corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


BASILEA 3, FORSE 4 ...di Gian Carlo Rosini

BASILEA 3… FORSE 4

basilea III

"Basilea 3" è un articolato insieme di provvedimenti di riforma, predisposto dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria al fine di rafforzare la regolamentazione, la vigilanza e la gestione del rischio del settore bancario. Tali provvedimenti mirano a migliorare la capacità del settore di assorbire shock derivanti da tensioni economiche e finanziarie indipendentemente dalla loro origine, migliorare la gestione del rischio e di governance, rafforzare la trasparenza e l'informativa delle banche. L’insuccesso di Basilea 3, bypassata dall’eurosistema e non solo, fa parlare di Basilea 4. La riforma verte sulla regolamentazione a livello di singole banche, e concorrerà a rafforzare la loro resistenza nelle fasi di stress, nonché sulla amplificazione pro-ciclica di tali rischi nel tempo a livello macro-prudenziale di sistema. L’abbassamento dei tassi fa cambiare il core business della banca. Le banche tendono a far pagare le riserve indotte da Basilea con l’applicazione delle spese e commissioni per servizi e pareggiare i costi del personale con i ricavi da tali servizi. Inoltre, con le nuove norme, si è introdotto il concetto di ”perdite attese”. Lo sconfinamento diventa, quindi, una perdita attesa ed il suo 30% va accantonato a riserva. Ne consegue una minore possibilità di erogazione del credito. Questo provvedimento rischia di portare la banca a una perdita tecnica e non gestionale, con la conseguenza di una nuova minore disponibilità all’erogazione creditizia.

Questi elementi negativi impongono alla banca di fare riserva, persino i crediti andati in bonus e i crediti sotto osservazione sono soggetti nuovamente a riserva anche se forfettaria. Le banche probabilmente perseguiranno un mix di strategie per affrontare queste carenze, tra cui la contrazione di utili futuri. In realtà l’accordo di Basilea 2 entrato in vigore solo nel 2008, dopo una lunga fase di gestazione, prevedeva il vincolo di non discostarsi troppo dalle regole precedenti almeno per i primi anni. Per le nostre logiche bancarie, Basilea è stato un fallimento. La storia industriale e finanziaria italiana non è come quella degli Stati Uniti, epicentro dello tsunami finanziario. Gli USA non solo sono stati recalcitranti ad accettare le nuove norme, ma ne prevedevano l’applicazione a partire dal 2009 e solo per una parte limitata del sistema bancario, preferendo mantenere le regole nazionali, meno sofisticate e meno risk-sensitive. Northern Rock, Bear Stearns e Lehman Brothers, per citare solo tre vittime eccellenti della crisi finanziaria, non applicavano Basilea 2. Ritenere responsabile una normativa entrata in vigore all’epoca da pochi mesi o addirittura non ancora applicata, sembra effettivamente eccessivo.

Basilea 2, 3 e 4 non c’entrano nulla… o quasi. Se, da un lato, non è corretto attribuire alle regole di Basilea la responsabilità della crisi, va però detto che il Comitato di Basilea non l’ha varata in tempo utile per prevenirla.

Gian Carlo Rosini

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano