LOGO ITALIADAGUSTARE mozzarellabufala125x60 parmigiano115x60 barcampari 115x60

CASTELBUONO (PA) in arrivo il DiVino Festival

In arrivo il DiVino Festival a Castelbuono

Castelbuono

Di Clara Mennella

 

Se questa estate vi trovate in Sicilia durante l’ultimo fine settimana di luglio, l’appuntamento al quale non potete mancare si svolge a Castelbuono, cittadina in provincia di Palermo e “porta” per il parco delle Madonie. Il 29, il 30 e il 31 luglio si svolgerà l’undicesima edizione del Castelbuono DiVino Festival, la kermesse legata al mondo del vino, del cibo, del territorio e dello spettacolo più cool del Sud Italia. Un evento enogastronomico ormai fisso dell'estate castelbuonese, nato dall'idea di Dario Guarcello, grande appassionato di vino, con alle spalle un'esperienza americana che lo ha visto al fianco di Frank Cascio, manager di Michael Jackson, dalla quale ha maturato la decisione di puntare sul proprio territorio per portarne in alto la cultura enogastronomica. Così, insieme ad alcuni amici, organizza il Castelbuono “DiVino Festival”, oggi giunto alla sua undicesima edizione con un numero di visitatori che cresce ad ogni appuntamento.  Questo sarà l’anno della svolta ai vertici perché Guarcello, che ha recentemente ricevuto una carica istituzionale, cede il testimone nientemeno che a Luca Martini il miglior sommelier del mondo 2013 per la Worldwide Sommelier Association che raggruppa le associazioni di ventidue paesi e grande amico del Divino Festival, da qualche anno. La presidenza di Martini conferisce un ulteriore bollino di qualità alla manifestazione, che vedrà il 30 luglio la serata focus sul vino, con oltre 200 cantine da tutta Italia esporre nei suggestivi spazi del Chiostro di San Francesco.  Le serate del 29 luglio e del 31 agosto saranno invece quelle dedicate allo spettacolo, alla musica, al lifestyle e alla cultura, che per questa edizione saranno particolarmente ricche di contenuti grazie agli altri due personaggi che, insieme a Luca Martini, formano il nuovo direttivo; il vicepresidente Patrick De Nisi produttore musicale e organizzatore di eventi high-level e il direttore artistico Daniele Lucca, operatore culturale, autore, attore, conduttore radiotelevisivo, produttore e da tre edizioni il presentatore ufficiale dell’evento. Si inizia “alla grande” la sera del 29 con lo spettacolo live in piazza Castello dell’attore e comico Dario Cassini, conosciuto e amato da diversi anni dal pubblico teatrale e televisivo, la sera del 31 luglio invece si ascolterà e si ballerà la musica della band internazionale Bandakadabra e quella castelbuonese Markangels, che faranno da cornice al momento tanto atteso del “Premio Internazionale GustoDivino”, consegnato a personalità o cantine che si sono distinte nel panorama della cultura enogastronomica nazionale ed internazionale.  L’ideatore della Kermesse e Presidente uscente Dario Guarcello ha dichiarato: “Il DiVinoFestival è nato per diffondere la cultura del vino, del cibo, del bien-vivre e del legame con il territorio che, nel caso di quello madonita, ha offerto negli anni spunti sorprendenti e infiniti. Per quanto riguarda il vino abbiamo ricercato da sempre cantine al di fuori del mainstream ma che abbiano prodotti eccellenti, bei progetti e belle storie da raccontare. Dopo dieci edizioni in crescendo, sono orgoglioso di consegnare la mia creatura in piena forma nelle mani di tre professionisti che stimo e soprattutto amici veri che mi hanno aiutato a farla crescere negli anni.”  

DSC 5776

Abbiamo fatto una domanda ad ognuno dei nuovi vertici, a cominciare dal Presidente Luca Martini:

Luca, che importanza hanno manifestazioni come questa per la comunicazione delle aziende del comparto vinicolo?

Sono manifestazioni importanti e se mi permetti il Divino sta diventando la manifestazione più cool di tutta la Sicilia, non solo per il comparto vinicolo ma anche per quello gastronomico. Tante le novità per l’edizione 2017 piccole e grandi cantine provenienti da tutta Italia pronte a fronteggiare tantissimi appassionati e ristoratori provenienti da tutta la Sicilia per questi 3 giorni all’insegna del vino, del gusto e soprattutto della grande cultura. Vino, cibo, arte e musica si fondono assieme. Per i produttori locali  è un momento fondamentale per diventare internazionali e per gli altri un momento per stringere sinergie locali.#worldbestsommelier

A Patrick De Nisi chiediamo:

Quanto desiderio c’è nel pubblico di momenti di intrattenimento che alla leggerezza uniscano anche cultura e conoscenza del territorio e dei suoi prodotti?

“Oggi l’intrattenimento si sposa con la cultura del territorio e il modo migliore per conoscerlo è farlo attraverso le sue tipicità. La promozione territoriale va fatta con i prodotti, questa è la chiave dei nuovi format di eventi, il pubblico cerca e chiede questa risposta simbiotica tra cultura e territorio.

E chiudiamo chiedendo a Daniele Lucca:

A che livello è arrivata l’interazione fra il mondo musicale e quello enogastronomico e quali sono le cose che ti hanno fatto innamorare da subito di questa manifestazione?

“L'interazione tra il mondo musicale o meglio tra il mondo artistico “tout court”, vedi il cinema, il teatro, la fotografia, le nuove forme d'arte ed il mondo enogastronomico non è mai stata così florida ed ha raggiunto livelli inaspettati in passato. In tempi antichi questa interazione nasceva grazie agli Artisti ed ai loro mecenati durante i banchetti. Mi vengono in mente i banchetti luculliani del mondo classico o i grandi banchetti barocchi dove il cibo diventava esso stesso forma d'Arte e spettacolo ma tutto ciò era fruito solo da una élite di potere. Oggi i piaceri del cibo e del vino, il diritto al piacere, il diritto al buono, pulito e giusto, sono diritti godibili da ognuno di noi, di qualsiasi ceto o provenienza ed in molti casi ci avviciniamo ad essi, ne godiamo appieno o ne siamo suggestionati ed ispirati anche grazie alle Arti compresa la musica. Le cose che mi hanno innamorato del Divino Festival? L'entusiasmo ed il carattere dei Castelbuonesi, la loro Cultura dell'Ospitalità, che se è dono meraviglioso dei siciliani è ancor di più “genio” nei Castelbuonesi. L'incontro con Dario Guarcello avvenuto anni fa al Vinitaly è stato fondamentale, da qui gli incontri successivi avvenuti, grazie allo spirito e alla sensibilità che ci accomuna, con personaggi fondamentali per il Premio e per la sua vita presente e futura... Dario ed io ci rifacciamo quotidianamente ad una frase di V. De Moraes: “Amico, la Vita è l'Arte dell'Incontro”.

 

Per maggiori informazioni:

www.divinofestival.it  / Pagina facebook/DiVino Festival

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Italia da Gustare