corriere150repubblica150

giornale150

sole24ore150

 

IlMessaggero-punto-itiltempo

 

ilpiccolo

ilmattino

 

 

lastampa.itil secoloxix

 

ilgiorno

avvenire

 

 

 

 


MAURITIUS: “Ilha do Cerne”

IL PARADISO… “NON” PUÒ ATTENDERE

a cura di Milena Polidoro

2C’era una volta un’isola di paradiso nell’Oceano Indiano. La scoprirono i portoghesi nel 1500 e la battezzarono “Ilha do Cerne” (Isola del cigno); la colonizzarono gli olandesi e le diedero il nome di Mauritius in onore del Principe Maurizio di Nassau; se ne impossessarono i francesi e la chiamarono “Ile de France”; infine arrivarono gli inglesi che le ridettero il nome olandese, abolirono la schiavitù e importarono forza lavoro dall’India. Un crogiolo quindi di culture, religioni, tradizioni che si tramandano e convivono: potrete gustare un piatto di ceci al curry o un delizioso “yorkshire pudding” sulla terrazza di un ristorante francese, il tutto accompagnato da vino di importazione o da una forte birra al malto al suono di musiche creole o al brusio delle varie lingue parlate dagli abitanti dell’isola. Questa è Mauritius. Lungo soli 300 chilometri di costa, questa è la lunghezza del giro completo dell’isola, troverete spiagge incontaminate, paesaggi che superano qualsiasi superlativo, giardini botanici, isole idilliache, vivaci mercati cittadini e una affascinante atmosfera coloniale nelle strade meravigliosamente caotiche di Port Louis, la capitale. Una curiosità: solo su quest’isola da sogno viveva un uccello dalla forma particolare che per il mutamento della situazione ambientale, con l’arrivo degli europei si estinse. È rimasto però nell’immaginario tanto che una famosa casa di gioielli italiana gli dedicò un ciondolo divenuto oggetto di cult: il dodo. Mauritius, come tutti i paradisi della terra, non è priva di problemi; la recessione globale ha avuto anche qui delle ripercussioni sui proventi derivanti dalla tradizionale coltivazione della canna da zucchero , del tè, del tabacco e dell’industria tessile, ma con l’introduzione di nuove tecnologie, nuovi servizi bancari, la promozione di turismo selezionato, il suo modello economico flessibile e la sua politica liberaldemocratica, invidiata da molto paesi vicini, potrà a breve diventare una delle nazioni più avanzate e dinamiche dell’Oceano Indiano.

Conti tour ha selezionato un viaggio dal 21 al 29 dicembre 2013

Per informazioni:

Conti Tour - Via Montenapoleone 19 - Tel 0276023448 -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Photo Gallery

 

 

 

 

 

 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano