corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


BCC CARATE BRIANZA, UNA BANCA DEL TERRITORIO APERTA AL MERCATO

Essere una “banca del territorio” è oggi uno slogan di molte banche. Ma come opera una banca del territorio? Lo abbiamo chiesto al Dott. Fabio Vergani, Direttore Generale di BCC Carate Brianza, banca che, sin dagli inizi del ‘900, costituisce un punto di riferimento per il territorio brianzolo e non solo. Oggi conta 30 filiali lungo l'asse Milano-Lecco, di cui 4 a Milano e 3 a Monza, arrivando a toccare la provincia di Pavia.

A cura di Sergio Colombo

Dott. Fabio Vergani - DG BANCA BCC di Carate Brianza

Direttore, qual è il vostro legame con le imprese del territorio?
BCC bussola payoff

 

Siamo una banca a vocazione locale ma al tempo stesso ben inserita in un contesto di mercato aperto. Le nostre filiali sanno gestire molto bene le esigenze di clientela anche sofisticata ed abituata a colloquiare con mercati nazionali ed internazionali. Grazie ad una approfondita conoscenza della zona geografica in cui operiamo, sappiamo bene quali sono le esigenze specifiche di aziende ed imprenditori, i quali, a loro volta, sanno di trovare in noi una banca affidabile, che ascolta e conosce i propri interlocutori per proporre loro le soluzioni più idonee. In sostanza, parliamo la stessa lingua, da qui il nostro claim istituzionale “Ti conosciamo bene. Ti consigliamo meglio”.

Quale tipologia di clienti si rivolge a voi? Qual è il vostro punto di forza?
La nostra clientela è composta da artigiani, piccole e medie imprese ma anche grandi aziende nazionali e multinazionali che operano con l’estero e che trovano in noi un partner capace di soddisfare tutte le loro esigenze. Il nostro punto di forza è quello di riuscire a fornire una risposta concreta ma soprattutto veloce alle richieste che ci pervengono, supportando tutti i progetti quando dimostrano di essere concretamente sostenibili. La dinamica degli impieghi verso la clientela che la nostra banca ha registrato in questi anni di crisi ne è la diretta testimonianza. La contrazione che abbiamo avuto negli anni più difficili è stata inferiore a quella registrata dal resto del sistema bancario e, già dal 2016, prima degli altri, abbiamo invertito la tendenza incrementando i finanziamenti concessi.

BCC Risparmio GestitoCome operate concretamente?
Siamo al fianco delle aziende mettendo loro a disposizione un’ampia gamma di servizi funzionali all’attività che svolgono. Per quanto riguarda i conti correnti, ad esempio, oltre a soluzioni a pacchetto “standardizzate”, diamo ampio spazio alla personalizzazione dell’offerta in base alle esigenze di operatività del cliente, anche tramite l’accesso ai più moderni servizi di corporate banking. Credo che la nostra proposta di servizi, specialmente in questi ultimi mesi, si sia distinta per trasparenza ed una politica di pricing mantenuta coerente. Rivolgersi a BCC Carate Brianza per un titolare di un’attività economica vuol dire scoprire non solo una banca di relazione ma anche un interlocutore preparato ed affidabile sui principali strumenti necessari di pagamento e di incasso. La gamma dei servizi messi a disposizione è ampia ed aggiornata alle più moderne tecnologie richieste dal mercato e si adatta ad ogni tipo di attività, dai piccoli punti vendita alle imprese che effettuano vendita tramite web.

La vostra Banca ha conseguito in questi anni risultati lusinghieri sia in termini di solidità che di conto economico.
Abbiamo da poco chiuso la trimestrale di settembre  2017 con dati che confermano la solidità della banca ma anche la buona performance economica. Il patrimonio netto infatti si attesta sui 263 milioni di euro per un indice di solidità (CET 1 Ratio) oltre il 16%, di gran lunga superiore rispetto alla media delle banche italiane. La redditività si mantiene su livelli molto positivi, grazie anche ad un buon lavoro fatto sul margine da servizi. Siamo molto soddisfatti dell’andamento della raccolta e degli impieghi. La banca ha masse complessive di raccolta per circa 3,3 miliardi di euro, con un incremento dell’ 9,5% rispetto alla corrispondente rilevazione del 2016. Contribuisce a tale crescita, in particolare, la raccolta indiretta, aumentata del 15,8%; già clienti e nuovi ci ritengono come un porto sicuro per i propri risparmi. Positivo anche il volume delle masse di raccolta diretta, cresciute del 5,8%. Per quanto riguarda gli impieghi lordi, essi ammontano a 1,5 miliardi di euro, con un incremento dell’1,8%; positivo, in particolare, il comparto medio/lungo termine. Infine, siamo soddisfatti della dinamica della qualità del credito della banca che, sempre sotto controllo durante tutto il periodo della crisi, sta registrando risultati positivi con le partite deteriorate che nell’ultimo anno sono diminuite di oltre 30 milioni di euro.

BCC Sedi MilanoLa banca è presente sul territorio lombardo con 30 Filiali di cui quattro a Milano. Può fornirci qualche news?
La nostra è stata nel tempo una crescita sana e prudente a livello di sportelli, che oggi ammontano a 30, con masse medie ben oltre ai dati di sistema. Negli ultimi tempi stiamo intervenendo per rinnovare quelle filiali che ne hanno bisogno in modo da renderle sempre più adatte alle esigenze della clientela. È di questi giorni lo spostamento della filiale di Milano Viale Monza a ridosso di Piazzale Loreto; la nuova posizione tende ad avvicinarci ad una zona commerciale di alto passaggio sempre con l’obiettivo di servire bene anche la clientela residente nella metropoli milanese dove siamo presenti nei quattro punti nevralgici della città.

La vostra banca ha aderito al Gruppo Bancario Cooperativo di Iccrea Banca.
Quello che sta prendendo forma sarà il terzo gruppo bancario in Italia per numero di sportelli ed il quarto per attivi. Ad oggi sono 154 le BCC preaderenti (26 sono Lombarde), per un totale di oltre 2500 sportelli in tutta Italia, oltre 20 mila i collaboratori. A livello di bilancio consolidato, il Gruppo avrà 148 miliardi di euro di attivi ed un patrimonio di 12 miliardi di euro, con un CET1 Ratio del 15,2%. 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano