LOGO ITALIADAGUSTARE mozzarellabufala125x60 parmigiano115x60 barcampari 115x60

AD ALTA QUOTA TRA LE STELLE: FUGA ROMANTICA ALLE TERME

di Sandro Nobili

Il lungo periodo delle festività di fine anno è il momento giusto per sollevarsi dalle fatiche dell’anno vecchio, così da farsi trovare pronti e rigenerati per affrontare con rinnovato vigore quello nuovo. Un soggiorno dedicato alla cura di sé in una delle tante località termali italiane o nelle spa di grandi e piccole strutture ricettive cittadine, in montagna o al lago, è ideale per ritrovare equilibrio psicofisico, energia e armonia interiore.

bagni di apollo image


Cover MI24 Dicembre 2017 - 395xTratto da "Milano 24orenews" - dicembre 2017

TERME DI BORMIO

“In cima alla Valtellina c’è Burmi. A Burmi sono i Bagni” scriveva Leonardo da Vinci nel Codice Atlantico, dopo aver soggiornato nella ridente località della Valtellina famosa per le sue acque. Ancora oggi Bormio è un punto di riferimento per le vacanze wellness in montagna, ove ci si può rilassare in tre centri termali differenti.

QC Terme Bagni Vecchi. Si respira aria di storia nei suggestivi Bagni Vecchi, unici e speciali nel panorama termale Europeo. I Bagni Romani e la grotta sudatoria di San Martino ci regalano un vero tuffo nel passato. La panoramica vasca a cielo aperto, a picco sulla vallata di Bormio offre d’inverno l’emozione (e il tepore) di un bagno antistress circondato dalla neve.

QC Terme Bagni Nuovi. Il Grand Hotel annesso al centro termale fu inaugurato nel 1836. Dopo una lunga chiusura e un ampio lavoro di restauro conservativo l’hotel e le terme sono state riaperte nel 2003. La principale differenza con i Bagni Vecchi è data dall’estensione dei servizi termali verso l’esterno (10 vasche termali nel grande giardino di Venere) e dall’atmosfera liberty.

Bormio terme è un centro moderno ove si possono effettuare le cure termali classiche (fanghi - inalazioni - fisioterapia - riabilitazione) oppure un bagno termale. Ideale per che ama nuotare, per chi ha solo poco tempo e per le famiglie con bambini.

Non solo terme. Il centro storico di Bormio offre l’occasione di rilassanti passeggiate tra palazzi dagli antichi portali in pietra, chiese in stile romanico con affreschi trecenteschi sulla facciata (come la Chiesa di San Vitale) e vie acciottolate incorniciate da archi e fontane. Piazza Cavour, un tempo centro della vita della cittadina, oggi incanta per via del caratteristico loggiato medievale protetto da una tettoia in legno, che anticamente serviva per amministrare la giustizia e ora è riservato a manifestazioni e spettacoli. Merita una visita la Collegiata dei Santi Gervasio e Protasio, fondata nel XII secolo ma ricostruita all’inizio del ‘600, in seguito a un incendio.

Appuntamenti Gourmet. Aperitivo al Bar Bormio o nell’elegante Café Mozart, in stile viennese, con in sottofondo le sinfonie del più popolare genio della storia della musica. Per i patiti di gastronomia è d’obbligo un salto da “Il Salumaio”, arredato come una boutique d’antiquariato: bresaole e slinzeghe, naturalmente, ma anche salami e violini di capra, formaggi Casera, Scimudin e Bitto. Per una cena all’insegna della tradizione, “Vecchia Combo”, prepara ottimi pizzoccheri, ‘sciatt’ e polenta taragna, mentre a “La Rasiga” zuppe, carni alla griglia, spezzatino di cervo con polenta, torta di grano saraceno al ripieno di mirtilli sono tra le specialità degli chef Franco e Luigi Colturi (ex discesisti della nazionale italiana). L’atmosfera più elegante rimane quella del ristorante “Al Filò”, con proposte dal tocco più ricercato: carpaccio di cervo, straccetti di trota, tortelloni con ripieno di brasato di lepre in sfoglia di maggiorana.

 

TERME DI SIRMIONE

Aquaria Terme   notteA metà strada tra Milano e Venezia si trova uno dei più antichi e lussuosi centri benessere italiani, tra i più rinomati e conosciuti d'Europa. Nonostante le radici storiche di Sirmione affondino nei secoli “avanti Cristo”, risale alla fine ‘800 la scoperta della sorgente termale della Boiola, e ai primi del ‘900 il primo stabilimento termale. Ambiente unico e suggestivo, la sottile penisola si protende all'interno del lago di Garda con oltre mille mq di piscine termali e due stabilimenti all’avanguardia per la cura delle patologie dell'apparato respiratorio, per il trattamento delle affezioni reumatiche e la riabilitazione motoria. È il luogo ideale per ritrovare equilibrio psicofisico, energia e armonia interiore. Le Terme di Sirmione sono consigliate sia per trattamenti estetici, legati al benessere, che per trattamenti curativi delle più diverse patologie. Una grande varietà di trattamenti di fascia alta e una lunga serie di strutture di charme completano il quadro di questa località esclusiva adatta a soggiorni di benessere, relax e lusso. La struttura principale delle Terme consta di due stabilimenti i cui nomi sono legati ai due più famosi personaggi della zona: Catullo e Virgilio, il primo nel cuore della cittadina, il secondo presso la frazione di Colombare di Sirmione. L'acqua sulfurea salsobromoiodica che sgorga dalle profondità del Lago di Garda alla temperatura costante di 69°, alimenta il Centro Benessere Termale Aquaria che offre numerosi trattamenti personalizzati di bellezza, salute e medicina estetica, e aree relax polisensoriali.

Non solo terme. Sirmione offre una varietà di cose da fare e da vedere. Assolutamente da non perdere un giro in centro in questa cittadina che sorge sulle acque, con la sua atmosfera incantata fra palazzi medioevali e negozi di lusso. Punto d'accesso al centro storico, la Rocca Scaligera (imponente struttura difensiva che risale al XIII sec.) è uno fra i più completi e meglio conservati castelli d'Italia, oltre che raro esempio di fortificazione lacustre. Da non mancare una visita alle Grotte di Catullo, nell’area archeologica in cui sono stati scavati i monumentali resti di una Villa Romana in cui si pensa risiedesse il poeta latino. Inoltre, a poca distanza da Sirmione si trovano tante altre notevoli località sul lago come Desenzano, Salò, Peschiera, Bardolino, Lazise… Sono bellissime nel periodo natalizio, illuminatissime, con presepi sotto acqua, locali e negozi aperti fino a tardi.

terme di Merano capodanno

TERME DI MERANO

Ad una trentina di chilometri da Bolzano, la città termale di Merano è attorniata da cime alpine d’alta quota, la cui altitudine raggiunge anche i 3.300 metri. Conosciuta già nell’Ottocento come stazione di cura per il clima particolarmente mite, Merano vide crescere la sua fama come stazione climatica a seguito della visita dell’imperatrice Sissi, all’apertura del primo stabilimento idroterapico ad acqua fredda (nel 1840). Il moderno termalismo di Merano nasce però solo nel 1933, anno in cui viene scoperta sull’altopiano di San Vigilio una sorgente di acqua contenente ‘radon’, che viene da allora in poi canalizzata a valle verso l’istituto fisioterapico. Lo stabilimento termale di Merano vero e proprio apre però solo nel 1972, per lo sfruttamento intensivo della caratteristica acqua di Monte San Vigilio. Quest’acqua è classificata come “radioattiva leggera” per la caratteristica presenza di modiche quantità di radon, gas estremamente solubile in acqua che conferisce a queste sorgenti un efficace potere terapeutico sulle patologie osteo-artro-muscolari.

Non solo Terme. Nel periodo precedente il Natale, quello a cavallo fra novembre e dicembre, Merano e molte cittadine dei dintorni come Lana e Scena si animano dei famosi Mercatini dell’Avvento, dove è possibile ammirare ed acquistare i prodotti della lavorazione artistica artigianale del Sud Tirolo. In inverno inoltrato, nel periodo della neve, è naturalmente lo sport invernale ad essere protagonista: Merano è infatti al centro di ben cinque comprensori sciistici, visitabili volendo con una stessa Merano Ski Card, fra i quali l’area Merano 2000, il comprensorio sciistico che domina la cittadina alto-atesina. Gli altri comprensori sciistici dei dintorni sono Plan in Val Passiria, Schwemmalm in Val d’Ultimo, Monte San Vigilio e il ghiacciaio della Val Senales.

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Italia da Gustare