corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


La tecnologia della climatizzazione al servizio dell’arte

Museo Poldi Pezzoli - Mitsubisci Electrics

Mitsubishi Electric e Museo Poldi Pezzoli:

la tecnologia della climatizzazione al servizio dell’arte, nel rispetto dell’ambiente

Il Museo Poldi Pezzoli di Milano, una delle più importanti case museo in Europa, esempio del raffinato gusto del XIX secolo che accoglie splendide collezioni artistiche dall’archeologia all’Ottocento, ha scelto Mitsubishi Electric per la tutela del proprio patrimonio.

Una soluzione tecnologica che assicura la perfetta conservazione delle preziose opere donate dal collezionista Gian Giacomo Poldi Pezzoli ai milanesi, grazie al servizio di manutenzione programmata che consente un funzionamento d’impianto eccellente, continuativo e in condizione di perfetta affidabilità.

Mitsubishi Electric ha acquisito una particolare esperienza nel settore museale con i propri impianti VRF (Variant Refrigerant Flow) che hanno dimostrato di saper rispondere in modo ottimale ai requisiti di tutela delle opere esposte e di comfort per i visitatori. Gli elementi fondamentali di valutazione che hanno portato il Museo Poldi Pezzoli alla scelta di Mitsubishi Electric, sono stati la non invasività degli impianti e il rispetto dell’integrità e dell’identità degli ambienti.

Queste condizioni sono state pienamente soddisfatte dalla tecnologia dei sistemi VRF a recupero di calore ME, che ha consentito l’installazione delle unità interne ed esterne, senza arrecare disturbo all’armonia delle sale e soprattutto senza la necessità di intervenire con opere murarie, con la possibilità di tenere aperto il museo durante i lavori, creando così il minore disagio possibile per il personale e i visitatori.

I sistemi VRF Mitsubishi Electric inoltre, svolgono le funzioni per le quali sono stati progettati nel pieno rispetto dell’ambiente naturale e garantiscono un’elevata efficienza energetica, con un notevole risparmio sui consumi - fino al 33% - rispetto ad un sistema tradizionale, e un abbattimento delle emissioni in loco di CO2.

Ulteriore punto di forza è costituito dal sofisticato sistema di gestione, supervisione e controllo: una tecnologia smart, che consente di gestire e controllare autonomamente i valori di temperatura e umidità - fattori essenziali per la corretta conservazione delle opere – delle diverse aree in cui sono esposte opere costituite da materiali eterogenei che richiedono situazioni conservative differenti.

In primo piano