corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


Come è cambiato il lavoro in Italia

Come è cambiato il lavoro in Italia

Lavoro in italia cambiato

Grazie al supporto dell’Osservatorio statistico dei Consulenti del Lavoro Workmagazine presenta un numero speciale dedicato ai numeri del lavoro italiano. Rispetto a dieci anni fa la struttura del lavoro italiano è completamente cambiata: ci sono 2,8 milioni di lavoratori over 44 in più e 2,9 milioni di lavoratori under 45 in meno; i dipendenti part-time sono passati da 2,5 a 3,5 milioni, pari ad un aumento del 40%; l’industria ha perso 900 mila occupati, mentre i servizi sono aumentati di 800 mila unità; il Mezzogiorno ha perso 310 mila occupati, mentre nella Regione Lazio si è registrato un aumento di 193 mila unità e in Lombardia di 125 mila; sono “scomparsi” un milione di operai e artigiani e gli addetti ai servizi sono aumentati di 810 mila unità. Le riforme di cui l’Italia ha bisogno devono tenere conto di questo cambiamento di scenario, che determina un diversa prospettiva.

Come è cambiato il lavoro prima e dopo la grande crisi; quali sono le province ed i territori italiani in cui il mercato del lavoro funziona meglio e ci sono maggiori opportunità; qual è il contributo che viene dagli immigrati stranieri al lavoro italiano e quali sono le maggiori possibilità per laureati e diplomati per trovare lavoro in Italia: questi i temi importanti, su quali spesso circolano più opinioni che dati veri, ai quali è dedicato il numero on line di www.workmag.it, il magazine internet diretto da Romano Benini. I report statistici predisposti dall’Osservatorio sono allegati ad ogni articolo. Infine, su Workmag si trova un approfondimento sullo strumento dell’accordo di ricollocazione.

(fonte: Testata in corso di registrazione • Editore Work Experience srl Direttore responsabile: Romano Benini)

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano