corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


IL PIÙ BEL REGALO DI NATALE

regalo di natale

Da Halloween a Natale il passo è breve e se ci avete fatto caso, già il primo di novembre i supermercati erano pieni di cesti natalizi e iniziavano ad appendere le illuminazioni. Che il Natale sia in gran parte una festa consumistica è cosa ben nota, chi di noi non è esente dalla rincorsa ai regali? In tutto questa maratona affannata che termina il 25 dicembre credo si stia perdendo d’occhio il fattore più importante, e non parlo della questione religiosa. Indipendentemente che si sia credenti e praticanti o meno, le festività sono un momento di pausa da passare, possibilmente, insieme ai nostri cari. Al di là del pranzo di Natale che potrebbe rivelarsi anch’esso stressante quanto una riunione con l’amministratore delegato, il tempo delle vacanze invernali dovrebbe essere usato per ritrovarsi. E dovrebbero farlo soprattutto le coppie. Nella mia pratica clinica non ci sono partner che non si lamentino della mancanza di tempo, schiacciati tra gli orari d’ufficio, il traffico, gli impegni dei figli e personali. Tutto tempo tolto alla coppia che, inevitabilmente, inizia a risentirne. Ritrovarsi dunque. Mi viene in mente una scena di una serie tv di qualche anno fa, in cui entrambi i coniugi, non sapendo cosa regalare all’altro, hanno avuto la stessa idea: regalare se stessi e con tanto di fiocco in testa. Ed è proprio questo il miglior presente che si possa fare: stare insieme e condividere i momenti come coppia; che sia un viaggio o tempo trascorso in casa non ha importanza, è la qualità di ciò che si fa che conta. Ciò significa prestare piena attenzione all’altro e, possibilmente, riceverla di rimando. La frenesia della quotidianità porta spesso la coppia a meri scambi di informazioni legate all’organizzazione familiare, che non possiamo definire come vera comunicazione, o quantomeno comunicazione funzionale. Pertanto lo stop natalizio risulta essere utile proprio per concedere ai partner di fermarsi e ricreare quello spazio così speciale in cui tornare a essere nuovamente uniti, lasciando lavoro e stress il più possibile lontano. Eppure sembra che al giorno d’oggi “staccare la spina” e dedicarsi dei momenti per sé e per l’altro sia complicato e a tratti inverosimile, come se gli impegni e i doveri fossero delle palle al piede da cui è impossibile sganciarsi. La questione è che questo tempo, spesso, proprio non si trova. O non si vuole trovare. È questa la grande differenza sulla quale è necessario riflettere.

www.aispa.it

Consulenti al vostro servizio

D.ssa Federica Casnici

Psicologa - Sessuologa clinica - Consigliere A.I.S.P.A.

https://fcpsicologia.wordpress.com

tratto da

Milano 24orenews                      Roma 24orenews              

Cover MI24 Dicembre 2019 Cover RM24 Dicembre 2019

Condividi
comments

In primo piano