corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


Milano: design, moda, architettura, cultura… e verde

Milano  design moda architettura cultura e verde

MILANO: DESIGN, MODA, ARCHITETTURA, CULTURA… E VERDE

A cura di Luca Medici

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tratto da:

Milano 24orenews               

Milano 24orenews ottobre 2019 - Cover Leclerc  

Milano è una città proiettata al futuro, famosa nel mondo per il design, la moda, l’architettura e la cultura. Negli ultimi anni abbiamo visto la città trasformarsi: aree depresse sono rinate grazie a interventi unici nel suo genere, nuove architetture hanno trasformato lo skyline e moda&cultura sono uscite dalle loro aree storiche contaminando l’intera città con nuovi headquarter. Inoltre c’è stata una massiccia corsa al verde, con l’incremento della presenza di alberi, parchi e giardini all’interno dei confini meneghini nonché con l’estensione dell’Area C a quasi tutta l’area urbana, chiamata Area B. Questa nuova zona a traffico limitato, sorella maggiore dell’ex Area Ecopass, varata nel gennaio del 2008, si estende adesso per oltre il 70% del territorio comunale. Uno dei motivi che ha spinto il Comune a estendere questa ZTL, la più grande d’Italia, potrebbe sembrare quello di aumentare l’eco area visti i buoni risultati ottenuti con la zona C. Falso! Questo primo progetto non ha portato un miglioramento della qualità dell’aria, anzi, da una recente fotografia e mappatura dell’intera area urbana sono emersi dei rapporti pessimi. Polveri sottili, particolato, Pm 10, Pm 2,5 e tutto ciò che entra in circolo - ha sottolineato l’Agenzia Europea per l’Ambiente - ha causato in Italia circa 50.550 morti premature in un solo anno, tutte causate dall’esposizione prolungata al PM 2,5. Un dato sconcertante. Milano purtroppo ha al suo attivo oltre 73 (limite CE fissato a 35) giorni di superamento del Pm 10… ed è fuorilegge da molti anni. Questi killer invisibili sono la causa inoltre di molti altri problemi di salute che spesso vengono ignorati. La mobilità ecosostenibile, grazie a veicoli elettrici ed ibridi, ha creato un nuovo trend nella città, ma la strada è ancora lunga, bisogna ulteriormente insistere sulle energie rinnovabili e sulle emissioni pericolose, non solo delle auto. Ma torniamo al verde, fino a pochi anni fa Milano era una città grigia, dove la mancanza di verde non creava una vera attrattiva per gli abitanti, ma anche per i turisti. Il verde è una risorsa importante, le più importanti metropoli dispongono di ampie aree urbane, Londra ne è un esempio. Milano non è rimasta a guardare, nel 2017 il Consiglio Comunale ha approvato il “Nuovo Regolamento d’Uso e Tutela del Verde Pubblico e Privato”. Questo documento evidenzia un dato importante, cioè che non meno del 35-40% del territorio cittadino sia adibito a spazi verdi, ma non solo, incentiva la responsabilità dei cittadini, introduce nuove norme per la progettazione di spazi verdi e promuove l’estensione di aree verdi ubicate nella cintura urbana includendo le aree rurali. L’auspicio è che dall’esempio di altre città green nel mondo, a breve, anche Milano possa diventare una città più vivibile, ecologica e sostenibile, regalando ai cittadini molti polmoni verdi da vivere in modo sano e consapevole.

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano