corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


I BAUSTELLE SU MAX: SANREMO? NO GRAZIE

I Baustelle su MAX: "Al Festival diciamo no grazie". E sulla religione: "Non sopportiamo nessuna Chiesa politica"

MaxSanremo? «Per il momento non ci interessa» dichiara lapidario Francesco. Più possibilista Rachele: «era il mio sogno da ragazzina… magari ci andrò da vecchia» Così i BaustelleFrancesco Bianconi e Rachele Bastreghi in un’intervista esclusiva a MAX da giovedì 7 febbraio in edicola, su iPad e online su max.gazzetta.it.

Nel loro sesto album Fantasma, lavoro ambizioso che mescola citazioni filosofiche, echi da film horror, rimandi agli anni Settanta e musica classica, i Baustelle non le mandano a dire.

La religione: «Non sopportiamo la degenerazione sociale della religione. Non sopportiamo nessuna Chiesa politica».

La politica: «’Quel figlio di Troia che appalta la Rai’, cantiamo in NessunoNon ce l’abbiamo con la Rai ma con ‘quello che la appalta’. Si parla da anni di riforme e di leggi antitrust, ma non si fanno mai per logiche politiche».

La coscienza: «Fare i conti con la propria coscienza è fondamentale per andare avanti, anche se rimane una cosa individuale».

Passato, presente e futuro: «In Fantasma vogliamo riflettere sul tempo: su un passato che diventa sempre più ingombrante, sull’incertezza del presente e sull’ansia del futuro».

I segni del tempo: Il tempo scorre e lascia segni. Paura? «Sono un pessimista cosmico e una visione del mondo così negativa ogni tanto aiuta. Penso: perché agitarsi?» (Francesco) «Non tanto, concordo con Anna Magnani che non si preoccupava affatto delle rughe e degli anni che passavano»  (Rachele).

Fantasma: il nuovo disco ha parecchi riferimenti alla musica classica (Stravinskj, Mahler, Ravel, Messiaen, Wagner) e fondamentale è stata la presenza dell’orchestra sinfonica di Wroclaw, Polonia. È un lavoro ambizioso, spiazzante «Sappiamo che chi ci ascolta è abituato ai nostri cambiamenti. All’inizio abbiamo affrontato il rock in maniera più istintiva e con maggior incoscienza, ma poi per forza di cose si cambia. In questo lavoro abbiamo creato delle composizioni per voce e piano alle quali abbiamo aggiunto l’orchestra. Certo, non è proprio pop però i brani, in fondo, sono… orecchiabili».

______________________________

Francesco Bizzini
Mongini Comunicazione

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano