” impartendo comandi vocali in Inglese per spegnere e accendere le luci: “È stata una dimostrazione sorprendente – ha detto. Un sistema piccolo e intelligente che funziona contemporaneamente in quattro lingue, e che può essere impostato per funzionare anche con altri idiomi”.

I partner del progetto sono ora impegnati a colmare tutti i gap esistenti nel funzionamento dei sensori acustici e del sistema di riconoscimento automatico del parlato. La maggiore integrazione di hardware e software renderà più veloce la risposta del sistema ai comandi vocali dell’utente.

Casa Listen

Cedat sta sviluppando l’intera infrastruttura tecnologica per il sistema di riconoscimento vocale di “Listen” e curando l’implementazione del vocabolario per la versione italiana.

“Il test che abbiamo effettuato – spiega Enrico Giannotti, condirettore generale di Cedat 85ha dato riscontri positivi. Da qui al 2019, con i nostri partner europei, lavoreremo per migliorare l’accuratezza del software e per garantire la massima capacità di interazione vocale di “Listen”. Anche se la domotica non è il nostro core business, siamo convinti che la trasversalità e flessibilità dei nostri servizi per il riconoscimento vocale saranno molto utili allo sviluppo di “Listen”. La nostra tecnologia – prosegue il direttore generale di Cedat 85 - è utilizzata alla Camera dei Deputati, in oltre 200 consigli comunali e in numerose altre istituzioni pubbliche e private, contribuendo a realizzare una vera e propria “democrazia digitale”. Continueremo a investire in ricerca e sviluppo – conclude Giannotti – convinti, come siamo convinti, che le tecnologie per il riconoscimento del parlato potranno evolversi nel futuro trovando ambiti di applicazione che, come nel caso di “Listen”, miglioreranno sensibilmente la qualità della vita delle persone”. La tecnologia adottata da “Listen” è basata su un sistema a viva voce che, tramite una rete di microfoni distribuiti in casa e un apposito software, riconosce la voce del padrone e mette in funzione gli strumenti di volta in volta nominati dall’utente, senza che questo debba utilizzare tastiere, mouse o comunque utilizzare le mani. “Listen” sarà, quindi, di grande aiuto per anziani e persone affette da gravi disabilità e, in casi di emergenza, potrà salvare vite umane. Queste funzionalità saranno utilizzate anche per garantire un pieno accesso ai servizi internet, dalla navigazione sui siti alla dettatura e invio delle mail.

“Listen” rientra nell’ambito del programma RISE (Research and Innovation Staff Exchange - Marie Skłodowska) di HORIZON 2020, piano di finanziamento della Commissione Europea per la ricerca e l’innovazione. Il progetto, avviato nel giugno 2015, sarà chiuso nel 2019.

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano