Capo Verde: l’Africa che non ti aspetti

Capo Verde - Isola di Sal

di Alessia Placchi

Nell’Oceano Atlantico a poco meno di 600 chilometri dalle coste dell'Africa, e più precisamente da quelle del Senegal, e poco più distante dalla Mauritania, Capoverde è un arcipelago composto da dieci isole (Boavista, Brava, Fogo, Maio, Sal, Santiago, Santo Antao, Sao Nicolau, Sao Vicente) collinose e ventose che si trovano allineate come un collier di gioielli appena al di fuori del litorale ad ovest delle coste del Senegal e della Mauritania. Dall'Italia le isole distano 4.500 km circa, e quindi per arrivare a Capoverde le ore di volo richieste sono circa 6 senza scali intermedi. Fino a poco tempo fa la bellezza delle isole di Cabo Verde (così le chiamarono infatti i portoghesi che le colonizzarono) è stata in gran parte mantenuta segreta: le lunghe spiagge dalla sabbia bianca infinita, avvolte dall'oceano turchese, il mistero storico delle città coloniali che conferisce a Ribeira Grande titolo di prima città europea nei tropici, l'ampia varietà di paesaggi dall’aspetto vulcanico molto drammatico e lunare, il verde intenso della vegetazione rigogliosa, sono tutti ingredienti che conferiscono alle isole un fascino antico e misterioso. Chi desidera spiagge indimenticabili deve recarsi sulle isole di Sal e Boavista, dove l'aspetto desertico rende queste spiagge candide davvero strepitose, a detta di molti tra le più belle del mondo.

Arcipelago di Capo Verde

A livello di natura selvaggia, l'isola di Santo Antao è sicuramente una delle più intriganti, ricchissima di verde e di paesaggi mozzafiato. Fogo è invece una scoperta continua, dove le forze primordiali della natura emergono potenti lungo i fianchi del ripido vulcano. Chi invece è appassionato di storia può dedicarsi alla visita di Santiago e della sua "Cidade Velha" che vi catapulterà al tempo della dominazione coloniale e del mercato degli schiavi. Al giorno d'oggi, le isole di Capo Verde stanno aprendosi al turismo, fornendo oltre che la natura incontaminata dei tropici l’esperienza di una cultura e di un popolo particolare creando una miscela ricca di festa, gioia e accoglienza. La gente di Capo Verde è veramente unica, essendo una miscela culturale Paesi più vicini, il Senegal, l’Africa occidentale e il Brasile, e questa combinazione è più evidente nella musica sempre presente in ogni angolo delle isole di Capo di Verde; una fusione di samba e di salsa spruzzati con l'Africano tribale che vi coinvolgeranno totalmente nelle lunghe sere verdiane. Se siete amanti delle spiagge fini, del paesaggio incantato dei tropici, delle culture vibranti e ancora genuine ed avete il senso dell’avventura allora le isole di Capo Verde vi deluderanno. La zona è adatta alle immersioni e, in virtù del vento presente anche di windsurf e kite surf, specialmente sui versanti nord­orientali delle varie isole, i più esposti agli alisei. L’organizzazione dell’ospitalità turistica è impeccabile ed offre anche molti svaghi per chi ama la vita notturna. Tutti qui parlano portoghese ed è portoghese anche la gastronomia anche se non mancano le specialità locali, fra cui segnaliamo il “pastel com diablo dentro ovvero la pasta con dentro il demonio, fatta con cipolle, pomodori e tonno fresco in una pasta di patate e farina, il tutto fritto e poi servito bollente. Molto saporite le zuppe locali, come il “Caldo de Peixe” (a base di pesce) con verdure speziate. Il clima di Cabo Verde è tropicale con temperature medie intorno ai 24°C. La stagione secca (il periodo migliore per visitare queste isole) va da Novembre a Giugno. In questo periodo l’arcipelago di Capo Verde è battuto dai venti alisei; la stagione delle piogge va invece da Agosto a Ottobre, quindi periodo poco indicato dato che il cielo è spesso nuvoloso, oltre che per le precipitazioni più abbondanti. Note per il Turista: Non sono richieste vaccinazioni obbligatorie. La vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria se si proviene da aeree endemicamente infette. La moneta locale è l’Escudo Capoverdiano.

Condividi
comments

Curiosità

2.0