LA PUGLIA CON I SUOI DIALETTI E TRADIZIONI

MELPIGNANO

ANTICHI MENHIR

LINGUA GRIKA

TRADIZIONI ARBRESH....

UNA PUGLIA DA SCOPRIRE

 PALAZZO MARCHESALE o CASTELLO MELPIGNANO           

Una regione ricca di colori, suoni, culture e di lingue che si tramandano nel tempo. Il nostro educational Tour ci porta Melpignano acirca 25 Km da Lecce, un piccolo borgo con alle spalle tanta storia, dove si trovano reperti risalenti all’età del bronzo, scopriamo antichissimi menhir, enormi megaliti in un unico blocco solitamente risalenti al Neolitico, la regione Puglia infatti può vantarne 79 sparsi su tutto il territorio.menhir Melpignano è stata fondata da aborigeni greci del Peloponneso, venuti con Enotrio Arcade, per altri deriva invece da Melpinio, centurione romano cui vennero assegnate queste terre dopo la conquista dei Romani ai danni dei Messapi. Il Castello di Melpignano, anche conosciuto come Palazzo Marchesale, un bel edificio Seicentesco, successivamente ripreso, costituito da una larga facciata con un ordine di eleganti finestre e da un portale sormontato da un balcone su colonne. La Chiesa del Carmine, invece, è una costruzione successiva, risale al 1750 in pieno periodo Barocco ed è fiancheggiata dall’ex convento degli Agostiniani, con un chiostro cinquecentesco. Il paese è poi rilevante nel settore dell'artigianato e in quello dell'estrazione della pietra leccese.

LA NOTTE DELLA TARANTAUna comunità di poco più di duemila abitanti, deve le sue origini linguistiche e culturali con la Grecia, testimoniate anche dalla sopravvivenza dell’antica lingua grika che si cerca di salvaguardare. In questo paese famosa è la Notte della Taranta, un festival di musica popolare che mira a valorizzare la musica tradizionale salentina attraverso la sua riproposta e la contaminazione con altri linguaggi musicali, vede la partecipazione di musicisti di fama nazionale ed internazionale. Ogni edizione del concertone finale è affidata a un "maestro concertatore" che ha il compito di arrangiare le musiche tradizionali del Salento fondendone i ritmi con quelli di altre tradizioni musicali.

STERNATIA COMPLESSO DEI DOMENICANI

Il nostro viaggio prosegue a Sternatia, dove anche qui troviamo il dialetto grika, questa lingua che ancora oggi si parla in sette paesi del Salento, risale, con ogni probabilità, al IX-X secolo d.C., quando gli imperatori della dinastia macedone, riuscirono a riconquistare buona parte dell’Italia meridionale. Da segnalare, il centro storico con l’antica cinta muraria di cui resta traccia in Porta Filìa, dal greco “amicizia”.

Frantoio Ipogeo

Nel grande frantoio ipogeo del XV secolo, recentemente restaurato, un frantoio sotterraneo gli operai chiamati “trappitari” (frantoiani) che per mesi lavoravano alla spremitura delle olive senza salire alla luce del sole. Tappa poi a San Marzano di San Giuseppe in provincia di Taranto, dove resistono le tradizioni arbresh, importate dai coloni albanesi nel 1500 al seguito del grande condottiero Schanderberg

.CANTINE SAN MARZANO

OLEIFICO SAN MARZANO

Ma San Marzano, è il territorio del Primitivo dop, occasione quindi per degustare il buon vino Primitivo di Manduria nelle Cantine San Marzano, deve la nascita a 19 vignaioli che nel 1962 si unirono per fondare “Cantine San Marzano”.

Negli anni questa cooperativa si è implementata sino agli attuali 1200 viticultori, avvalendosi di impianti moderni e tecnologicamente avanzati e producendo vini sempre eleganti nel massimo rispetto dell’antichissima tradizione vitivinicola per il terroir pugliese.

 

 

 

 

Il Comune di Melendugno ha infatti partecipato e vinto un Bando della Regione Puglia, Assessorato alle Industrie Turistiche, per realizzare un educational tour, nell’ambito del Programma operativo Regionale FESR-FSE 2014-2020, Asse VI, Azione 6.8. Finalizzato alla conoscenza del territorio e dei suoi attrattori materiali e immateriali

 

 

loghi-puglia EDUCATIONA TOUR MANCARELLA

 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Curiosità