corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


MILANO. Nel tempio delle camicie di Walter Voulaz

Walter Voulaz_Boutique_MilanoNel centro di Milano, nel quadrilatero della moda apre la prima boutique Walter Voulaz: non è facile esserci, ancora più difficile distinguersi. Nasce dal concetto della camicia Voulaz : ben fatta, con dettagli impeccabili e materiali eccellenti; contemporanea e glamour allo stesso tempo. Gli spazi sono parte integrante dell’edificio storico di via Manzoni che ospita il celebre Grand Hotel et de Milan, che vide tra i suoi ospiti personaggi illustri come Giuseppe Verdi, Gabriele D’Annunzio, Maria Callas e Rudolf Nureyev. L’ingresso del negozio rispetta la storica eleganza del palazzo non ostentando volutamente il prodotto grazie a un cancello di ferro a quattro ante, un sorta di antro, camera di decompressione tra il traffico della città e la tranquillità dell’interno ancor più salvaguardata dalla porta originale con maniglia d’epoca in ottone. La struttura interna è stata riprogettata aprendo un grande foro tra i due livelli che dona una doppia altezza ai locali, senza precludere l’intimità degli ambienti.

Walter Voulaz Boutique via Manzoni MilanoI materiali appartengono alla classicità: marmo grigio per il pavimento, legno scuro per gli arredi ed intonaco con pigmenti naturali per le pareti, nel rispetto dei muri storici. Le molteplici lavorazioni sono frutto di una dialettica tra passato e futuro tra Europa e l’antica via delle spezie: il marmo è tagliato ad esagoni, come spesso i Francesi facevano nelle loro dimore, ma le proporzioni sono quelle tipiche dell’Indocina, con piastrelle più piccole, posate senza cornice. Il legno è ebanizzato con una gomma nera, impermeabilizzante, estratta in Vietnam dagli alberi del caucciù. Ne risulta una finitura più morbida, una lacca assolutamente naturale applicata su forme ispirate alla tradizione ma reinterpretate con estro e creatività. Luci diffuse, studiate da Flos, per gli ambienti e micro led per ripiani e elementi di arredo donano vita ai capi esposti rivelandone colori e tessuti. Il verde veronese “appena sporco di grigio e con una punta di blu”, utilizzato per le pareti è uno degli elementi chiave del concept, ricreato scrupolosamente dalla palette di Le Corbusier. Tende in duchesse color cipria tutelano la privacy dei camerini e delle zone di servizio. Il grande lampadario di ferro grezzo, che si proietta dal soffitto fino al piano terra, irrompe nello spazio con un forte segno grafico. Objet decor richiamano i dettagli delle camicie, valorizzano gli interni, comunicano il prodotto in un ordine esasperato e un rigore quasi ossessivo. Materiali innovativi, tecnologie costruttive, archetipi della tradizione occidentale contaminati da richiami esotici di colonie lontane donano all’ambiente un‘atmosfera unica e suggestiva. Un negozio per Milano con personalità internazionale che accoglie molteplici letture in linea con la complessità moderna. Uno spazio glocal dove tradizione e novità incontrano un gusto sobrio e al tempo stesso eccentrico.

Walter Voulaz

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano