LOGO ITALIADAGUSTARE mozzarellabufala125x60 parmigiano115x60 barcampari 115x60

La funivia del Monte BIANCO si tinge di ROSA

La funivia del Monte BIANCO si tinge di ROSA

La funivia capolavoro d’ingegneristica italiana celebra l’arrivo del Giro d’Italia con una cabina personalizzata.

Cabina Rosa SKYWAY MONTEBIANCO r

Il primo dicembre ha riaperto per la stagione invernale SKYWAY MONTE BIANCO con una sorpresa colorata: una della quattro cabine rotanti sarà rosa in onore dell’arrivo della 14esima tappa del giro d’Italia. Il 25 maggio 2019 è infatti previsto un arrivo di tappa proprio alla partenza della spettacolare funivia, da qui il nome Courmayeur Skyway Monte Bianco, che per la prima volta vede una tappa prendere il nome di una funivia. Una tappa 5 stelle tutta valdostana che, nella terra delle vette che superano i 4.000 metri, non poteva che essere durissima: partenza da Saint Vincent, 4.000 metri di dislivello positivo, 131 km, salite lunghe e pendenza elevata renderanno la tratta particolarmente intensa e difficile, per un percorso davvero mozzafiato. Un’occasione unica, che Skyway Monte Bianco ha deciso di festeggiare con una cabina personalizzata in rosa che collegherà il primo tronco Courmayeur – Pavillon, la cui stazione farà da sfondo alla premiazione della tappa 14 Courmayeur Skyway Monte Bianco della manifestazione ciclistica, per la gioia di appassionati di ciclismo e turisti. Il giro d’Italia quest’anno arriva nel punto più alto d’Italia e tinge il Monte Bianco di Rosa.

“Tingere lo Skyway di rosa è un modo originale, efficace e coerente per raccontare una delle tappe più attese del prossimo Giro d’Italia.” – dichiara Roberto Salamini, Head of Marketing & Communication RCS Sport. “Lo Skyway proprio come il Giro d’Italia è emozione, rispetto per l’ambiente, tecnologia e voglia di coinvolgere le persone offrendo uno spettacolo unico. Sono certo che il pubblico italiano e straniero apprezzeranno il Rosa che il Giro d’Italia e lo Skyway porteranno in questi maestosi panorami”.

A proposito di Skyway Monte Bianco

Skyway Monte Bianco non è solo una funivia, è un’idea: avvicinare l’uomo alla montagna e al cielo, allargare gli orizzonti e superare i confini. Una meraviglia tecnologica di ingegneristica italiana che offre un’esperienza di viaggio indimenticabile, in grado di coinvolgere tutti i sensi, accompagnandoli verso il punto più vicino al Monte Bianco, per arrivare là dove lo sguardo si perde. Situate a Courmayeur, nel cuore delle Alpi della Valle d’Aosta, le nuove funivie del Monte Bianco - inaugurate a giugno 2015 - non sono un semplice mezzo di trasporto, ma sono il modo più sensazionale e più veloce di raggiungere il punto più vicino alla cima del Monte Bianco e la maestosità dei ghiacciai, da cui partono percorsi alpinistici e fuori pista che collegano la regione con la Francia e la Svizzera. Le quattro cabine, dalla linea sobria e di forma semisferica, sono strutture panoramiche che ruotano delicatamente a 360° durante tutta la salita, offrendo una vista unica sul Gigante d’Europa e sulle vette circostanti come il Cervino, il Monte Rosa e il Gran Paradiso, accompagnando i visitatori fino all’ultima stazione a 3.466 metri in soli 15 minuti in un crescendo di emozioni da vivere in una dimensione straordinaria, in equilibrio tra terra e cielo. Skyway Monte Bianco consente a tutti di vivere un’esperienza unica in cui si combina alla perfezione la meraviglia della natura e quella della tecnologia.

LE STAZIONI - Skyway Monte Bianco collega e rende facilmente accessibili le tre stazioni di Courmayeur (1.300 m), Pavillon du Mont Fréty (2.200 m) e Punta Helbronner (3.466 m), inserendosi in modo armonioso e sostenibile nel contesto naturale della montagna, grazie alle cabine trasparenti che salgono silenziose lungo il percorso e al design delle stazioni in vetro e acciaio. Da qui è facilmente raggiungibile il Rifugio Torino e partono percorsi alpinistici e fuori pista come quello del ghiacciaio del Toula, del Marbrées, i 24 Km della Vallée Blanche, che conducono fino a Chamonix, e quello del ghiacciaio della Brenva, nella zona dell’Aguille d’Entrèves.

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Italia da Gustare