GIUSY VERSACE: “Con la testa e con il cuore si va ovunque”

GIUSY VERSACE

“Con la testa e con il cuore si va ovunque”Giusy primo piano r2

Giusy primo piano rGiusy è una ragazza molto coraggiosa: privata delle gambe a causa di un incidente stradale nelle strade poco sicure e spesso dissestate del nostro Paese, non si è certo data per vinta e si è rimessa in piedi, a camminare e poi a correre, ora anche a recitare e a ballare. In un teatro stracolmo, debuttando al Manzoni di Milano come attrice e ballerina nel suo nuovo spettacolo “Con la testa e con il cuore si va ovunque”, incanta ed emoziona il pubblico. Diretto dal regista Edoardo Sylos Labini e accompagnato dal ballerino Raimondo Todaro e dal cantante pop Daniele Stefani, lo spettacolo toccherà in autunno le città di Roma, Bologna, Firenze, Venezia e forse anche Norcia. Giusy Versace, è l’atleta paralimpica detentrice di alcuni record europei, italiani e mondiali, la vincitrice della sfida televisiva “Ballando con le stelle”, l’autrice di un best-seller editoriale e conduttrice televisiva del programma “La domenica Sportiva” e di “Alive il senso della vita” su Retequattro, accanto a Vincenzo Venuto. Parla della sua ultima esperienza teatrale, che l’ha portata sul palcoscenico del Manzoni con un musical nel quale recita e balla, raccontando la sua vita, le sue battaglie, i suoi successi. Giusy è accompagnata sempre dal fidanzato, Antonio Magra. Si erano conosciuti dieci anni fa, nel centro di riabilitazione di Budrio, vicino a Bologna dov’era andata per imparare ad usare le protesi dopo l’incidente nell’agosto del 2005. Anche lui era rimasto vittima di un incidente mentre lavorava in campagna col padre contadino, nel quale aveva perso una gamba. Insieme da allora si sono ricostruiti una vita. Giusy è bella, giovane, testarda, combattiva e amante delle sfide. Lui alto, bello, e affascinante, atleta internazionale paralimpico nel lancio del disco, del peso e nei 100 metri. Una bella coppia affiatata. Aspettano il momento in cui andranno a vivere insieme. Lui è siciliano e non vorrebbe mai rinunciare a vivere nella sua terra, lei sta a Milano. Per ora fanno i pendolari. Ma pare che l’amore farà apprezzare ad Antonio le bellezze di Milano. Soprattutto perché fra queste c’è Giusy.

Il tuo debutto come attrice è stato un successo… un’altra sfida vinta!

Sì, è vero, il debutto dello spettacolo “Con la testa e con il cuore si va ovunque”, al teatro Manzoni, è andato benissimo. Ora ci aspettano dei mesi di fatica e di sudore. Ma tutto questo non mi spaventa. La gente mi segue e ovunque vada i teatri sono sempre esauriti. Non lo faccio per me ma soprattutto per gli altri. Una specie di volontariato attraverso “Disabili No Limits Onlus” l’associazione che ho creato apposta.

Giusy Cast e Sylos 1

Giusy manifesto

 

Com’è nato lo spettacolo?

È nato per caso, grazie anche a Edoardo Sylos Labini, che ne è il regista, che ho conosciuto per uno scherzo del destino. Lui aveva organizzato una serie di rappresentazioni al Teatro Manzoni il cui ricavato era destinato ad una onlus che l’avrebbe impiegato nell’aiuto ai disabili. La mia onlus ha un nome quasi simile e sul manifesto che avevo visto, infatti c’era finita la mia. Alla fine dell’anno, quando abbiamo fatto i conti, mi sono accorta che mancava l’incasso del teatro Manzoni. Ho chiesto spiegazioni ad Edoardo e ho scoperto che non mi dovevano niente, è l’incasso era stato versato alla onlus a cui era destinato, e non alla mia: si era trattato di un puro errore tipografico.

Una grande delusione...

Sì, ma l’incontro è stato egualmente importante perché in seguito, dalla nostra amicizia, è nato questo spettacolo che girerà tutta l’Italia ed il cui ricavato questa volta sarà destinato alla mia associazione. Voglio che chi come me ha vissuto un dramma, abbia delle valide possibilità di inserimento e di affermazione nella vita e non debba abbassare la testa per lasciarsi andare alla disperazione, ma reagire.

Non ti spaventa la crisi? Di certo non aiuta...

Sì, d’accordo, c’è la crisi, ma è importante guardare il mondo con uno sguardo sereno, consapevoli dei valori che contano davvero. E credo che la mia storia lo dimostri. Ho fondato Disabili No Limits Onlus, per aiutare i giovani disabili a praticare lo sport. Abbiamo intenzione di lavorare molto e non ci fermeremo neppure d’estate. So che sono previsti alcuni debutti anche nelle località balneari più importanti e addirittura si parla del festival della Versiliana a Marina di Pietrasanta in Toscana.

Con la testa e con il cuore si va ovunque” ha anche riunito la coppia vincente di “Ballando con le stelle”

Sì, sul palcoscenico con me, che alterno la recitazione con la danza, c’è infatti Raimondo Todaro, che ha curato le coreografie. Insieme vincemmo l’edizione 2014 della gara di Rai 1. La regia è stata affidata a Edoardo Sylos Labini, autore e interprete di opere importanti e che gli amanti delle serie televisive ricordano con affetto quando era uno dei protagonisti di “Vivere”.

E poi c’è il cantante pop Daniele Stefani...

Sì, Daniele ha musicato alcuni miei monologhi poetici e canterà brani inediti. Daniele 37 anni, milanese, è autore e interprete di “Uno straccio di emozione” il cui successo in Francia, oltre che in Italia, gli ha dato l’occasione di esibirsi all'Olympia di Parigi. È anche l’autore di “Un giorno d'amore”, che fa parte della colonna sonora del film Gomorra.

Quindi reciti, balli e persino canti: una nuova sfida?

No, state tranquilli (sorride ironica Giusy Versace), non ho intenzione di aggiungere il canto alle mie molte sfide. Almeno per ora…

Francesca Bastoni

Giusy 1

 

 

 

 

 

 

     

 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

In primo piano