corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


Marketing offline: nulla da invidiare alle nuove tecnologie

marketing online e offline

C’è poco da dire e fare, internet ha cambiato le nostre vite.

E parlare di marketing offline in un’era dominata dalla rete può sembrare anacronistico. Eppure, ancora oggi, sono molte le aziende che continuano ad investire nel marketing tradizionale:per incrementare il fatturato, conferendo maggiore visibilità alle proprie imprese.

Ma cos’è, praticamente, il marketing offline?

offline marketingSotto questa dicitura rientrano tutte le strategie che utilizzano, per fare marketing, canali “offline”, ovvero tutti quei canali non collegati col web: per esempio radio, televisione e giornali cartacei; ma anche partecipazioni ad eventi e fiere, volantini e manifesti, oppure altro materiale che divulghi nome e logo dell’azienda. L’obiettivo principale di questo tipo di strategia è quello di creare una più solida consapevolezza dei servizi e dei prodotti offerti dall’azienda stessa.

Queste strategie sono particolarmente versatili, in quanto possono essere messe in atto sia da piccole che da grandi imprese.

Ad esempio, pensiamo alla televisione: un’azienda piccola può trasmettere il suo spot sulle tv locali mentre un’azienda grande si rivolgerà alle reti nazionali; in entrambi i casi la strategia sarà valida.

È importante sottolineare che questo tipo di strategia si rivolge ad un pubblico giovane ma anche ad un pubblico più adulto: uno spot televisivo, una pagina di giornale, un manifesto in centro città, raggiunge sia i più giovani che i più anziani, soprattutto coloro che sono poco avvezzi alle nuove tecnologie. Questo significa un bacino di destinatari del messaggio pubblicitario molto più ampio e un conseguente risultato più prolifico.

Anche partecipare ad eventi e fiere è un toccasana per la brand awareness di un’azienda, perché significa metterci la faccia, “sporcarsi le mani”, scendere a giocare la propria partita direttamente “sul campo”; ed è un mood che i vecchi clienti ma anche quelli nuovi e potenziali apprezzano sempre molto.

Così come apprezzano parecchio i gadget aziendali. Magliette, cappelli e accessori o oggetti vari con su impresso il nome dell’impresa del cuore, hanno il potere di far sentire i clienti coccolati e protagonisti di una strategia assolutamente vincente.

Basti pensare alla fine dell’anno, quando le nostre aziende preferite ci omaggiano con oggetti come le agende personalizzate: un dono utile diventato ormai indispensabile, che ha la finalità di promuovere il marchio dell’azienda facendo in modo che nome e logo dell’azienda vadano in giro per tutti i 365 giorni dell’anno successivo.

Senza niente da invidiare all’online marketing.

Anzi…

 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano